Cristoforo Colombo - CD Audio di Felicien Cesar David

Cristoforo Colombo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Felicien Cesar David
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 3
Data di pubblicazione: 25 agosto 2017
  • EAN: 9788469729977

€ 45,90

Punti Premium: 46

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ogni CD con libro della collana «Portraits» è dedicato a un compositore francese oggi dimenticato e presenta un significativo panorama musicale della sua opera, avvalendosi del talento di numerosi artisti.
Il ritratto di Félicien David intende completare la discografia già disponibile del compositore, integrandola con alcune prime registrazioni assolute di importanti suoi lavori; in particolare, sarà così possibile riscoprire una parte del suo catalogo sinfonico, comprendente la Sinfonia n. 3 e l’ouverture dell’opéra-comique La Perle du Brésil, che gli aprì effettivamente una carriera nel campo dell’opera lirica. Degno di nota è soprattutto Christophe Colomb (1847), ode-sinfonia con voce recitante che prolunga ambiziosamente il successo del Désert, eseguito al Théâtre-Italien qualche anno prima. Tuttavia, non si può dimenticare che Félicien David fu anche un compositore da salotto, molto apprezzato per la sua musica di carattere intimista e soprattutto per le sue mélodies. Il nostro CD con libro consentirà di ascoltare estratti dalle sue Mélodies orientales per pianoforte solista, una scelta di romanze nello stile degli anni quaranta dell’Ottocento e i rarissimi mottetti per coro per diverse formazioni da lui composti in gioventù. Il punto di forza di questo «Ritratto» è però dato dalla riscoperta dello Jugement dernier, ossia del finale previsto per l’apoteosi dell’opera Herculanum, tagliato nella versione definitiva e mai più ripubblicato fino a oggi.
  • Felicien Cesar David Cover

    Compositore francese. Completò la formazione musicale al conservatorio di Parigi; nel 1832, dopo aver aderito al movimento sansimoniano, si recò nel Vicino Oriente per diffondere la dottrina del maestro. Da questo soggiorno trasse il materiale per le Mélodies orientales, pubblicate al rientro a Parigi nel 1835, ma soprattutto derivò il colore esotico che caratterizza gran parte della sua produzione. Impostosi all'attenzione degli ambienti musicali nel 1844 con l'ode sinfonica Le désert, compose in seguito 5 opere, fra cui La perle du Brésil (1851), Herculanum (1859) e Lalla-Roukh (1862), e molta musica sinfonica e da camera. Nel 1867 ottenne un premio dall'Accademia di Francia e nel 1869 succedette a Berlioz nel posto di bibliotecario al conservatorio. Approfondisci
Note legali