-15%
La cura Schopenhauer - Irvin D. Yalom - copertina

La cura Schopenhauer

Irvin D. Yalom

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Serena Prina
Editore: Neri Pozza
Collana: Biblioteca
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 25 giugno 2009
Pagine: 479 p., Brossura
  • EAN: 9788854503236
Salvato in 187 liste dei desideri

€ 11,48

€ 13,50
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La cura Schopenhauer

Irvin D. Yalom

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La cura Schopenhauer

Irvin D. Yalom

€ 13,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La cura Schopenhauer

Irvin D. Yalom

€ 13,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 13,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Julius Hertzfeld si è guardato allo specchio stamattina. Attorno alla bocca poche rughe. Occhi forti e sinceri che possono reggere lo sguardo di chiunque. Labbra piene e cordiali. La testa coperta di riccioli neri e ribelli che si stanno appena ingrigendo sulle basette. Il corpo senza un'oncia di grasso. Insomma, lo specchio gli ha detto che è ancora lui: Julius Hertzfeld, brillante professore di psichiatria presso l'università della California, terapeuta dal caldo sorriso e dalla solida reputazione, uomo prestante che non ha affatto l'aria del sessantacinquenne cui è stato appena comunicato, con fredda e brutale sincerità, che ha poco più di un anno di vita. Che fare quando la vita spensierata termina di colpo e il nemico, fino a quel momento invisibile, si materializza in tutta la sua terrificante realtà? Julius Hertzfeld non ha dubbi: sa esattamente come trascorrerà il suo anno finale. Continuerà a occuparsi dei suoi pazienti e a cercare di ridestare, nella terapia di gruppo, il sentimento della vita dentro di loro. Sa, anche, che non si sottrarrà all'ultima sfida rappresentata dal suo paziente più ostico: quel Philip Slate che ha dedicato tutta la propria energia vitale alla fornicazione e che ora sostiene di aver scoperto una terapia Schopenhauer, una cura che proviene dal pensiero stesso del filosofo tedesco.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,27
di 5
Totale 51
5
24
4
20
3
4
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ciuxy123

    25/09/2019 16:00:45

    La cura shopenhauer è un ottimo inizio per avventurarsi nel mondo della psicoanalisi di gruppo ma anche un ottimo spunto per conoscere la vita del grande Shopenhauer. Inoltre, Yalom fornisce vari spunti che aiutano a comprendere l'essenza della vita e come le persone apparentemente rigide possono cambiare questa costante.

  • User Icon

    Angela

    23/09/2019 12:12:08

    "La cura Schopenhauer" è un testo notevole, per stile e argomenti, una lettura che richiede la giusta concentrazione perchè ricca di filosofia ed elementi di psicoterapia, che l'Autore sa rendere comunque alla portata del lettore. Dialoghi, abbondanti, sempre pertinenti e stimolanti, offrono spunti interessanti dal punto di vita delle relazioni umane, della necessità dell'empatia, della comprensione reciproca, dell'ascolto attivo, dell'atteggiamento proattivo e della sensibilità verso le miserie e le fragilità altrui. La ritengo una lettura arricchente e istruttiva.

  • User Icon

    Rosy

    29/08/2019 12:03:28

    Sono al terzo libro della trilogia e devo dire che Yalom non delude mai. Per ora la Cura Schopenauer è quello che preferisco, bello, profondo, mi ha emotivamente colpita.

  • User Icon

    loredana

    07/08/2019 22:45:25

    Lo considero tra i libri più belli che abbia letto.. Le vite dei personaggi diventano familiari al lettore che senza difficoltà si rispecchia nei disagi e nelle fragilità dei componenti il gruppo! Chi ha fatto psicoanalisi o terapie di gruppo sicuramente apprezzerà questo capolavoro Carica di umanità la figura dello psichiatra che seppur morente non perde mai interesse e amore per i suoi pazienti ! Il miracolo del dialogo alla fine riesce a sciogliere il più ostico dei personaggi.. A dar voce alla sua sofferenza ... E poi la storia dì Schopenhauer abilmente raccontata senza creare nel lettore stanchezza o difficoltà.. La cura Schopenhauer mi ha fatto conoscere questo scrittore che è anche psichiatra, le cui opere sono vere lezioni di vita.

