Da dove vengono le storie?

Hanif Kureishi

Traduttore: I. Cotroneo
Editore: Bompiani
Collana: PasSaggi
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 29 gennaio 1999
  • EAN: 9788845239519
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 3,95

€ 4,65

Risparmi € 0,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pat

    25/05/2017 10:15:38

    Un libro bello da leggere, un testo che può aiutare sia a scrivere meglio sia a "far scrivere" meglio altri, se questo fa parte del proprio mestiere. Splendide le considerazioni sulla solitudine dello scrittore!

  • User Icon

    maurizio crispi

    14/05/2003 16:54:04

    Come dice la scheda di IBS, il libro è diviso in tre parti. Nella prima lo scrittore racconta del padre, e della sua passione per la scrittura che lo ha portato a scrivere instancabilmente per tutta la sua vita storie e romanzi per i quali non avrebbe mai trovato un editore. E questa parte dello smilzo libricino, è indubbiamente un grande omaggio a Kureishi padre, sia alla sua determinazione di scrivere anche in assenza un suo pubblico, sia all'indiretto insegnamento che egli ha riversato nel figlio, inducendolo a dedicarsi precocemente, a tempo pieno, questa volta, alle scritture. Nella seconda parte, proprio prendendo le mosse dai ricordi delle scritture del padre, così fortemente radicati in lui, cerca di sviluppare alcune riflessioni sulla pratica della scrittura e sul rapporto tra vita vissuta e vita scritta, per cercare di rispondere al quesito contenuto nel titolo "da dove vengono le storie?" Nella terza ed ultima parte, infine, Kureishi illustra i motivi intimi che lo hanno spinto a scrivere, la sua concezione della scrittura come di un importante compito nella vita. In questa terza parte, Kureishi si sofferma molto, da un lato, sul suo rapporto con il padre, che vede il suo successo con ambivalenza, considerandolo al tempo stesso il compimento di ciò che egli ha cominciato a fare; dall'altro, indugia a riflettere sulla sua esperienza di scrittura del romanzo che, più degli altri gli ha dato la notorietà, il Buddha delle periferie, tanto che per capire meglio queste sue considerazioni ci si sentirebbe spinti a leggere il romanzo in questione. Quest’ultima parte, fa sentire il piccolo saggio in qualche misura monco, lo si vedrebbe collocato molto meglio come post-fazione al Buddha delle periferie. Ciò è espressione, a mio modo di vedere, delle scelte spesso strane e discutibili degli editori, piuttosto che della volontà degli autori. Comunque, i brevi paragrafi che illustrano il rapporto tra autobiografismo e scrittura sono davvero illuminanti (Maurizio Crispi).

  • User Icon

    io

    23/01/2003 10:06:23

    straordinario per la semplicità e immediatezza di scrittura; straordinario per l'onestà emotiva e intellettuale."da dove vengono le storie"?dalla vita-che è molto più (bella e complessa)della realtà.

  • User Icon

    Martina

    26/04/2002 18:23:18

    Vi siete mai posti la domanda per sapere da dove nascono le storie? Beh, io sì e ho trovato una risposta chiara in questo libro!!! Per voi potrà sembrare una domanda strana, senza senso, senza nessuna importanza,oppure una domanda a cui sapete GIà rispondere, ma per me era un enigma da risolvere, un labirinto senza uscita. Non abbiate paura di fare vedere che avete dubbi senza risposta, fate vedere che non siete come quei saputelli che credono di sapere tutto!!! Se credete che questa sia una domanda curiosa e, se voi siete curiosi di trovare una risposta,allora vi consiglio vivamente di far riferimento a questo libro!!! ;-) NON VE NE PENTIRETE......FIDATEVI!!!

  • User Icon

    Marty

    26/04/2002 16:23:14

    Vi siete mai posti una domanda per sapere da dove nascono le storie? Be, io sì e per trovare una risposta ho letto questo libro. Forse per voi sarà una domanda banale, senza senso, senza nessuna importanza, ma invece per me questa era un enigma da risolvere, e un labirinto senza uscita, ma leggendo questo Saggio i miei dubbi sono svaniti! Fate come me, non esitate, non abbiate paura di fare vedere che avete delle domande e che non siete come quei saputelli che credono di sapere tutto, leggete questo libro!!!! In fine...(tutta questa "filippica" non l'ho fatta per niente;->) VI CONSIGLIO VIVAMENTE DI LEGGERE QUESTO LIBRO!!! ;-)

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione