Continuavano a chiamarlo Trinità

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Enzo Barboni
Paese: Italia
Anno: 1971
Supporto: DVD
Salvato in 68 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 8,00 €)

Trinità, insieme al socio in traffici illeciti Bambino, suo rude ma bonario fratello, vengono creduti agenti federali da un signorotto, Parker, che traffica con armi destinate ai ribelli messicani. I due sono decisi a sfruttare al meglio questo equivoco e penetrano nel convento assaltato da Parker e usato da lui come deposito. Ma Parker, scoperto l'inganno.
5
10
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    leo

    16/05/2020 08:11:01

    secondo film della serie, con gli impareggiabili Bud Spencer e Terence Hill, unici nel loro genere

  • User Icon

    Paolo

    23/09/2019 15:55:52

    Il secondo capitolo di questa piccola saga entrata a pieno titolo nella sotria del cinema. I protagonisti si ritrovano e tra sparatorie e scazzottate fanno trascorrere le 2 ore del film in allegria. Come per il precedente un film adatto a tutta la famiglia.

  • User Icon

    La tarantola

    23/09/2019 14:30:00

    Sweetwater, un pezzo di terra vicino a Flagstone (un'immaginaria città del West), contiene l'unica fonte d'acqua della regione, ed è al centro di un conflitto. Il terreno è stato acquistato da Brett McBain, il quale prevedeva che la ferrovia transcontinentale in costruzione sarebbe dovuta passare attraverso quella zona per avere l'acqua necessaria alle locomotive a vapore. Quando il magnate delle ferrovie Morton ne viene a conoscenza, manda il suo sicario Frank a intimidire semplicemente McBain per andarsene dalla terra, ma Frank invece uccide McBain e i suoi tre figli, lasciando delle prove per incriminare il bandito Cheyenne.

  • User Icon

    Massimiliano

    01/09/2019 12:59:57

    Bellissima storia allegra e divertente.

  • User Icon

    gigi

    08/03/2019 18:36:43

    Capolavoro assoluto, dopo il primo però. La coppia funziona come non mai in questi western.

  • User Icon

    stefano

    08/03/2019 08:48:24

    Seconda parte del film "Lo chiamavano Trinità" : altro capolavoro.Ci sono tutti gli ingredienti che hanno fatto entrare nel mito i film con protagonisti Bud Spencer e Terence Hill: scazzottate e battute senza soluzione di continuità.Da acquistare e rivedere: ottimo antidepressivo.

  • User Icon

    Giorgio

    06/03/2019 09:19:39

    Come per il primo Trinità questo seguito è tra i migliori film della coppia Bud & Terence . I 2 Trinità li consiglio vivamente a tutti, film intramontabili.

  • User Icon

    Ernesto

    24/10/2018 13:15:13

    Nel mio precedente commento mi sono dimenticato di stendere un velo pietoso sul giocatore d'azzardo (pure professionista) Wild Cat Hendriks, il quale avendo di prima mano un poker, al cambio carte si è dichiarato servito.

  • User Icon

    Juri

    18/09/2018 20:28:09

    BUD SPENCER, TERENCE HILL...mitici!! Dare 5 stelle a questo film sarebbero troppe poche un film divertente come pochi, non mi stanco mai di rivederlo se pur sono passati molti anni dall'uscita

  • User Icon

    Ernesto

    12/04/2017 13:18:57

    Qui la "Mustang Entertainment" è stata superlativa, presentando per la prima volta il film in versione integrale, con scene mai viste prima. Sinceramente quando sulla copertina ho visto edizione integrale ho pensato che avessero aggiunto le scene tagliate nella precedente edizione, ma invece c'è molto di più. Cinque stelle sono poche, ma purtroppo di più non si può.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Produzione: Mustang Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 121 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: speciale: "Continuavano a chiamarlo Trinità" a cura di Mario Sesti - "La mia vita da bambino" a cura di Mario Sesti; trailers; scene inedite in lingua originale
  • Terence Hill Cover

    "Nome d'arte di Mario Girotti, attore e regista italiano. Di madre tedesca e padre italiano, trascorre l’infanzia a Dresda, in Sassonia. Debutta nel cinema a dodici anni in Vacanze con il gangster (1952) di D. Risi, poi partecipa a film assai diversi tra loro (da Gli sbandati, 1955, di F. Maselli, a La grande strada azzurra, 1957, di G. Pontecorvo, da Le meraviglie di Aladino, 1961, di H. Levin e M. Bava, a Il Gattopardo (1963) di L. Visconti, spesso in ruoli secondari, per potersi pagare gli studi classici. Negli anni ’60 soggiorna in Germania dove è impegnato in alcuni film western e di avventura. Nel 1968 interpreta l’ironico spaghetti-western Dio perdona... Io no! di G. Colizzi. Si tratta di un film cruciale: durante le riprese in Almeria incontra L. Hill, che sposa e da cui prende il... Approfondisci
  • Bud Spencer Cover

    Nome d'arte di Carlo Pedersoli, attore italiano. Campione di nuoto, trascorre alcuni anni in Sud America e – tornato in Italia – si laurea in giurisprudenza, prima di debuttare sul grande schermo come comparsa in Quo vadis? (1951) di M. LeRoy. Scelto dal regista G. Colizzi, abbandona definitivamente lo sport (nel 1952 aveva partecipato alle Olimpiadi di Helsinki come nuotatore e giocatore di pallanuoto), cambia nome nel 1967 e si dedica al cinema, recitando accanto a T. Hill nei western I quattro dell’Ave Maria (1968) e Dio perdona... io no! (1968), entrambi di Colizzi. In Lo chiamavano Trinità... (1970) e Continuavano a chiamarlo Trinità... (1971) di E.B. Clucher, la coppia Hill-Spencer modifica pro­fon­da­men­te il western all’italiana, che si allontana sempre più dal modello americano e... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali