Le convulsioni - Francesco Albergati Capacelli - ebook

Le convulsioni

Francesco Albergati Capacelli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9780244606855

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

« Chi non conosce il mondo, chi non condusse vita socievole, chi non bene osservò i vari sintomi delle passioni, dei difetti, dei vizî esser potrebbe un eccellente scrittore di tutt'altro che di commedie. Manca tutto ad uno scrittor di commedie se non ha passati in rivista molti originali, molti e molti avvenimenti, moltissime combinazioni. Ma dall'altro canto se poi l'autor di commedie ha molto veduto, osservato, sperimentato, dovrà soffrire in se medesimo un freno gagliardo, un ritegno a scrivere liberamente. Temerà sempre che dai leggitori e dagli spettatori si facciano nelle vicende ch'ei loro espone allusioni, applicazioni, imputazioni mordaci a tale o tal altro soggetto, e avrà l'angustia nell'animo di promovere la derisione e il motteggio contro d'alcuno. » (Francesco Albergati Capacelli, Dalla prefazione a Le convulsioni)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Albergati Capacelli Cover

    (Bologna 1728-1804) commediografo italiano. Aristocratico, di formazione illuminista, fu aperto a idee riformatrici e filantropiche, ma di fronte alla rivoluzione francese assunse un atteggiamento decisamente ostile. Si occupò di teatro come autore, traduttore e attore dilettante. Nelle sue commedie (raccolte nei 5 libri del Nuovo teatro comico, 1774-78) satireggiò la società retriva del suo tempo e gli ambienti nobiliari, scostandosi dai moduli della commedia all’improvviso: partecipò così attivamente al tentativo di rinnovare il teatro comico, sull’esempio di Goldoni, di cui fu amico, e al quale dedicò L’amor finto e l’amor vero (1760). Fu amico anche di Alfieri e corrispondente di Voltaire. Approfondisci
Note legali