€ 16,00

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Nel contesto mondiale odierno per lo più improntato a drammatici fenomeni di violenza, di conflitti armati, d'ingiustizia e di diseguaglianza economica e sociale, che provocano migrazioni forzate e scontri etnici e culturali, il processo di costruzione dell'Unione Europea assume, dall'ultimo dopoguerra, un aspetto di unicità nella storia poiché avviene pacificamente tra popoli di diverse lingue, tradizioni religiose e culture, attraverso uno scambio interculturale di valori liberamente condivisi nella pluralità delle loro identità. Ad oltre 450 milioni di persone il Trattato costituzionale per l'Europa può offrire un progetto di pace e progresso in divenire per le generazioni future, cioè di «lunga durata». Sapranno i governi e i parlamenti locali coinvolgere i popoli europei a superare i propri nazionalismi in favore di una Europa plurale e diversa? Si può presumere che l'UE sia fatta ed ora occorra fare gli europei? Nel quadro della nuova Costituzione europea, momento centrale di un progetto in fieri rivolto al futuro ed aperto al mondo, la cultura ecumenica del dialogo e (Iella collaborazione tra le chiese cristiane trova il suo riconoscimento e il suo spazio d'azione per contribuire a plasmare l'Europa e riconciliare popoli e culture nello spirito di servizio e di apertura verso l'alterità. Ma si saprà superare le antiche divisioni fratricide in nome dell'unico Dio che è amore per tutti gli uomini?