La cura - CD Audio di Franco Battiato

La cura

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Franco Battiato
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Universal
Data di pubblicazione: 14 novembre 2000
  • EAN: 0044001325427

79° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Musica italiana - Cantautori italiani

Salvato in 13 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,50 €)

Disco 1
1
La cura
2
Prospettiva Nevski
3
Amore che vieni, amore che vai
4
Summer on a Solitary Beach
5
La stagione dell'amore (live)
6
Voglio vederti danzare (live)
7
Strani giorni
8
Bandiera bianca
9
Il ballo del potere
10
Up Patriots to Arms
11
L'era del cinghiale bianco
12
Il sentimento nuevo
13
Shock in My Town
14
Quello che fu
15
Vite parallele
16
Ecco com'è che va il mondo
17
J'entends siffler le train
18
La canzone dell'amore perduto
19
Te lo leggo negli occhi
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    n.d.

    03/05/2019 20:57:14

    Mi piace molto la canzone di cui il cd porta il nome.\nLo consiglio

  • User Icon

    Rosalia

    07/03/2019 16:23:34

    CD raccolta bellissimo, contenente sia cover (grande Battiato in Amore che vieni amore che vai) che alcuni dei suoi più bei pezzi originali. Da acoltare e riascoltare, non stanca mai!

  • User Icon

    Silvia M.

    10/05/2007 13:34:31

    La cura è meravigliosa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Franco Battiato Cover

    Nato in provincia di Catania, Francesco (detto «Franco») Battiato consegue la maturità scientifica ad Acireale. Il padre era scaricatore di porto a New York, e a seguito della sua scomparsa, il giovane si trasferisce a Roma, e poi a Milano. Di questo periodo Battiato ricorda: «Milano allora era una città di nebbia, e mi sono trovato benissimo. Mettevo a frutto la mia poca conoscenza della chitarra in un cabaret, il "Club 64", dove c’erano Paolo Poli, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Renato Pozzetto e Bruno Lauzi. Io aprivo lo spettacolo con due o tre canzoni siciliane: musica pseudobarocca, fintoetnica. Nel pubblico c’era Giorgio Gaber che mi disse: vienimi a trovare. Il giorno dopo andai. Diventammo amici». Con il compaesano Gregorio Alicata,... Approfondisci
Note legali