Controcorrente - Joris-Karl Huysmans,Fabrizio Ascari - ebook

Controcorrente

Joris-Karl Huysmans

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Fabrizio Ascari
Editore: Mondadori
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,14 MB
Pagine della versione a stampa: XXVIII-304 p.
  • EAN: 9788852043789
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pubblicato in Francia nel 1884, "Controcorrente" (noto anche come "A ritroso") ha segnato in profondità l'immaginario culturale europeo, influenzando la visione dell'arte e della vita, tra gli altri, di Oscar Wilde, Gabriele D'Annunzio e Marcel Proust. Considerato il manifesto, o meglio, la bibbia del decadentismo, il romanzo segue le vicende del protagonista, Jean Floressas des Esseintes, impegnato a sconfiggere la Natura attraverso l'Artificio. La figura di des Esseintes, a sua volta modellata su quella reale del conte Robert de Montesquiou, divenne il prototipo di tutti gli esteti e i dandy di fine secolo. Romanzo atipico, con un solo personaggio, privo di dialogo e delle tradizionali soluzioni narrative, "Controcorrente" si dispiega in un universo di eccentricità, stravaganze, follie, inquietudini, deliri, descritto con un linguaggio prezioso, sfolgorante di inusuali metafore; una scrittura nella quale ogni singola parola, scelta con l'accuratezza e l'amore per la rarità tipici del collezionista, scintilla e luccica, in una perfetta corrispondenza tra lingua e personaggio. Con uno scritto di Guy de Maupassant e uno scritto di Jules Barbey d'Aurevilly.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,41
di 5
Totale 4
5
3
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Michele Ferrara

    19/09/2019 12:01:06

    Opera fondamentale per il decadentismo, una corrente che inizia e si chiude con questo romanzo perché racchiude tutta la poetica di uno stile. Ha ispirato il Dorian Gray di Wilde e Il Piacere di d'Annunzio, tra le altre cose, ma la ricchezza formale qui raggiunta, che si sposa perfettamente con l'arficiosità del pensiero estitico del protagonista, lo rendono irragiungibile. Controcorrente è un'opera da far leggere sia ai misantropi e sia a chi li odia perché è una chiara critica ai primi, a quello stile di vita vacuo improntato sull'intellettualismo ed il piacere della solitudine nel crogiolarsi dalla cultura acquisita. Lettura fondamentale.

  • User Icon

    Immortalis

    22/09/2018 10:10:39

    Nevrotico e spaesante. Non riesco a trovare altri aggettivi fuorché questi. Il protagonista Des Esseintes non riesce a costruire, a progettare alcunché. "Controcorrente" o "A ritroso" non ha tempo, non ha logica, non ha neanche un non-senso. E' una introspezione continua. Non c'è più un "Io". I libri classici, gli arazzi, i quadri prendono il sopravvento. Odori, sapori e disagi si avvertono fortemente. E' un libro disturbante che mi ha conquistato. L'ho letto in un anno perchè volevo carpire il più possibile, i mal di testa durante la lettura sono stati necessari per addentrarmi in questo non-luogo metaforico. Il "libro giallo" che viene citato ne "Il ritratto di Dorian Gray" è proprio questo : "Controcorrente". Ha corrotto Dorian ed è ancora capace di affascinare e catturare i lettori.

  • User Icon

    linsofferente

    19/09/2018 09:54:56

    Libro magnifico, vero manifesto del decantismo. antiromanzo per eccellenza, consiglio a tutti la lettura. trama scarnificata all'osso, stupende riflessioni del protagonista. una lettura totalmente in antitesi con il concetto di romanzo classico

  • User Icon

    Gulliver...

    25/01/2012 18:12:37

    Un'opera difficile a leggersi, talvolta addirittura indisponente. Senza trama, ha per protagonista il disagio esistenziale di Des Esseintes, un aristocratico che decide di isolarsi dalle volgarità del mondo secolare per affinare i suoi sensi. Che sia un capolavoro e che sublimi in sé lo spirito di un'epoca come pochi altri libri nella storia sono riusciti a fare, è fuori di dubbio, ma non è altrettanto pacifico che chiunque sia in grado di leggerlo. Huysmans adotta un lessico arduo, fa spesso ricorso a linguaggi settoriali, si richiama ad autori poco conosciuti e giudica severamente quelli celebri. Per approciarsi nel modo corretto al testo occorre accantonare le proprie opinioni su qualsiasi argomento e far proprie per un attimo quelle di Des Esseintes. Solo al lettore che riesca a far ciò le immaginifiche pagine di "A rebours" concederanno realmente la propria anima seducente e luciferina.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Joris Karl Huysmans Cover

    Scrittore francese d'origine olandese, Huysmans ha influenzato moltissimo la nascita del romanzo decadente. Nato a Parigi, daal 1866 al 1898 fu impiegato al Ministero degl'interni e visse una vita laboriosa e monotona. Ritiratosi con una modesta pensione prima di raggiungere i limiti d'età, si recò a vivere nell'abbazia benedettina di Ligugé, dove era spinto dal suo fervore religioso e dove fece professione d'oblato. Qui nel 1900 lo raggiunse la nomina a membro dell'Académie Goncourt. Espulsi dalla Francia gli ordini religiosi, lo scrittore ritornò a Parigi. Morì d'un cancro alla gola, dopo atroci sofferenze sopportate con animo fortemente cristiano. Era il visibile e solenne suggello della sua conversione, di cui più d'un correligionario aveva... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali