Categorie

Controluce. Effetti dell'illuminazione artificiale in Pirandello

Silvia Acocella

Editore: Liguori
Collana: Letterature
Anno edizione: 2006
Pagine: 128 p., Brossura
  • EAN: 9788820739546
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,74

€ 14,99

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

L'illuminazione elettrica cambia radicalmente la percezione del mondo. Pirandello inverte umoristicamente lo sguardo e, mostrando l'oscurità laddove c'è la luce, vede nell'ombra prodursi gli svelamenti e le larve evanescenti dei futuri personaggi. A punteggiare le sue trame è un lumen opacatum, impastato di tenebre: dentro uno sconfinato «bujo pesto», come i brevi cerchi della lanterninosofia de Il fu Mattia Pascal, affiora la luce tenue dei lampioni, della «lampa ad olio» di Enrico IV, quella colorata dei riflettori o tremula degli schermi luminosi, finanche una «luce verde di miracolo», legata alla visione dell'oltre. Questa metaforica "controluce" pirandelliana è confrontata per la prima volta con i testi dei teorici europei della metropoli, Endell, Simmel, Sombart e soprattutto Benjamin.