Coppi ultimo - Marco Pastonesi - ebook

Coppi ultimo

Marco Pastonesi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: 66th and 2nd
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,39 MB
Pagine della versione a stampa: 199 p.
  • EAN: 9788832970876

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Sport - Ciclismo

Salvato in 2 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il 2 gennaio 1960, nell’ospedale civile di Tortona, si spegne il più grande sportivo italiano del Novecento, «forse il più grande di sempre», ucciso a quarant’anni da una malaria non diagnosticata e divampata in un corpo usurato da troppe fatiche. Dell’epopea di Fausto Coppi, della sua rivalità con Bartali, della prigionia e degli scandali si sa tutto, o quasi. Ma il Coppi meno conosciuto, meno raccontato, è proprio quello del 1959. È il suo ultimo anno di uomo e campione, di industriale e manager. Una giostra di ingaggi, passerelle, sconfitte. Un lungo, frenetico addio al mondo del ciclismo, ma anche un silenzioso addio alle mogli, ai figli, ai tifosi, alla gente e alle case di Castellania, «una muta punteggiatura del paesaggio e dell’umanità». L’ultima Roubaix, l’ultimo Baracchi, l’ultimo Tour – non disputato, ma vinto dal suo discepolo migliore –, fino a quell’ultimo viaggio, «inatteso» e fatale, nell’Alto Volta. Un Coppi stremato, esaurito, sfinito eppure ancora curioso, incapace di scendere dalla bici, dove continua a esibirsi con uno stile impeccabile – una perfetta fusione di «muscoli e telaio» –, portando a spasso la propria leggenda a due ruote. Un Coppi inedito, raccontato in mille storie minime ed esemplari – un mito, tutt’altro che ultimo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Massimo

    26/09/2019 18:01:22

    Lungo, documentato e affettuoso ritratto della cronaca dell'ultimo anno di vita di Coppi, il 1959, a 40 anni, ancora in corsa, ancora impegnato alla ricerca di un traguardo. Il campione è stanco, ormai non più competitivo, ma rispettato in gruppo - un suo corridore vince il Tour, anche grazie ai suoi consigli - e attento a far crescere una nuova generazione di atleti, anzi pronto nel 1960 a gareggiare ancora per un'ultima volta in una squadra guidata da Bartali dall'ammiraglia e da Coppi in sella, una sorta di ritorno alle origini quando Coppi era il giovane gregario e Bartali il vecchio capitano. In controluce, quasi sottotraccia, come se Pastonesi non avesse voluto calcare i toni e la loro rappresentazione - le figure che hanno segnato la vita di Coppi e gli ultimi anni - le donne, gli avversari - e il contesto di un'Italia ancora contadina nei modi e nelle scelte. Pastonesi rimane a fianco della narrazione, fa parlare i fatti e le persone e ci trasmette tutta la sua passione e il suo affetto per l'airone.

  • Marco Pastonesi Cover

    Ex ciclista ed ex giocatore di rugby di serie A, è una firma della «Gazzetta dello Sport», per la quale ha seguito dodici Giri d’Italia, nove Tour de France e un’Olimpiade, ma anche due Giri del Ruanda e uno del Burkina Faso. Ai suoi sport preferiti ha dedicato diversi libri, tra cui Gli angeli di Coppi, Il diario del gregario, La corsa più pazza del mondo (con prefazione di Gianni Mura), Ovalia e il Dizionario degli All Blacks. Ha intervistato campioni e uomini famosi legati agli sport. Grazie a Il terzo tempo e In mezzo ai pali ha ottenuto il premio Ussi-Coni 2002 per i migliori racconti di sport.Insieme a Giorgio Terruzzi ha scritto anche due libri di battute e aforismi sul calcio e, in generale, sullo sport. Approfondisci
Note legali