Il cuore di Derfel. Excalibur

Bernard Cornwell

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 giugno 2013
Pagine: 357 p., Brossura
  • EAN: 9788850231539
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 4,86

€ 9,00

5 punti Premium

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    14/05/2018 19:57:33

    Con straordinaria abilità Cornwell continua a farci rivivere in modo incredibilmente vivido un periodo tanto ignoto e poco considerato. Quello dei britanni post-romani è un mondo incredibile, pressato in egual misura dai sassoni e dai cristiani, diviso e in lotta con se stesso. L’ambientazione e la trama sono eccezionali, dettagliate e sicuramente accattivanti, dalle grandi cose ai piccoli dettagli (non so perché ma fino ad oggi non riesco a togliermi dalla testa l’armatura di Artù). Quel pizzico di magia druida presente non è da considerare un elemento fantastico, quanto un qualcosa che rende ancor più tipica l’ambientazione, una vera componente della vera Britannia antica (o post-antica). Tutta la storia attorno ai Tredici Tesori è molto intrigante, dà indubbiamente “un’impronta alternativa” all’intera saga, altrimenti incentrata sul solo contrasto con i sassoni. Va sottolineata poi la realtà decisamente “forte” e terribile del Lleyn. Le battaglie di Cornwell sono sempre eccezionali e uniche e ovviamene il grande scontro tra la Dumnonia e il Powys, tanto temuto e atteso nel primo libro, non fa eccezione. Tra i numerosi e ottimi personaggi spicca ancora Artù, con la sua straordinaria tempra morale e i rari ma terribili scatti d’ira. La sua unica debolezza, come per molti altri grandi uomini, sono le donne, o almeno una donna. Merlino ha un ruolo molto più rilevante, finalmente, rivelandosi un personaggio eccezionale, unico senza dubbio. Uno dei migliori della saga. Questi due, e non solo, possono essere visti e analizzati molto meglio dal lettore proprio perché la storia è raccontata da punto di vista di Derfel (il tutto sarebbe stato molto diverso altrimenti). Il giovane guerriero non va considerato però solo un mero osservatore, in realtà è un protagonista eccellente, con una storia in costante evoluzione e interessante. Apprezzata la nota storica.

Scrivi una recensione