Il coraggio di essere stupidi. Nuovi modelli di leadership

Anna Zanardi

Editore: Tecniche Nuove
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 3 febbraio 2011
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 156 p., Brossura
  • EAN: 9788848126076
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,34
Descrizione
Partendo da una riflessione sull'attuale crisi, l'autrice mette in luce come menti brillanti e preparate a dominare situazioni complesse siano state incapaci di reagire in maniera efficace, e propone di rivedere i concetti di "stupidità" e "intelligenza". Se per "stupido" non ci si limita al significato opposto di "intelligente", per considerarlo invece un concetto complementare e addirittura geniale e innovativo, allora si può forse dare un senso nuovo alla situazione attuale. Per costruire le future organizzazioni occorreranno nuove competenze, nuove caratteristiche manageriali e di leadership. Possiamo ritenere anche la "stupidità" una risorsa preziosa? E che cos'è il coraggio se non la dote che consente di superare logiche e modelli dimostratisi del tutto superati e, quindi, inadeguati? È a queste domande che il libro cerca fornire risposte presentando ipotesi di lavoro volte a immaginare un mondo diverso (nei suoi fondamenti e nella sua etica) rispetto a quello "intelligente" esploso nel delirio autodistruttivo che stiamo ancora vivendo. A introdurre il libro di Anna Zanardi è l'"Elogio della stupidità" scritto da Renzo Rosso, fondatore e proprietario di Diesel, brand italiano dell'abbigliamento che oggi vanta punti vendita in tutto il mondo: nella primavera del 2010 Diesel ha avviato una grande campagna pubblicitaria all'insegna del motto "Be Stupid", che avvalora proprio i contenuti esposti in questo libro.

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Evangelista Carlo

    08/07/2018 16:50:16

    Il testo è ben scritto, ma tradisce le attese che il titolo promette. In sostanza si tratta di un libercolo che offre un riassunto ben ordinato di concetti di psicologia, utili a chi ne è poco avvezzo a trattarli. Nulla a che fare con quanto premesso anche nella prefazione. La dott. Zanardi, in quanto consulente ed executive coach per conto di Aziende, avrebbe potuto spaziare in lungo e in largo sulle idiosincrasie che il mondo imprenditoriale vive al suo interno, e correlare queste ad un discorso di sana psicologia. Invece si limita a dare i "buoni consigli della nonna", cosa che già fanno indiscutibilmente bene le riviste di gossip alla sezione dedicata alla psicologia. Il suo tentativo, posto all’inizio del testo, di fondare filosoficamente il suo pensiero, pecca di superficialità e di scarsa conoscenza filosofica. I collegamenti con la psicologia hellingerniana, anche se pertinenti, sono deboli, superficiali, meno di un compito in classe di uno studente svogliato di liceo. Infine, la bibliografia, anche se spazia a studi internazionali, è scarsa, scarsissima.

Scrivi una recensione