Controluce. Effetti dell'illuminazione artificiale in Pirandello

Silvia Acocella

Editore: Liguori
Collana: Letterature
Anno edizione: 2006
Pagine: 128 p., Brossura
  • EAN: 9788820739546
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,24

€ 14,99

Risparmi € 0,75 (5%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

L'illuminazione elettrica cambia radicalmente la percezione del mondo. Pirandello inverte umoristicamente lo sguardo e, mostrando l'oscurità laddove c'è la luce, vede nell'ombra prodursi gli svelamenti e le larve evanescenti dei futuri personaggi. A punteggiare le sue trame è un lumen opacatum, impastato di tenebre: dentro uno sconfinato «bujo pesto», come i brevi cerchi della lanterninosofia de Il fu Mattia Pascal, affiora la luce tenue dei lampioni, della «lampa ad olio» di Enrico IV, quella colorata dei riflettori o tremula degli schermi luminosi, finanche una «luce verde di miracolo», legata alla visione dell'oltre. Questa metaforica "controluce" pirandelliana è confrontata per la prima volta con i testi dei teorici europei della metropoli, Endell, Simmel, Sombart e soprattutto Benjamin.