Categorie

Friedrich Nietzsche

Traduttore: M. F. Occhipinti
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: XXXV-310 p.

66 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Storia della filosofia occidentale - Dal 1900

  • EAN: 9788804499107

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Toglietemi tutto, ma non i miei libri

    13/11/2014 01.51.11

    Questo libro è grandioso per coloro che lo ritengono tale, ed è mediocre per chi si convince che lo è. Testo interessante ma scritto in modo troppo noioso e complesso. Davvero: Un libro per tutti e per nessuno!

  • User Icon

    LordSvart

    11/10/2009 04.57.04

    Davvero un capolavoro!Secondo me il significato di questo libro viene sottovalutato dalla maggior parte delle persone.Da leggere e rileggere! Io amo gli uomini del grande disprezzo, perché essi sono anche gli uomini della grande venerazione e frecce che anelano all'altra riva. Io amo coloro che non aspettano di trovare una ragione dietro le stelle per tramontare e offrirsi in sacrificio: bensì si sacrificano alla terra, perché un giorno la terra sia del superuomo.

  • User Icon

    Jonathan Schiesaro

    24/08/2009 19.59.35

    La filosofia di Nietzsche si rivela perfettamente in questo suo capolavoro, un classico della letteratura. Attraverso l'idea dell'eterno ritorno, che mai come in quest'opera esprime il suo più profondo significato, ci regala un grande libro di insegnamenti, e la loro attenta analisi porta a una completa identificazione con ciò che siamo o crediamo di essere. Il nichilismo e la volontà di potenza dell'uomo non hanno niente a che vedere con la sopraffazione, il desiderio di emergere, l'ambizione. Sono un'elevazione delle capacità umane, se le si vuole considerare in particolare intellettive, che permettano all'essere di uscire dalla propria mediocrità. E il grande filosofo ci insegna che, scritto nell'Ottocento, questo libro svela ancora oggi un profondo significato, e lo rende come mai apprezzabile.

  • User Icon

    ladybrett

    07/05/2009 10.09.54

    l'ho dovuto abbandonare. e non mi capita quasi mai. eppure, dopo 80 pagine di 'non approdo' ho perso il filo, la motivazione, e il senso di questo libro. è certo ignoranza la mia, visto che il libro è storicamente affermato, ma trovo che lasci il tempo che trova.

  • User Icon

    giovanni

    27/07/2008 18.49.37

    anche se sono presentati tanti personaggi, si nota una viva solitudine del nietzsche, non potuta essere colmata da Zarathustra. I paragoni però sono leggibili ed interpretabili dal lettore che si presta a stare attento sia nella lettura, che galvanizza, sia alle uscite ed ai rientri nell'agognata caverna, rifugio ideale di un lupo che vuole planare e strisciare.

  • User Icon

    Il viandante e la sua ombra

    26/05/2008 11.46.26

    La Summa della filosofia di Nietzsche, la versione poetica di tutto ciò che l'autore afferma in Umano, troppo Umano. Che dire? Stiamo parlando di Nietzsche, forse il più importante pensatore del '900. Le considerazioni sul testo vengono, direi LOGICAMENTE, di conseguenza. ps: Nietzsche antisemita o, magari, nazista? La pensa così chi di Nietzsche ha letto a malapena il bigino, in maniera superficiale, svogliata, rozza. Avvilente...

  • User Icon

    Gio

    31/03/2008 10.13.12

    Libro che sicuramente non ha paragoni... leggendolo spesso si riscontra una certa veridicità anche ai giorni nostri ma, a volte troppo contorto e nebuloso.

  • User Icon

    Biagio

    30/03/2008 21.46.25

    Un'opera complessa, stratificata, potente. Un saggio storico sul pensiero di un uomo sul pensiero degli uomini. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Andrea

    06/11/2007 21.11.28

    Non si faccia l'errore di interpretare questo testo con la visione assolutista dell'individuo. Prima di potersi assolutizzare, l'individuo deve svincolarsi ed essere spirito libero. Molte interpretazioni estremistiche di Nietzsche nascondo da fraintendimenti grossolani. Alcune espressioni del libro poi smentiscono seccamente ogni possibile simpatia di Nietzsche verso gli antisemiti.

  • User Icon

    Matteo B.

    03/02/2005 00.58.00

    Un CAPOLAVORO.Un inno alla vita e alla forza di volontà del singolo. Non so quante volte l' ho letto...

  • User Icon

    Platinum

    05/11/2004 10.23.28

    Tanto fumo e poco arrosto.

  • User Icon

    matteo

    17/10/2004 22.58.39

    Opera capitale, difficile, diperata, persa... "Ma tu lo sai ciò che tutti odiano ciò che io solo amo che tu sei eterno che tu sei necessario. Eternamente sono io il tuo si perchè t'amo eternità" Nietzsche

  • User Icon

    elicoidale

    04/10/2004 11.55.59

    Ci si sente soli a leggere Zarathustra, che d'improvviso ci getta, già dalle prime parole, in una voragine di genialità mai (almeno per quanto mi concerne) sperimentata. Procedendo sempre più in la, frase su frase, pagina su pagina ,di fronte alla vita assegnata, fatta di quotidiani ripetitivi ed oggetti di cui si è schiavi, si avrebbe voglia di urlare :"Orrore!"

  • User Icon

    Alex

    28/02/2004 12.34.26

    Assolutamente geniale sia nel modo di scrivere che nel modo di porre e presentare l'opera. Nietzsche è un vero genio al pari di Freud e in quest'opera monumentale, summa dei suoi pensieri, ha riversato completamente tutto quanto il suo genio.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione