Così ha inizio il male

Javier Marías

Traduttore: M. Nicola
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 settembre 2016
Pagine: 473 p., Brossura
  • EAN: 9788806231668
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Marías ha scritto una magnifica storia sul rancore, sulle conseguenze delle dicerie, e sul passato che non passa ma anzi affonda i suoi denti là dove piú fa male. Nel cuore.

«Può darsi che non si possa neppure annullare o sostituire quello che si è creduto, se lo si è creduto per molto tempo.»

Siamo nella Madrid degli anni Ottanta, una città in cui il ricordo della dittatura franchista è ancora dolorosamente vivo. Il giovane Juan De Vere, fresco di laurea, viene assunto da Eduardo Muriel per fargli da assistente. Muriel è un regista che vive in una grande casa nei quartieri alti della capitale insieme alla moglie, l'esuberante Beatriz Noguera, e i figli. I due avrebbero tutto per essere felici, eppure "il giovane de Vere" è colpito dalla freddezza e dallo sdegnoso contegno con cui il marito tratta la moglie. Perché si comporta così? Addirittura, una notte che passa nella casa dei Muriel, Juan assiste a una scena per lui del tutto inspiegabile: Beatriz che, vestita unicamente con un'impalpabile sottoveste, viene respinta e ricacciata nella sua stanza dal marito. Juan vorrebbe indagare i motivi di quel comportamento e del disamore che tiene in piedi il matrimonio, ma Muriel ha altri piani in mente per lui: lo incarica infatti di verificare se le voci che ha sentito su un suo amico, il dottor Van Vechten, sono fondate. Una donna gli ha fatto intendere che il dottore, durante gli anni della dittatura, si era comportato in modo indecente con una o più donne, e che pertanto l'amicizia che Muriel gli tributava era mal riposta. Per il giovane Juan inizia così una discesa nelle tenebre degli anni della dittatura, e nelle ambiguità del matrimonio, che ha l'ineluttabile fatalità delle sabbie mobili...

€ 10,50

€ 14,00

Risparmi € 3,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giulia

    31/12/2017 09:28:32

    Un romanzo meraviglioso, di grande spessore. Marias indaga con profondità e delicatezza l'animo umano, nei suoi punti di forza e debolezza. Crea suspence e tensione, dà forma ai personaggi con estrema cura e offre un'interessante fotografia della Spagna post-franchista. L'ho finito un mese fa, e continuo a pensarci. L'ho prestato e consigliato a tutti gli amici per poterne parlare insieme. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Giulia

    29/12/2017 22:01:20

    Un romanzo meraviglioso, di grande spessore. Marias indaga con profondità e delicatezza l'animo umano, nei suoi punti di forza e debolezza. Crea suspence e tensione, dà forma ai personaggi con estrema cura e offre un'interessante fotografia della Spagna post-franchista. L'ho finito un mese fa, e continuo a pensarci. L'ho prestato e consigliato a tutti gli amici per poterne parlare insieme. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    misselisabetbennet

    01/02/2017 16:00:38

    Marias come già detto o lo ami o lo odi... per me grandissimo maestro di scrittura e sonda dei sentimenti umani. Un altro piccolo capolavoro da leggere attentamente..

  • User Icon

    Massimo F.

    10/07/2016 00:45:14

    Romanzo per me straordinario: scritto (e tradotto) benissimo, ogni momento della storia è descritto con cura e profondità (perfetto, da antologia, l'incontro notturno tra marito e moglie sulla soglia delle rispettive camere da letto), inducendo il lettore alla riflessione su tutti i vari temi toccati: amicizia, amore, matrimonio, memoria, promesse mancate, segreti mal riposti, ricatti e tanto, tanto altro. Trama semplice, arricchita dai continui riferimenti socio-politici e culturali sulla Spagna franchista e post Franchista. Personaggi ben definiti, ciascuno con caratteristiche intriganti. Da stra-leggere, con calma e attenzione.

  • User Icon

    Sandro Florenzo

    04/04/2016 23:56:13

    Un grandioso affresco...noioso

  • User Icon

    Lucio

    04/11/2015 10:40:17

    Marias è tornato. Ed è tornato con un romanzo bello, di ampio respiro, denso. Parla del passato, della memoria, del rapporto col presente. Conviene cedere alla tentazione di lasciarsi "il peggio" alle spalle (pero, "così ha inizio il male")? O è bene che la memoria serva a rendere più vero il presente (senza, però, "troppe parole", perché un'analisi particolareggiata dei fatti accaduti potrebbe rivelarsi irrimediabilmente dannosa)? Tutta la storia è narrata con continue sovrapposioni tra passato e presente, legame inscindibile da vivere correttamente, senza enfatizzare i dettagli della verità (andrebbe a scapito della felicità), ma senza senza semplicistiche rimozioni ... perché, anche se "il peggio è passato, così ha inizio il male".

  • User Icon

    lina

    22/10/2015 20:13:27

    Prolisso, ripetitivo, borioso. Sarebbe stato un buon racconto di un centinaio di pagine, così è solo un indigesto mattone.

  • User Icon

    cesare

    15/10/2015 08:23:35

    Così ha inizio il male ** di Javier Marias Si salvano le ultime 100 pagine di una storia d'amore basata sul non perdono, le rstanti 351 sono uno sfinimento di parole che contribuiscono a formulare una risposta , un fatto, una storia, insomma una tortura altro che un piacere, pagg. 451 ottobre 2015

  • User Icon

    marilina

    08/10/2015 21:26:53

    bellissimo....forse il piu' bel libro di questo autore. Ho trovato la storia bella, la scrittura di Marias perfetta, le sue riflessioni e i suoi pensieri cosi' veri, vicini da sentirli miei, insomma mi e' piaciuto tutto scrittura, storia e quindi che aggiungere se non consigliarne la lettura?

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione