Dai ricordi di un fuoruscito 1922-1933 - Gaetano Salvemini - copertina

Dai ricordi di un fuoruscito 1922-1933

Gaetano Salvemini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: M. Franzinelli
Collana: Gli archi
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 26 aprile 2002
Pagine: XLVIII-210 p.
  • EAN: 9788833913919
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 17,00

€ 20,00
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Dai ricordi di un fuoruscito 1922-1933

Gaetano Salvemini

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Dai ricordi di un fuoruscito 1922-1933

Gaetano Salvemini

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Dai ricordi di un fuoruscito 1922-1933

Gaetano Salvemini

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Queste pagine presentano un quadro realistico e affascinante del decennio cruciale compreso tra la marcia su Roma e il consolidamento del regime fascista. La testimonianza autobiografica evidenzia il percorso esistenziale di un intellettuale controcorrente, che nei primi anni d'esilio compose opere fondamentali.

Fieramente avverso al fascismo sin dalla prima ora, fu solo con l'uccisione di Matteotti che Salvemini si risolse a un impegno diretto, dal quale fino a quel momento l'aveva tenuto lontano la profonda sfiducia nell'opposizione antifascista. Con l'impegno vennero però anche le sgradite attenzioni dei fascisti, fatte di intimidazioni e tentativi di aggressione, e l'incriminazione per la pubblicazione del foglio clandestino "Non Mollare", che gli valse nell'estate del 1925 trentacinque giorni di carcere. Fu allora inevitabile per Salvemini lasciare l'Italia. Si stabilì prima in Francia e successivamente in Inghilterra e negli Stati Uniti, e divenne, come si iniziò a dire allora, un "fuoruscito".

L'esperienza del primo decennio d'esilio, una volta tornato in patria, nel 1949, volle rievocare raccogliendo ricordi e testimonianze. A quell'opera lavorò a lungo senza riuscire mai a licenziarla definitivamente. Se ne ebbe, prima della sua morte, un parziale e per l'autore largamente insoddisfacente assaggio nel 1954, sulle pagine della rivista genovese "Itinerari". E poi, nel 1960, ormai postuma, con il titolo Memorie di un fuoruscito una versione più ampia curata da Gaetano Arfè. La nuova edizione, curata da Mimmo Franzinelli, al quale si deve anche un abbondante apparato di note e un'esauriente introduzione, ripristina il titolo voluto da Salvemini e include alcune parti recuperate dagli appunti di lavoro.

Indiscutibili sono le ragioni di interesse che presentano queste memorie. I Ricordi costituiscono infatti, pur con le inevitabili distorsioni e con i comprensibili aggiustamenti postumi, uno sguardo gettato all'interno dell'officina critica che Salvemini allestì, da storico e da antifascista, per capire, e per combattere, il fascismo. Ci si può allora render conto come, sin dall'inizio, nell'analisi salveminiana i nessi della situazione italiana con quella internazionale si configurarono come essenziali. Ciò si tradusse in una costante attenzione non solo per la politica estera mussoliniana, ma anche per l'atteggiamento assunto dalle potenze europee nei confronti del nuovo regime. Dal convincimento che l'occasione per il rovesciamento del fascismo potesse essere fornita solo dalla politica internazionale derivò l'importanza attribuita alla controinformazione all'estero, che si tradusse in articoli, opuscoli e pubblici dibattiti, e nella quale si sostanziò il suo impegno antifascista. Non solo questo offrono però i Ricordi. Vi si ritrova anche un ritratto, effettuato dall'interno, del mondo degli antifascisti fuorusciti, degli accesi dibattiti tra partiti e correnti, dell'eroismo di molti, ma anche delle difficoltà materiali che gran parte di essi dovettero affrontare, per i disagi economici e i problemi di inserimento nella nuova realtà. Difficoltà materiali a cui si sommò la grande abbondanza di spie, e provocatori fascisti, da cui furono circondati. Fu insomma, al di là dei riconoscimenti ottenuti a fascismo caduto, una vita difficile quella dei fuorusciti. E tale difficoltà Salvemini volle ricordare. Senza però mai dimenticare, come si legge nelle ultime righe di queste memorie, che "chi in Italia, per anni, non cedé mai, deve essere ricordato con riconoscenza e ammirazione maggiore di chi emigrò".

| Vedi di più >
Note legali