Categorie

Ella Berthoud, Susan Elderkin

Curatore: F. Stassi
Traduttore: R. Serrai
Collana: Il contesto
Anno edizione: 2013
Pagine: 637 p. , Brossura
  • EAN: 9788838931130

«I libri sono la cura per ogni malessere – ci mostrano le nostre emozioni, una volta, e poi ancora una, finché non riusciamo a dominarle». Questo è quanto sosteneva D.H. Lawrence credendo nel rapporto intrinseco tra la malattia e la letteratura.
Ella Berthoud e Susan Elderkin sono d’accordo e la consapevolezza del potere terapeutico dei romanzi le ha condotte alla creazione di questo raffinato ricettario la cui edizione italiana è curata per Sellerio da Fabio Stassi.
Le autrici, amiche sin dai tempi dell’università, sono due colte studiose inglesi con la passione per la letteratura che hanno dato vita negli anni ad un progetto di “biblioterapia per i disturbi della vita”, indirizzato dapprima ad amici e parenti e poi, con la pubblicazione del libro, aperto a tutti.
Curarsi con i libri è un discorso letterario sui turbamenti che si concentra su libri scritti nell’arco di duemila anni: da Apuleio a Marco Malvaldi qualunque sia il malanno di cui soffriamo è possibile trovarne una cura letteraria. Dalla A di “Abbandono” alla X di “Xenofobia” le scrittrici hanno trasmesso in delle schede riassuntive, equilibrate ed eleganti, l’essenza della produzione letteraria dalle origini ad oggi.
Sin dall’inizio Berthoud e Elderkin ci tengono a precisare che non vi è alcuna differenza tra dolore emotivo e fisico al punto da mostrare come la letteratura possa aiutare a elaborare un evento doloroso come il lutto, così come a riprendersi da una cervicale.
Aprendo a caso il libro scopriamo che si può guarire dalla gelosia leggendo Venere in pelliccia di Leopold von Sacher-Masoch dove il disturbo è paragonato ad una forma di masochismo; l’ansia dell’invecchiamento dei genitori con Le correzioni di Jonathan Franzen; la cattiva abitudine della dipendenza da gioco d’azzardo con L’uomo dei dadi di Luke Rhinehart. E ancora la paura dell’impegno con José Saramago e la sua Cecità; la tristezza della disoccupazione con L’uccello che girava le viti del mondo di Murakami; gli attacchi di panico con Testimone inconsapevole di Carofiglio e infine la furbizia con Petrolio di Pasolini.
Un’ampia carrellata è dedicata anche ai dolori fisici e ad esempio per il mal di schiena le scrittrici consigliano di andare da Ganesh Pundit, il protagonista di Il massaggio mistico di Naipaul o ancora per curare lo strabismo leggere Sofia si veste sempre di nero di Paolo Cognetti e diventare anche noi come la protagonista che si dà alla fuga quando le cose si mettono male.
Nel volume ci sono anche le liste dei “dieci migliori libri”, riassunte in un indice di facile consultazione: se ad esempio siete dei pendolari, le autrici propongono i “dieci migliori romanzi da leggere su un treno”, oppure se avete da poco chiuso una storia d’amore potete trovar sollievo con la lista dei “dieci migliori romanzi sulla fine di una relazione”. Sul retro del libro sono presenti altri due elenchi: uno è quello legato ai disturbi della lettura e l'altro è, naturalmente, l'indice di romanzi e autori. Quest’ultimo è utile per coloro che non hanno problemi che necessitano una terapia letteraria, ma vogliono sapere se i loro romanzi preferiti possono essere anche delle cure per gli altri.
Il volume è uscito contemporaneamente in vari paesi d’Europa, ognuno con una sua edizione e un suo curatore. Nella versione originale gli scrittori italiani presenti erano solo Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Alessandro Baricco e Antonio Tabucchi, a dimostrazione di come la letteratura italiana sia poco nota all’estero. Stassi, nell’edizione italiana, ne introduce molti: da Camilleri a Mazzucco, da Foscolo a Eco viene presentato il distillato della produzione letteraria italiana.
Nel seguire i frammenti di questo discorso letterario sulla malattia viene fuori la mappa di un paese che soffre da secoli degli stessi mali: la noia della burocrazia, la piaga della furbizia, l’esibizione eccessiva della virilità e l’ostentazione del corpo femminile e tanti altri disturbi che ci obbligano a guardare le cose come stanno. A questo volume spetta un posto privilegiato nella nostra biblioteca personale. Il risultato di Curarsi con i libri è insieme manifestazione della finzione letteraria e celebrazione delle possibilità del romanzo: sfogliarlo, farsi contagiare dalla lettura, deve essere per noi un bel modo di curarsi, una soluzione alternativa alle prescrizioni del farmacista.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zia dahlia

    19/01/2015 08.47.18

    L'idea è geniale, si tratta di un prontuario da consultare per "ispirarsi" nella scelta dei libri da leggere.Nonostante sia una grande lettrice, ho così scoperto tanti testi e tanti autori. In merito ai libri già letti o conosciuti, ho potuto rincontrarli e leggerne con piacere una sorta di recensione.

  • User Icon

    bruna

    30/03/2014 15.59.13

    Libro piacevole, anche se si riduce ad un elenco di titoli,anche a volte discutibili, qualche appunto me lo sono presa e magari prenoterò un paio di questi libri consigliati in biblioteca.

  • User Icon

    mitla

    04/02/2014 11.37.35

    Elenco cinico e divertente di libri che dovrebbero curare (per una oscura legge del contrappasso) i diversi mali fisici e psichici e anche gli eventi che patologici non sono, come rompere una tazzina di pregiata porcellana. Fantastici gli elenchi a decine dei "migliori libri" per fascia di età, per luogo o situazione. L'ho comprato non immaginando minimamente di cosa trattasse e come fosse strutturato ma non passo giorno senzxa consultarlo, prenderelo in mano o leggerne e rileggerne brani! Originalissimo, denso di spunti di lettura, a mio parere immancabile nella libreria di un vero amante della lettura.

  • User Icon

    gianni

    26/01/2014 10.52.52

    Complessivamente un po deludente pensavo di maggior stimolo sopratutto da un punto di vista ptettamente letterario. L'adattamento per i lettori italiani fa nascere qualche sospetto di troppo in quanto numerosi libri pubblicati da Sellerio.

  • User Icon

    vise81

    23/01/2014 14.23.51

    Ottima idea!! Libro simpatico e ironico....da sfogliare all'occorrenza!! :-)

  • User Icon

    Adriana

    17/01/2014 11.42.54

    E' simpatico, ironico, scorrevole, leggero e divertente: dà un sacco di buone dritte per una lettura varia, per ogni umore e circostanza. Un prontuario da tenere sempre a portata di mano. Brave le due autrici, per l'idea, la forma ed i contenuti. Consigliatissimo.

  • User Icon

    elena

    16/01/2014 10.46.13

    Capisco la grande ricerca dietro questo libro, ma il risultato è un mero elenco. Una delusione.

  • User Icon

    fiorella

    04/01/2014 23.11.59

    Un elenco caotico e dispersivo che annoia e infastidisce. E' stato una vera delusione.

  • User Icon

    Carneade

    29/12/2013 13.11.28

    Acquistato e subito pentito dell'acquisto, me lo aspettavo molto meglio.

  • User Icon

    max

    21/11/2013 15.27.33

    Ho avuto il piacere di partecipare alla presentazione del libro in quel di Cave sabato 16/11, nel meravigliosa location del nuovo Teatro Comunale. Presenti Stassi, vincitore in estate del Premio Letterario Città di Cave 2013, e alcuni professionisti nel campo medico che hanno dibattuto sulla efficacia terapica di un buon libro contro numerose patologie: due ore di simpatico dibattito condito dalle letture di alcuni pezzi del libro da parte degli amici di "Caffè Corretto", organizzatori del riuscitissimo evento. Una spanna su tutti Fabio Stassi, che con la sua simpatia, la sua semplicità e la sua grande preparazione ha allietato il tanto pubblico presente al teatro. Naturalmente ho divorato il libro in meno di una settimana: oltre 600 pagine di spunti divertenti e seri allo stesso tempo su come affrontare i mali che ci affliggono attraverso una cura fatta di libri, libri e libri. Buon divertimento.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione