Il conte Ory (Le Comte Ory) (DVD) - DVD

Il conte Ory (Le Comte Ory) (DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno: 2018
Supporto: DVD

€ 26,99

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,98 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 24,99 €)

Libretto di Eugène Scribe e Charles-Gaspard Delestre-Poirson - Regia di Linda Mallik.
L'ultima opera comica di Rossini, Le Comte Ory, non è affatto la più frequentemente eseguita, ma è stata considerata da Berlioz il suo "capolavoro assoluto" ed ottiene sempre molta attenzione quando viene rappresentata. L'edizione 2007 del CD di Naxos di questa opera (NAX 660207-08) è stata considerata dal MusicWeb International come "una versione altamente raccomandabile di una delle commedie più vivaci di Rossini". La storia audace di Le Comte Ory ha le sue origini nel teatro del vaudeville e si basa, fra sottile umorismo e travestimenti buffi, sulle vicende di un conte malvagio che tenta la seduzione della contessa Adèle mentre attende il ritorno del marito dalle Crociate. Il lavoro della regista Linda Mallik è stato oggetto di considerazione e di grandi elogi della critica internazionale.
  • Produzione: Naxos, 2018
  • Distribuzione: Ducale Music
  • Gioachino Rossini Cover

    Compositore.Gli esordi. Suo padre, Giuseppe Antonio, «pubblico trombetta» (banditore) del comune di Pesaro, integrava i guadagni suonando il corno nelle manifestazioni teatrali e nelle pubbliche accademie; sua madre, Anna Guidarini, era una cantante che svolse una breve carriera nei teatri marchigiani e a Bologna. Nel 1802 a Lugo, dove la famiglia si era trasferita, R. poté studiare in casa dei fratelli Luigi e Giuseppe Malerbi. Fu quest'ultimo che gli fece conoscere, con ogni probabilità, lavori di Mozart e Haydn, conoscenza testimoniata dalle sei Sonate a quattro per violini, violoncello e contrabbasso, scritte all'età di dodici anni, nel 1804, quando R. non aveva preso, secondo le sue stesse parole, alcuna «lezione di accompagnamento». Non sembra dunque che quando, nel 1806 (anno in cui... Approfondisci
Note legali