Categorie

Stephen E. Ambrose

Curatore: M. Pagliano
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 638 p. , Brossura
  • EAN: 9788817000635

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maio

    20/07/2014 03.12.15

    Dire che l'autore descrive dettagliatamente tutto quello che è accaduto è troppo riduttivo. Il lavoro di ricostruzione dei fatti, dei retroscena, della prima linea e del "dietro le quinte" è qualcosa di eccezionale. Con questo libro si scopre la verità su molte cose che non si sanno, si entra quasi a far parte della spedizione, si rivivono l'ansia, la paura, la sofferenza dei soldati di entrambi gli schieramenti, si contrappongono le tattiche e le scelte dei generali al comando. Colossale.

  • User Icon

    MASSIMILIANO

    11/11/2010 19.17.39

    ho letto questo libro e un ottimo libro tra tutti quelli che ha scritto stephen.ambrose e.tra le righe c'e la ricostruzione dettagliata del salvataggio del soldato rayan,la paura di morire,il terrore dei compagni morti,essere salvo grazie alla tua prontezza,e dei tuoi compagni che ti hanno salvato la vita.consiglio di leggere anche "band of brothers" da 10 e lode. massimiliano.

  • User Icon

    saturn

    30/08/2008 17.40.55

    Altra opera 'amerikana' del ben noto S.Ambrose che ha passato decenni a esaltare il valore e la potenza americana a suo avviso decisiva nella 2^Guerra Mondiale ,ignorando il contributo non soltanto dei Sovietici (ovvio data la mentalita' da Guerra Fredda dell'autore) ma addirittura anche degli Inglesi ,con buona pace delle migliaia di pagine scritte da Churchill nelle sue memorie.Inutile dire che per una conoscenza seria della campagna di Normandia bisogna utilizzare le opere di Hastings o D'Este;quanto a Carell ( l''Ambrose' tedesco) sicuramente e' piu' piacevole nella lettura e una volta tanto magnifica la indubbia abilita' della Wehrmacht ridicolizzata per decenni dalla letteratura 'hollywoodiana' anglosassone. Resta da ricordare soltanto che la campagna di Normandia fu' piu' una operazione 'politica' che militare ,diretta anche e sopratutto a mettere piede in Europa per fermare l'ormai inarrestabile onda sovietica che stava martellando da due anni il grosso dell'Esercito tedesco all'Est. Tutti gli storici seri( anche quelli anglosassoni - Glantz,Erickson,Roberts,Werth...) sanno che la Germania di Hitler perse la guerra in Russia ( dove peraltro subi' oltre il 90% delle sue perdite) e che nel maggio 1944 le battaglie veramente decisivi erano gia' state combattute e vinte dai russi...Con buona pace dei nostri storici dilettanti e della maggior parte dei lettori medi italiani ( e non solo) che ignorano gran parte dei veri snodi cruciali della 2^Guerra Mondiale.

  • User Icon

    Lele

    10/03/2007 20.48.42

    Un altro ottimo lavoro di Ambrose. Grande precisione negli eventi storici narrati e sui reparti e personaggi partecipanti. Stupende mappe per capire meglio il luogo dell'invasione. Particolari anche alcune parti in cui risaltano i sentimenti delle persone coinvolte, dai grandi generali ai reparti in prima linea (sia tedeschi che alleati) alla popolazione civile francese. Un grande testo di storia indisèensabile per tutti gli appassionati della seconda guerra mondiale.

  • User Icon

    Diego

    18/02/2007 16.20.22

    Sicuramente un buon libro sul d-day, la qualita' dell'approfondimento dello sbarco americano è indubbiamente alta, la narrazione è scorrevole quasi come un romanzo, corredata da testimonianze dirette di veterani. L'unico limite è la visione quasi esclusivamente di parte dello sbarco, che comunque non sorprende visto "l'americanismo" dell'autore.

  • User Icon

    bruno

    30/01/2007 16.17.52

    è un libro discreto, anche se visto quasi unicamente dalla parte americana con la partecipazione inglese trattata in modo un pò troppo superficiale . Dal mio punto di visto ambrose conferma di essere un buon narratore (documentato) di storia più che uno storico vero. Il libro è scritto bene, scorre con facilità, ma forse il difetto sta proprio nella sua ricerca di essere scorrevole e un pò troppo "vendibile". Tendenzialmente preferisco gli storici inglesi della seconda guerra, in ogni modo per gli appassionati è un libro da avere, anche se sul d-day esistono libri migliori.

  • User Icon

    David Delcò

    05/11/2006 16.07.25

    L'evento del D-Day è sicuramente uno tra gli avvenimenti storici dell'ultimo secolo che ha fatto scorrere fiumi d'inchiostro. Trovo che in questo libro l'inchiostro sia stato ben impiegato. Ambrose è sicuramente tra i più noti storici / studiosi di questo evento; l'impiego delle testimonianze dei veterani permette una ricostruzione approfondita dei fatti e lascia una traccia indelebile anche delle emozioni e dei sentimenti degli interpreti (molti americani, ma anche qualche tedesco).

  • User Icon

    Luca

    29/08/2006 14.46.46

    Bellissimo libro, proprio quello che cercavo!!

  • User Icon

    Alex

    20/06/2006 11.36.31

    Ambrose riesce a far rivivere il senso di angoscia e terrore misto alla baldanzosa e speranzosa certezza della vittoria alleata.Un grande libro(forse il migliore,anche se avrebbe potuto dilungarsi di più a mio parere sulle parti anglo/canadesi),imparagonabile a "Il Giorno Più Lungo" di Ryan(che avevo trovato già abbastanza accurato.Consiglio agli amanti del D-Day "Sie Kommen-Arrivano" di Paul Carell che ci mostra il D-Day dalla prospettiva dei soldati tedeschi.Carell non è assolutamente al livello di Ambrose,però ci offre una testimonianza(forse la sola,non mi risulta che altri tedeschi abbiano trattato il D-Day,a parte qualche generale nelle proprie memorie)di cosa fu lo sbarco in Normandia per i tedeschi e per la Germania. Tornando ad Ambrose,questo libro è davvero essenziale per ogni appassionato di storia.

  • User Icon

    gigi

    19/09/2005 15.22.02

    ambrose e' il massimo esponente del secondo conflitto visto dalla parte dei soldati americani. un'altra grande opera dopo "cittadini in uniforme". fantastico e avvincente.

  • User Icon

    gabriele

    22/06/2005 00.16.08

    E' un ottimo libro! Ambrose ha inquadrato ogni fase dello sbarco. Mi ha colpito la descrizione particolareggiata degli eventi verificatisi a Omaha beach!

  • User Icon

    mauro

    12/05/2005 17.47.13

    Il libro è un valido documento poichè sono stati reperiti documenti, dati, eventi, interviste del D Day direttamente da chi ha combattuto, che altrimenti, visto l'età dei veterani, non sarebbe stato possibile reperire. Chi intende leggere il libro deve farlo con l'intenzione di assumere notizie sui fatti relativi alla battaglia, mezzi e così via in modo da immaginare le scene del momento, per questo motivo verso la fine ci si può annoiare. Di bello resta il fatto che quando lo si legge aumenta la voglia di andare a visitare le zone dello sbarco. Consiglio di leggerlo, specialmente per chi ama ritornare con la mente su fatti che sono stati solo letti e non vissuti e per gli appassionati di storia.

  • User Icon

    Marco

    19/10/2004 12.52.37

    Eccessivamente prolisso, si fatica a sintetizzare tra la mole di fatti e testimonianze riportate. Grande analiticità sul fronte americano un po' di superficialità su quello inglese e tedesco. Sono d'accordo, qualche cartina geografica in più non avrebbe fatto male. Comunque un buon libro.

  • User Icon

    marco paladina

    13/05/2004 19.24.22

    ottimo libro sicuramente, ma non quanto il giorno più lungo di cornelyus ryan!

  • User Icon

    franco valdevies

    09/05/2004 11.24.45

    Ancora una volta Ambrose ha "fotografato" alla perfezione tutte le fasi dei vari combattimenti. Qualche altra cartina con le zone delle battaglie e delle avanzate avrebbe reso il libro quasi perfetto.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione