Cuore di tenebra -  Joseph Conrad - copertina

Cuore di tenebra

Joseph Conrad

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: E. Capriolo
Editore: Feltrinelli
Edizione: 16
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 giugno 2013
Pagine: 121 p., Brossura
  • EAN: 9788807900167

98° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Salvato in 499 liste dei desideri

€ 7,60

€ 8,00
(-5%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Cuore di tenebra

Joseph Conrad

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Cuore di tenebra

Joseph Conrad

€ 8,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Cuore di tenebra

Joseph Conrad

€ 8,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 8,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Kurtz era un uomo notevole. Abbastanza acuto da penetrare tutti i cuori che battono nella tenebra.»

Cuore di tenebra fu scritto da Conrad in due mesi, nel 1898, sotto l'influsso della biografia e del mito di Rimbaud. È anzitutto un libro sul viaggio, sulla passione della scoperta di luoghi nuovi. In seguito, la vicenda di Marlow diventa una discesa agli inferi, nel cuore dell'Africa. L'incontro con Kurtz – agente dei mercanti d'avorio, che ha reso brutalmente schiavi gli indigeni – mette il protagonista, e il lettore, a contatto con il "cuore di tenebra": il Male, reso grottesco da quegli uomini che credono Kurtz una sorta di divinità. Ma anche lui è, a suo modo, una vittima della solitudine, della follia, della cultura occidentale che va in mille pezzi quando entra in contatto con l'Altro. La morale del polacco-inglese Conrad è una risposta polemica al russo Dostoevskij: dato che Dio non c'è, difendiamoci da soli contro noi stessi.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,11
di 5
Totale 37
5
16
4
11
3
8
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco79

    14/07/2020 07:59:40

    La scrittura di Conrad non è certamente lineare. Effettivamente si fa un po' fatica a leggere un libro che alla fine è di sole 170 pagine. La storia e il contesto che però Conrad mette nel libro è veramente intrigante e ci porta ad una serie di domande: chi sono i veri indigeni? I bianchi o i neri? Molti considerano questo libro un capolavoro... io lo trovo un buon libro... che fa riflettere. E questa è già una gran cosa in questi momenti particolari.

  • User Icon

    Lapo

    01/07/2020 06:53:44

    Tutte le volte che leggo Conrad rimango impressionato per come una persona di madrelingua polacca sia stata capace di comunicare attraverso una lingua non propria in maniera sintatticamente impeccabile oltre che profonda e sfarzosa, tanto da guadagnare un posto di primissimo piano nella letteratura inglese. Così avviene anche per questa rilettura in un vecchio volumetto della collana “1000 lire” in una splendida traduzione: abbandonati i congeniali, infiniti spazi degli oceani, qui l’Autore affida al suo alter ego Marlow la narrazione della risalita del fiume Congo con un battello a vapore, conducendoci in un’oscurità selvaggia e demoniaca protetta da giunchi, liane e mangrovie. Per tutta la navigazione fluviale – in realtà ben da prima – aleggia il fantasma di una figura leggendaria dal cui incontro il narratore trarrà un’esperienza sconvolgente nei meandri tenebrosi della propria psiche, fermandosi sul ciglio del precipizio; «sarebbe interessante osservare i cambiamenti della mente lì sul posto», aveva riflettuto pensieroso un dottore mentre visitava Marlow prima della sua partenza per l’Africa, considerazione rivelatasi profetica. In quest’opera in gran parte autobiografica – nella quale Conrad ribalta il paradigma di Kipling mettendo in luce le nefandezze della colonizzazione europea, la rapina delle risorse e la barbarie nei confronti degli indigeni – è davvero straordinaria, oltre all’abbondanza di metafore e simbologie, la ricchezza della prosa che pochi parlanti nativi sarebbero in grado di sfoggiare – e che non tutti i lettori sono in grado di capire e apprezzare.

  • User Icon

    Ire79

    12/06/2020 07:05:41

    Mi avevano dipinto questo libro come un capolavoro, ma ahimè ne sono rimasta molto delusa. Marlow, la voce narrante, si trova sul ponte di una nave sul Tamigi, è notte ed al resto dell'equipaggio in ascolto comincia quella che ti aspetteresti una grande storia. In realtà è un elenco continuo e descrittivo di avvenimenti, dove episodi marginali sono scritti lungamente, mentre il tanto agoniato incontro con Kurt liquidato in poche righe. Si è sempre in attesa dell'evento cardine che non arriva. L'evento storico e le modalità con cui i colonizzatori bianchi trattano e giudicano le popolazioni indigene è molto interessante e meriterebbe di essere conosciuto meglio, ma non è questo il libro giusto; fa sicuramente più chiarezza la postfazione di Baricco, ma non è possibile leggere un libro che necessita del frapporsi di un'altro scrittore per essere apprezzato e capito. Deludente

  • User Icon

    Fanny

    16/05/2020 19:15:26

    Bellissimo, nessuno racconta il razzismo meglio di Joseph Conrad. Un libro che si legge molto facilmente e velocemente ma che contiene riflessioni su temi sempre attuali come il razzismo e lo sfruttamento. La sua attualità è probabilmente il motivo che fa di Cuore di tenebra uno dei romanzi più apprezzati di tutti i tempi.

  • User Icon

    bubi

    14/05/2020 18:52:27

    Libro molto particolare, a tratti quasi crudele, ma che assolutamente racconta la realtà del continente africano. Molto bello

  • User Icon

    Jack

    14/05/2020 09:47:05

    Simbolico ed esigente. Importante per conoscere Conrad. Essenziale per una maggior comprensione anche la post-fazione di questa edizione.

  • User Icon

    marco

    13/05/2020 20:09:14

    In questo racconto 5 marinai a bordo di uno yacht sul Tamigi attendono la marea favorevole per la navigazione. Per ingannare l'attesa il capitano Marlow racconta loro la sua avventura sul fiume africano Congo e in particolare il suo incontro con Kurtz. L'autore mette in rilievo le differenze tra i bianchi e i selvaggi neri attraverso una serie di connotazioni provocatorie, volte a strizzare l'occhio agli atteggiamenti razzisti e imperialistici del periodo: forse non c'è poi tanta differenza fra schiavi e schiavisti. La storia di Kurtz, cacciatore d'Avorio, dimostra che tutti abbiamo un lato oscuro dentro di noi. Ma soprattutto Marlow utilizza il racconto di questa sua esperienza per far capire ai compagni il suo timore nei confronti della stessa città di Londra, che alla fine si staglia oscura davanti al loro orizzonte. La potenza dello stile narrativo di Conrad sta tutta nelle sue descrizioni poetiche, evocative dei luoghi che racconta.

  • User Icon

    mar_fort

    13/05/2020 17:21:55

    Ho letto questo libro in lingua inglese con testo a fronte per un esame universitario. La storia è intrigante in quanto racconta fatti storici reali e induce il lettore a proseguire nella lettura per scoprire la verità.

  • User Icon

    Martina

    13/05/2020 12:34:39

    Un capolavoro sotto tutti i punti di vista. Chi cerca un romanzo d'avventura della serie di Verne, come lo cercavano d'altronde i suoi contemporanei, non troverà molto pane per i suoi denti poiché si tratta di un'esperienza molto più profonda, una vicenda che si svolge più a livello interiore e simbolico basandosi sullo scheletro narrativo delle poche cose che accadono. La discesa progressiva verso Kurtz, attraverso il fiume Congo, verso il Cuore di tenebra è un susseguirsi di simboli e riflessioni che ci permettono anche di scorgere lo sguardo che i contemporanei di Conrad avessero sull'Altro, sull'africano. Le radici dell'odierna xenofobia si trovano proprio lì. Nel complesso è un'opera magistrale che, a mio avviso, va comunque accompagnata dalla lettura di qualche saggio critico per comprenderne totalmente la portata.

  • User Icon

    Giovanni

    12/05/2020 18:40:00

    Prosa eccellente e stile di scrittura superbo, ma dal punto di vista contenutistico è un libro che pur avendo apprezzato mi ha asciato un po perplesso. Il finale l'ho trovato un po arronzato e poco convincente, inoltre va detto che nonostante ne abbia sempre sentito parlare come di un libro "anti-colonialista" e di denuncia all'Imperialismo europeo di fine '800, in realtà leggendolo ho riscontrato un libro molto più contraddittorio di quello che credevo da questo punto di vista. D'altronde sono molti i critici letterari che individuano nel libro di Conrad un opera ambigua (per non parlare di Chinua Achebe, che addirittura lo definì un libro razzista in un suo famoso saggio). Il fatto è che se è vero che da un lato vengono descritte le atrocità che l'Imperialismo porta con sé, è innegabile che vi sia una sorta di giustificazione all'Imperialismo europeo nel "richiamo oscuro e selvaggio" che in questi luoghi primordiali permette all'uomo anche "civilizzato" come Kurtz, di risvegliare i suoi sentimenti più oscuri e irrazionali, il che porta ad una descrizione dell'Africa equatoriale abbastanza in linea con lo stereotipo di luogo esotico e selvaggio che professavano gli europei del tempo (basti vedere anche il modo in cui vengono caratterizzati personaggi indigeni, quasi tutti come dei selvaggi che arrivano anche a venerare l'uomo bianco "civilizzato" Kurtz). Detto ciò rimane una lettura molto interessante, seppur impegnativa e anche se non è un libro che ho amato particolarmente, mi sento di consigliarlo.

  • User Icon

    ciro

    12/05/2020 16:59:18

    Devo dire di concordare perfettamente con la postfazione di Baricco circa la scrittura un po' confusa di Conrad, con lunghe parti relativamente rilevanti e punti salienti dileguati con frettolosità.Che sia voluto, non saprei dire. Il cuore di tenebra su cui verte tutto il racconto rimane un titolo accattivante sciupato su un personaggio fatto di aspettative e in fin dei conti inesistente, forse irrilevante. Ti lascia l'idea di un canovaccio per un libro che poteva essere assai più di questi fruscii tra la selva oscura, che tutto fanno immaginare ma mostrano ben poco.

  • User Icon

    ELISA

    11/05/2020 15:28:41

    Opprimente. Assale la sensazione di oscurità e caos, della follia degli uomini in situazioni estreme. L'abbassamento morale a cui porta l'ambizione. Descrive l'uomo moderno.

  • User Icon

    ffrancesco

    11/05/2020 10:08:48

    Senza la bellissima postfazione di Alessandro Baricco, contenuta in questo libriccino, la lettura dell'opera di Conrad sarebbe deludente e senza senso. Invece, Baricco, come un insegnante di letteratura fa con i suoi studenti, riesce a spiegare il significato profondo della struttura narrativa e della trama dell'opera, conferendole il giusto valore e apprezzamento.

  • User Icon

    Serena

    18/04/2020 10:10:29

    Cuore di tenebra racconta di un viaggio, un viaggio nell’oscurità dell’animo umano e nelle profondità fin dove può spingersi. La ricerca di Mister Kuntz diventa la parabola di una ricerca da parte dell’uomo della conoscenza di sé e di abissi la cui scoperta nasconde pericoli senza via di ritorno. Mister Kuntz è un uomo meschino, che si rivela in tutta la sua povertà umana e in tutto il suo disprezzo per il genere umano, eppure coinvolge, irretisce, strega coloro che incontra. Forse rappresenta un archetipo, il simbolo del fenomeno della colonizzazione in terra d’Africa che Conrad condanna in modo assoluto, di certo dimostrando un grande acume e umanità. La corsa all’avorio coinvolge gli animi, persino i più puri spingendoli nello stesso vortice di perdizione, fatto di menzogna e orrore. Alla fine persino il protagonista si vedrà coinvolto nella stessa mistificazione, nel presentare la figura di Kuntz in modo idealizzato, nel sostenere la stessa finzione. Forse Conrad voleva presentare una parabola del fenomeno colonizzatore visto dagli occhi europei? Le figure degli indigeni vengono presentati con grande umanità nonostante l’autore non ne nasconda i difetti, sono veri, essere umani reali e sinceri anche nelle loro manifestazioni più crude. Così l’autore ci presenta la propria visione del fenomeno e un punto di vista senza dubbio unico nella letteratura del suo tempo. La natura d’Africa, incontaminata ed estrema, con i suoi silenzi, le sue foreste incontaminate, le sue manifestazioni estreme nel clima e nei colori è la più grande giudice di quel fenomeno, che osserva dall’alto come un male temporaneo che sarà presto inghiottito dal fluire del tempo.

  • User Icon

    leogaro

    15/04/2020 12:31:20

    Un classico intenso, in alcune pagine addirittura magnetico, sebbene la lettura risulti globalmente poco scorrevole. Trasporta nelle ancestrali atmosfere del Congo belga coloniale, nonostante il ritmo sia lento e la trama davvero scarna. La lentezza della narrazione permette però, se non letto in modo superficiale, di entrare nel personaggio di Marlow per seguirne il cambiamento psicologico, il logorio mentale cui si sottopone, perlopiù inconsciamente, per penetrare la "sua" tenebra interiore, in vista dell’incontro con l’enigmatico Kurtz. Quel Kurtz il cui sguardo "...era grande abbastanza da abbracciare l’universo intero, abbastanza acuto per penetrare tutti i cuori che battono nella tenebra. Egli aveva tirato le somme e aveva giudicato: che orrore!”

  • User Icon

    Francesco

    11/04/2020 14:59:26

    Classico della letteratura mondiale. Conrad riesce a trattare in maniera semplice e coinvolgente una tematica importante: La regressione dell'uomo moderno allo stato animalesco. Marlow - Krutz ovvero "La fantasia che incontra la cruda realtà".

  • User Icon

    Robert Jordan

    25/11/2019 14:10:13

    Discesa inarrestabile verso il torbido della vita ed il lato più cupo dell'animo umano. Un piccolo capolavoro che in cento pagine racchiude le contraddizioni e la follia di un'epoca che forse non si è mai conclusa.

  • User Icon

    n.d.

    11/11/2019 22:56:00

    conrad è conrad o lo si ama o non lo si tollera ,la sua visione della vita può sembrare un po' intimista e da timido ma è un atteggiamento dei forti quelli che seguono un ideale e sopportano di tutto, pur reagendo o provando disdegno per ciò che vedono

  • User Icon

    pasquale maffei

    26/09/2019 11:06:13

    Capolavoro letteratura inglese stupendo, letto solo 3 volte

  • User Icon

    Imprescindibile

    25/09/2019 18:10:48

    Ho acquistato questo libro spinto dal fatto che è stato la musa ispiratrice per Apocalypse now. Effettivamente non mi ha deluso. Un viaggio avventuroso di un gruppo di uomini nel cuore dell'Africa, e non va tutto liscio. La scrittura è comprensibile e piacevole, anche se dovrete farci un pò l'abitudine. In ogni caso Conrad, sopratutto questo titolo, è imprescindibile. Il libro non è lungo, va bene per una lettura veloce e spensierata.

Vedi tutte le 37 recensioni cliente
  • Joseph Conrad Cover

    Joseph Conrad, pseudonimo di Teodor Józef Konrad Korzeniowski, è uno dei più importanti scrittori inglesi a cavallo tra Ottocento e Novecento. La sua famiglia apparteneva alla nobiltà terriera della Polonia, a quel tempo sotto il dominio russo. Il padre di Conrad, patriota e uomo di lettere, morì nel 1867, dopo molti anni di esilio politico (la madre era morta nel 1865). Affidato alla tutela di uno zio, Conrad compì gli studi secondari a Cracovia. A diciassette anni partì per Marsiglia, dove s’imbarcò come semplice marinaio. Servì nella marina mercantile francese e, dal 1878, in quella britannica, dove raggiunse il grado di capitano di lungo corso. Nel 1886 diventò cittadino inglese. L’attenzione ottenuta dal... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali