La corte (DVD)

L' hermine

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: L' hermine
Paese: Francia
Anno: 2015
Supporto: DVD
Salvato in 18 liste dei desideri
Michel Racine è il temuto Presidente di una corte di assise. È molto severo con se stesso e con gli altri. È soprannominato il "giudice a due cifre", perchè le sue condanne non sono mai inferiori a dieci anni. Ma ogni cosa viene sconvolta dalla comparsa di una donna, Ditte Lorensen - Coteret. Fa parte della giuria in un processo per omicidio. Sei anni prima, Racine si era innamorato di lei. Quasi in segreto. È lei l'unica donna che abbia mai amato.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    enza

    17/10/2016 16:26:06

    Commedia molto intelligente. Il protagonista, un giudice, anzi, un presidente di tribunale (come lui stesso più volte sottolinea) rivede casualmente nella giuria popolare di un processo una donna di cui si era innamorato tempo addietro. In parallelo il film racconta la relazione un po' impacciata tra i due e le udienze di un processo per infanticidio, senza tuttavia soffermarsi troppo sulla tragicità dei fatti narrati.

2015 - Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia Miglior attore Luchini Fabrice

  • Produzione: Eagle Pictures, 2016
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Fabrice Luchini Cover

    "Nome d'arte. di Robert L., attore francese. Nervoso, inquieto, di corporatura minuta, è uno degli attori preferiti da E. Rohmer che lo sceglie sin dal 1970 (Il ginocchio di Claire), e ne fa il sensibile interprete di molte sue opere successive (tra cui Le notti della luna piena, 1984; Reinette e Mirabelle, 1987; L’albero, il sindaco e la mediateca, 1993). Lavora più volte con altri autori famosi, tra cui C. Lelouch, C. Chabrol e P. Leconte (Confidenze troppo intime, 2003), ma non trascura di dedicarsi anche a registi più giovani (La timida, 1990, di C. Vincent) o a progetti non convenzionali (Le avventure galanti del giovane Molière, 2007, di L. Tirard)." Approfondisci
Note legali