  • User Icon

    MARIA

    15/07/2019 16:09:30

    A ME E' PIACIUTO, ANCHE SE LO TROVO UN PO' TECNICO, ISTRUTTIVO SICURAMENTE PER UNO PSICOTERAPEUTA, QUALE IO SONO. SCRITTO BENE, IL PARALLELISMO CON LA VITA DI SCHOPENHAUER MI E' PIACIUTO, NON MI HA AVVINTO MOLTO. MA ALL'ULTIMO HO PIANTO, COME PHILIP, QUESTO PAZIENTE RIPESCATO FRA I PAZIENTI CON CUI JULIUS SENTE DI AVER FALLITO. E' STATO CATARTICO.

  • User Icon

    Sergio

    29/03/2019 06:32:30

    Quando va in scena la morte, la cura è Schopenhauer? Questo è, in ordine cronologico di scrittura, il terzo romanzo di Irvin Yalom (dopo "Le lacrime di Nietzsche" e "Sul lettino di Freud") e consiglio di leggerlo per terzo perché è un po' più impegnativo e un pochino meno avvincente dei precedenti. Ma procediamo con ordine, partiamo dalla trama: i protagonisti sono Julius, uno psichiatra, e alcuni suoi pazienti, in particolare Philip. Julius scopre di avere ancora solo un anno di vita. Da qui la domanda: cosa fare nel poco tempo a disposizione? Philip, che aveva sofferto di una grave malattia, indica a Julius l'unica "cura" che ha sperimentato essere efficace, che si basa sul pensiero di Schopenhauer. Il romanzo ruota dunque attorno all'aiuto (e i limiti) del pensiero razionale di diversi filosofi e all'aiuto (e i limiti) del supporto emotivo delle religioni e dello yoga. Questo romanzo è rallentato dallo svolgersi su due piani temporali, uno contemporaneo per parlare di Julius e uno storico per parlare, con tantissimi (ma forse anche inutili) dettagli, della vita di Schopenhauer. Inoltre il contenuto non è certo dei più allegri visto che il tema è la morte. D'altra parte la capacità di trattare con grande sapienza argomenti diversi e di usare toni diversi fanno di Irvin Yalom uno scrittore grandissimo, la cui lettura è senz'altro raccomandata a tutti

  • User Icon

    Antonella L.

    09/03/2019 10:51:07

    Eccellente! Per me che adoro Schopenhauer era doveroso leggere questo libro. La cura Schopenhauer è la cura di tutti noi. Ben scritto, nonostante sia un testo a carattere filosofico è scorrevole e può essere compreso anche da chi è a digiuno di filosofia. Cinque stelle sono più che meritate, consiglio questo romanzo per accostarsi ad un grande filosofo.

  • User Icon

    Jenny

    22/09/2018 18:37:13

    Divorato in pochissimo tempo, non mi aspettavo un romanzo così bello: scorrevole e commovente, mi ha dato anche input per la mia professione. Uno dei più belli di Yalom.

  • User Icon

    Manuela

    21/09/2018 10:03:57

    È come essere presenti a una seduta di gruppo e capire cosa e come avviene, dal punto di vista sia di chi la guida ovvero lo psicoterapeuta, che di chi crea la seduta stessa ovvero i partecipanti. Mi piaciuto molto!

  • User Icon

    n.d.

    20/10/2017 13:18:13

    Interessante

  • User Icon

    n.d.

    14/10/2017 16:15:08

    un romanzo originale, intelligente,un grande scrittore.

  • User Icon

    ROBERTA

    11/05/2017 17:04:22

    Il pregio di Yalom, o sarebbe meglio dire uno dei pregi, è quello di saper spiegare in modo semplice, ma non banale, temi filosofici e argomenti psicoterapici a chi, come me ad esempio, non ha avuto la fortuna di avere nei suoi piani di studi, all'epoca del liceo e non solo, la filosofia come materia. Un altro aspetto decisamente positivo è che i suoi libri, spingono ad avvicinarsi ai testi "seri" dei filosofi da lui menzionati. Peccato non poterlo ringraziare personalmente, perché i suoi testi mi sono davvero d'aiuto; sono piccole sedute di psicoterapia. E pensare che ero scettica nell'acquisto... Grazie signor Yalom!

