Da Wildt a Martini. I grandi scultori italiani del Novecento

Editore: Skira
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 1 maggio 2002
Pagine: 160 p., ill.
  • EAN: 9788881185962
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 19,52

€ 19,52

€ 36,15

20 punti Premium

€ 30,73

€ 36,15

Risparmi € 5,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Un'esaustiva e accurata indagine sull'evoluzione della scultura italiana dall'esperienza di fine Ottocento agli anni Quaranta del Novecento illustrata attraverso una selezione di circa cinquanta opere in bronzo, marmo, gesso e terracotta (dai bozzetti e modelli originali alle opere autonome e compiute) dei principali scultori italiani della prima metà del secolo, da Adolfo Wildt a Libero Andreotti e Romano Romanelli, da Domenico Rambelli a Roberto Melli, Felice Casorati e Arturo Martini. "Ciò che caratterizza fortemente il passaggio dall'Otto al Novecento nella scultura, e quella italiana in particolare, è l'abbandono progressivo, ma talora persino violento e perentorio, della fluidità del segno che aveva caratterizzato, dalla Scapigliatura in poi, una sorta di identificazione tra il modello tridimensionale e il tratto grafico". (Rossana Bossaglia)Partendo da alcune sculture che costituiscono il trait-d'union tra l'Ottocento e il Novecento (come la Conversazione in giardino di Medardo Rosso del 1896), il volume propone un'originale lettura della scultura italiana della prima metà del nostro secolo e delle diverse poetiche dei suoi protagonisti. Il volume comprende i contributi critici di Rossana Bossaglia, Eugenio Manzato e Alessandra Zanchi, cui seguono il catalogo delle opere a cura di Ilaria Uzielli, le biografie degli artisti (a cura di Alessandra Zanchi) e la bibliografia (a cura di Ilaria Uzielli).