Il cuore e la tenebra - Giuseppe Culicchia - copertina

Il cuore e la tenebra

Giuseppe Culicchia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 12 marzo 2019
Pagine: 218 p., Rilegato
  • EAN: 9788804708032
Salvato in 33 liste dei desideri

€ 10,20

€ 17,00
(-40%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il cuore e la tenebra

Giuseppe Culicchia

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il cuore e la tenebra

Giuseppe Culicchia

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il cuore e la tenebra

Giuseppe Culicchia

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Culicchia scrive un romanzo che racconta e riflette su amore, fallimento, ossessione, e sul rapporto tra padri e figli. Sulla nostalgia di ciò che è passato e non tornerà più e di ciò che non è mai accaduto, di ciò che non siamo riusciti a far accadere. E allora come si colmano i vuoti da noi stessi creati? Che cosa significa fallire?

Cari figli miei,
il male che un uomo fa vive oltre di lui. Il bene sovente rimane sepolto con le sue ossa. Quando leggerete queste mie righe non ci sarò più. La mia sola speranza è che da morto avrò modo di starvi vicino, più di quanto non mi sia riuscito in vita

Giulio, trent'anni superati da poco, viene raggiunto dalla notizia della morte del padre. Famoso direttore d'orchestra, si era trasferito anni prima a Berlino, dove era stato nominato direttore della Filarmonica. Ossessionato dall'esecuzione della Nona Sinfonia diretta da Furtwängler nel 1942 per il compleanno di Hitler, aveva costretto l'orchestra a migliaia di prove estenuanti per ripeterla identica. La rivolta dei musicisti e l'accusa di nazismo che ne era seguita avevano troncato la sua carriera. Sullo sfondo di una Berlino in costante mutazione, Giulio intraprende il suo viaggio per raccogliere i pezzi della vita di quel padre scomparso improvvisamente e che aveva visto così poco dopo che aveva lasciato la madre e lui e suo fratello ancora bambini. Tocca a Giulio occuparsi di tutto e, nell'appartamento berlinese, tra gli oggetti, i libri e i file personali, quella che piano piano prende forma davanti ai suoi occhi è una nuova immagine del padre, una nuova storia.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,13
di 5
Totale 8
5
3
4
3
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    vibrissa

    11/05/2020 12:40:14

    Uno di quei libri che inizi e a notte fonda lo stai ancora leggendo perchè lo devi finire. Il rimorso di una separazione causata, l'amore incondizionato per i due figli che non possono capire, l'ossessione per il nazionalsocialismo. Tutto questo e molto di più è lui ma è defunto

  • User Icon

    Alinghi

    04/09/2019 10:13:02

    Mio padre appena mancato, stesso tifo calcistico, origini siciliane...tante cose in comune con l'autore che mi avevano fatto temere di essere travolto dalle emozioni nella lettura...invece salverei non più di qualche pagina oltre al finale che riscatta un po' il libro. Infarcito di troppe citazioni, a tratti una guida turistica di Berlino, spesso sconfina in un trattato di storia...una mezza delusione

  • User Icon

    Rick72

    10/07/2019 10:18:55

    Uno spaccato di storia vista e raccontata in modo non convenzionale. Il libro è coinvolgente e interessante, pieno di citazioni e riferimenti culturali. Il personaggio principale emerge pian piano in tutta la sua forza e il figlio Giulio inizia a conoscerlo veramente solo dopo la sua dipartita. Storia, amore, fallimento, ossessione, rimorso, rimpianto... Culicchia tocca magistralmente tanti temi in un libro corale e assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Chili di libri

    08/07/2019 10:39:16

    Il padre di Giulio è morto: infarto. Viveva a Berlino, da anni non parlava con l’atro figlio, Pietro. O meglio: Pietro non parlava più col padre. E la ex moglie vive dall’altra parte del mondo, col suo compagno. Giulio è l’unico familiare a cui, pare, importi qualcosa di lui, anche se si sentivano poco, per pochi minuti. Suo padre, ex direttore d’orchestra, era ossessionato dall’idea di replicare l’esibizione della Nona di Beethoven, così come l’aveva eseguita Furtwängler in occasione del compleanno di Hitler, nel ’42. Giulio pensa che sia questo l’inizio della discesa del padre, della sua incapacità di riprendersi. Anche se ha sempre lavorato, al figlio sembra che non si sia mai ripreso dall’essere stato licenziato proprio per questo motivo, per di più con l’accusa infamante di essere simpatizzante nazista, lui, che i nazisti li definiva mostri, che ha sempre votato sinistra e che poteva essere molte cose, ma non certo filonazista. Giulio parte per Berlino, per salutare suo padre per l’ultima volta. E fa un viaggio: un viaggio nei ricordi, alla riscoperta del suo ruolo di figlio, alla scoperta di un padre che gli è mancato tanto, ma del quale conosceva solo un lato. Era un padre affettuoso il suo, nonostante la separazione dalla moglie era presente, li accompagnava ogni giorno a scuola. E si commuoveva. Troppo, secondo Giulio che, una volta cresciuto, non ha capito né condiviso questa sensibilità. Suo padre si è fatto carico della separazione, da un punto di vista economico ed emotivo. Non si è mai perdonato: è stato il suo tradimento a sancire la fine di un matrimonio già in crisi, e questo ha avuto conseguenze. Prima tra tutte la sua difficoltà a farne parte, sempre alla ricerca di un rapporto coi figli, del perdono dell’ex moglie, di un ricordo da incidere nel cuore per andare avanti e non disperarsi, per dirsi che la vita vale la pena di essere vissuta. Un aspetto che Giulio scopre leggendo le sue carte.

  • User Icon

    gio

    08/06/2019 14:54:54

    Un capolavoro. Libro bellissimo straziante attualissimo. Da leggere

  • User Icon

    moreno63

    21/03/2019 16:57:59

    Libro scritto bene ma con una trama monocorde. Un amacord del rapporto padre figlio dove il padre fa troppo il padre ed i figli, soprattutto il fratello del protagonista, troppo i figli.

  • User Icon

    Federica C.

    13/03/2019 18:10:10

    Devo ancora finirlo, ma è gà candidato a diventare il mio libro preferito di Culicchia. L'autore abbandona in parte l'ironia che l'ha sempre contraddistinto, ma ci guadagna in profondità. E' un'indagine dentro i segreti di un padre che ri rivela uno sconosciuto, è una storia d'amore (e odio) tra due generazioni, fa commuovere e fa sorridere, perché è davvero un romanzo pieno di cuore e, in un certo senso, anche di tenebra. Consigliatissimo.

  • User Icon

    davide

    11/03/2019 11:29:18

    In questo romanzo troviamo il protagonista di nome Giulio intento a fare i conti con aspetti sconosciuti e inquietanti dell' identità del padre defunto. Questi, in vita,era stato un celebre direttore d'orchestra a Berlino che per tutta la vita aveva inseguito il sogno di poter dirigere la nona sinfonia di Beethoven come aveva fatto Furtwangler di fronte ad Hitler nell' aprile del 1942. Quello che però il figlio scopre è che questa ossessione si era evoluta segretamente in un'opera di riabilitazione del regime nazista e di devozione verso la figura del fuhrer. Leggendo quest'opera il lettore quasi partecipa ai travagli interiori del protagonista diviso tra l'affetto per il padre e il disgusto per quello che stava scoprendo.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

In principio ho amato Culicchia alla follia; probabilmente non ricambiato… Poi, col tempo, ho cominciato a non trovare nei suoi libri quell’immedesimazione e quel coinvolgimento che tanto mi avevano appassionato. Succede sempre così… l’abitudine… il venir meno della voglia di stupirsi… Ma, testardo e fiducioso, non rassegnandomi al fatto che ad unirci fosse la sola fede calcistica, ho perseverato e non mi sono lasciato scappare un solo titolo a costo di qualche borbottio e alcune personalissime delusioni. E così, per ultimo, mi sono trovato di fronte a Il cuore e la tenebra senza troppe aspettative, quasi rassegnato a vedere sopite le emozioni che un libro, su tutto, è capace di regalare. E devo confessare che il buon Giuseppe mi ha stupito. Questo romanzo è qualcosa di molto diverso dagli altri. Più complesso e profondo.

E’ una fantastica guida turistica di Berlino.

E’ un susseguirsi di documenti e riflessioni sugli effetti contraddittori del nazismo.

E’ un viaggio attraverso la musica e le sue ossessioni.

E’ Giulio che va per seppellire un padre lontano e si ritrova a ricomporne i frammenti di una vita del tutto inaspettata.

E’ la storia di un amore vissuto in silenzio. Fatto di sacrifici ed errori, dedizione ed assenza.

E’ il rimpianto di non aver saputo trovare il modo per vivere consapevolmente gli affetti più grandi.

E’ amore, odio, rancore, tenerezza, comprensione, errori e fallimenti. E’ Il cuore e la tenebra.

E’ la ricostruzione di un’assenza pesante vissuta in maniera troppo leggera.

La raccolta di un’eredità, tutta da scoprire, fatta di lettere e documenti, appunti e fotografie, domande e contraddizioni, luoghi e ricordi. Da affrontare rigorosamente con il sottofondo musicale della Nona Sinfonia di Beethoven…

Un romanzo che non lascia indifferenti ma, anzi, fa vibrare le più profonde corde dell’anima; fa sorridere e commuove. E fa riflettere. Lontano dal solito linguaggio leggero ed ironico, Il cuore e la tenebra ci sbatte in faccia l’egoismo e la superficialità; l’affrettato giudizio che rende ciechi alla profondità dei sentimenti e la consapevolezza tardiva di ciò che sarebbe potuto essere e non è stato.

“Perché nella vita ci si sbaglia, a volte”… ma ci si sbaglia anche nel non cercare di capire…

Lo sapevo! …lo sapevo che Culicchia sarebbe tornato ad emozionare!!!

 

  • Giuseppe Culicchia Cover

    Scrittore italiano. Ormai considerato una delle voci più autentiche della narrativa italiana degli ultimi anni, è stato scoperto da Pier Vittorio Tondelli che aveva pubblicato alcuni suoi racconti nell'antologia Papergang-Under 25. Ispirato da autori come Hemingway, Carver, Bukowski e Bret Easton Ellis, ha esordito nel 1994 con Tutti giù per terra, romanzo che si è rivelato uno dei casi letterari più sorprendenti degli ultimi anni ed è stato vincitore dei Premi Montblanc e Grinzane Cavour. Nel romanzo lo scrittore racconta le vicende di un giovane poco più che ventenne, Walter, che affronta le paure, le incertezze e la fragilità del mondo giovanile nella Torino di fine anni Ottanta con perplessità, disillusione e soprattutto un'irresistibile... Approfondisci
Note legali