  • User Icon

    francesco v

    30/08/2016 09:53:35

    Il libro piùà sottotono tra quelli di Yalom, e li ho letti (con questo) tutti. Troppo scolastico, troppo lungo,troppo incentrato sulle dinamiche delle sedute psicoterapeutiche che alla fine stancano e annoiano. 480 pagine che potevano essere 200. Mi ha comunque spinto ad approfondire la figura di Schopenhauer, proverò con Parerga e paralipomena

  • User Icon

    silvia

    28/02/2016 00:39:51

    Il pregio di questo romanzo è di avvicinare alla portata di tutti argomenti ostici, o presunti tali, come appunto Schopenhauer, la filosofia, la meditazione e la terapia di gruppo; d'altro canto però, proprio in virtù dell'intento divulgativo, la struttura narrativa risulta schematica, come quella di un manuale scolastico. Anche lo stile ne risente e i personaggi appaiono forzati, come pedine svolgono un ruolo solo strumentale, servono ad avvalorare una tesi. Nonostante la trama poco plausibile e l'intelaiatura così evidente, si tratta pur sempre di un'opera sentita, istruttiva e scorrevole.

  • User Icon

    michele

    02/02/2016 17:44:25

    Yalom non delude: dopo il notevolissimo Le lacrime di Nietzsche, anche La cura Schopenhauer conferma il talento del biblioterapeuta, forse ponendosi solo un gradino al di sotto del romanzo precedente. La narrazione si svolge su due binari: da un lato, la vita e il tormentato genio del filosofo tedesco, che agita il vessillo di una fiera misantropia, ma non sembra del tutto immune dalla malinconia della solitudine; dall'altro, un uomo di oggi che si libera da una sindrome compulsiva con la lettura delle opere e l'interiorizzazione del pensiero di Schopenhauer e dei filosofi stoici. E' però una guarigione parziale, perché la cura è in realtà una sorta di narcosi che mette al riparo dal male di vivere solo seguendo una rigida dottrina della rinuncia. Per rientrare finalmente guarito nel circuito della vita, il paziente dovrà accettare il rischio di abbattere le barriere mentali che aveva eretto per proteggersi dagli altri, e accogliere la simpatia che gli è offerta da un terapeuta in carne ed ossa e dagli altri membri del gruppo.

  • User Icon

    mara regonaschi

    11/01/2016 10:56:10

    Accattivante intreccio di psicanalisi e filosofia che un gruppo in terapia dal talentuoso prof. Julius sviluppa in varie sedute dopo l'annuncio dello stesso dell'imminente fine del loro lavoro (a causa della diagnosi di una malattia mortale) e dopo l'ingresso nel gruppo di un ex paziente che Julius in passato, dopo ben 3 anni di analisi, non era riuscito in alcun modo ad aiutare. La cura Shopenhauer, filosofo verso cui proprio l'ex paziente Philiph ricorre spesso quale suo riferimento ed alter ego, creerà tensioni e approfondimenti sulla vita e sulla morte: "Sopra tutto c'era la domanda, così spesso ripetuta da Zarathustra, se saremmo stati pronti a ripetere precisamente la stessa vita che avevamo vissuto, sempre in eterno nei secoli.....Il messaggio che Nietzsche ci rivolgeva era di vivere la vita in modo tale da avere voglia di ripetere la stessa vita in eterno". "I grandi dolori ci rendono insensibili ai piccoli, e, viceversa, in assenza di guai seri, le più minuscole contrarietà ci tormentano e c'indispongono". Ma in particolare sulle relazioni umane, considerate imprescindibili per lo sviluppo e la crescita dell'uomo: senza la condivisione, il contatto con gli altri, il confronto e l'accettazione del giudizio altrui non vi può essere comprensione dell'anima. Alla psicanalisi si inserisce la narrazione della vita e del pensiero di Shopenhauer, che spesso però appesantiscono e rallentano l'interesse alla lettura.

  • User Icon

    AdrianaT.

    08/11/2015 10:33:48

    "La filosofia è una scienza di semplici concetti" - che detto da Schopenhauer fa venire da ridere, ma applicato da Yalom ha un suo senso. Propedeutico ad una lettura più approfondita del suddetto, mi ha fornito strumenti preziosi per lo meno per avvicinarmi ai suoi grovigli mentali. Che Schopenhauer, usato in senso terapeutico, sia servito al bel Philip, (personaggio ai limite dell'umano), ad alleviare la sua compulsione sessuale, è un dato di fatto, anche se fictionale. Yalom scrive bene, è fluido ed estremamente attendibile nel suo intrecciare psicoanalisi e filosofia. (Schopenhauer ipotizzò l'inconscio quarant'anni prima della nascita di Freud). Il gruppo terapeutico, che assorbe la maggior parte della narrazione, risulta a volte ridondante e i suoi componenti spesso poco credibili per il loro apporto estremamente acuto e puntuale nonché la loro notevole capacità di analisi, pari quasi a quella del terapeuta stesso, generando una certa confusione di ruoli. Ma è una lettura ricca, piena di spunti, non solo per l'approccio a Schopehauer, ma soprattutto per quel che riguarda le relazioni sane e/o malsane fra bipedes.

  • User Icon

    gianni

    11/10/2015 14:12:12

    Scrittura mediocre. Noioso. Le parti su Schopenhauer banali (le uniche che ho letto per intero). L'ho abbandonato prima della metà.

  • User Icon

    tom

    01/10/2015 12:27:48

    All'inizio si parla subito di malattia e di morte, 2 argomenti che in genere si evitano accuratamente nelle letture d'evasione; io ho avuto infatti la tentazione di chiudere il libro con la scusa di leggerlo più in là, ho proseguito xché mi sembrava giusto dare fiducia ad un autore che mi aveva così appassionato con gli altri 2 romanzi e non me ne sono pentita, anzi, ho divorato questo libro! E' l'opera di Yalom che mi è piaciuta di più, qui lo scrittore affronta i nostri lati oscuri, le nostre fragilità, la paura di amare, di rapportarsi con gli altri, di sbagliare e di come si possano superare con la comprensione, il perdono e l'amicizia. Nella figura di Julius è facile ravvisare lo stesso autore (anch'egli psicoterapeuta) che considera il suo mestiere più come una vocazione che una professione, un modo x aiutare gli altri a relazionarsi e migliorare. E' stato interessante inoltre scoprire quanta influenza abbiano avuto le considerazioni di Schopenhauer riguardo le ns forze neuro-biologiche nel pensiero di Freud, soprattutto nella teoria dei sogni e nello studio dei meccanismi dell'inconscio e della repressione. Nel libro a farla da padrone è più la psicoanalisi della filosofia, lo consiglio quindi a chi è affascinato da queste tematiche ma, essendo molto scorrevole con bei dialoghi e tanti spunti di riflessione esistenziale, penso che chiunque possa gradire questo romanzo.

  • User Icon

    Fernando

    06/08/2015 07:56:45

    Ho conosciuto Irvin Yalom attraverso il suo testo "Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo" che mi regalarono nel lontano 1981 durante la mia specializzazione in neuropsichiatria. Leggerlo come autore di romanzi è stata una piacevolissima sorpresa. L'autore continua i suoi insegnamenti sulla vita (la psicoterapia esistenziale) attraverso le vicende dei suoi personaggi. Peccato per alcuni errori marchiani di traduzione: "trivial" tradotto con "triviale" invece che con "banale" (e non è poca cosa) e "mad" tradotto con "folle" invece che con "arrabbiato" (quest'ultimo nel romanzo "Sul lettino di Freud"). Appassionante.

Vedi tutte le 51 recensioni cliente
  • Irvin D. Yalom Cover

    Nato in una famiglia ebraica, è cresciuto in un ambiente povero. Si laurea Bachelor of Arts alla George Washington University nel 1952 e Doctor of Medicine alla University School of Medicine di Boston nel 1956. Dopo due anni di servizio nell'esercito al Tripler General Hospital di Honolulu, Yalom inizia la carriera accademica presso la Stanford University nella quale entra nel 1963 per restarvi fino al 1968. Insegna psichiatria alla Stanford University. All'attività clinica affianca quella di scrittore, che gli ha permesso di ottenere successi e gratificazioni importanti (soprattutto con il suo romanzo E Nietzsche pianse, i cui titolo è successivamente stato ritradotto da Neri Pozza in Le lacrime di Nietzsche). Tra gli altri suoi romanzi, pubblicati da Neri Pozza,... Approfondisci
Note legali