Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 04/05/2004
Pagine: 349 p., Brossura
  • EAN: 9788804532705
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    byAx

    26/03/2017 12:34:58

    Anni '40, l'omicidio efferato di Elizabeth Short - realmente avvenuto, irrisolto - e un'indagine ossessiva, dannatamente ossessiva, che scoperchia miserie e squallori e poche gioie, che travolge equilibri privati e sociali. Un Noir a tutti gli effetti, le cui ombre si manifestano a più riprese come in un incontro di pugilato, arte in cui spiccano i due poliziotti protagonisti, Lee e Dwight. Un bel Noir.

  • User Icon

    mainoz

    17/02/2016 14:32:05

    Un altro capolavoro. Difficile non essere trascinati dentro a questo libro, catturati dalla Dalia Nera e dalla scrittura febbricitante e ipnotica di Ellroy. Un gradino al di sotto rispetto a L.A.Confidential.Meno personaggi, trama complessa ma non ai livelli di L.A. Molte sono le somiglianze con l altro suo capolavoro, come in L.A ci si immerge completamente nella storia, in alcuni tratti l immedesimazione con il protagonista diventa quasi inevitabile, un dato di fatto. Alcuni luoghi sono gli stessi, come ad esempio il Nite Howl, ritrovo con piacere Millard e qualche altro poliziotto di L.A.. La caratterizzazione Dei personaggi e' ottima. La cura Dei dettagli e' maniacale, la cosa che piu' mi ha colpito e' il modo in cui viene descritta la passione che prova il protagonista verso le 3 Donne Della sua vita, Madaleine, Kay e il fantasma di Elisabeth Short. Ad un certo punto del romanzo sembra quasi che si fondano in un unica persona o entita' astratta. Alcune trovate sono pazzesche, vedi il cane imbalsamato. Il finale e' forse la parte piu' Bella, un susseguirsi di colpi di scena. Vale lo stesso discorso che per L.A, bisogna leggerlo almeno due volte per cogliere tutti I particulari che da Una prima lettura possono sfuggire. Insomma non e' come leggere Stephen King o Grisham o 50 sfumature di grigio.

  • User Icon

    Iryna

    02/07/2015 18:49:30

    E' stato il mio primo libro di questo scrittore. Dire bello, avvincente, intrigante sarebbe dire poco. E' davvero un noir di ottimo livello: trama, narrativa, caratteristica dei personaggi, colpi di scena. Qui c'e' tutto. Due volte ho visto il film, che e' stato tratto da questo romanzo, ma non l'ho apprezzato cosi tanto come il libro. Non sono d'accordo con chi dice che e' noioso. Anzi. E' molto scorrevole e l'ho letto tutto d'un fiato. Sicuramente consigliabile!

  • User Icon

    paolo

    02/02/2015 16:17:50

    Uno dei thriller piu' belli ed intricati mai letti.Un vero capolavoro del genere giallo scritto benissimo in maniera coinvolgente e continui colpi di scena.Magistrale!

  • User Icon

    ziamicky

    17/07/2013 21:11:04

    Fa paura e rabbia...da quanto è scritto bene ed è avvincente questo romanzo.Lo leggi e pensi che vorresti averlo scritto tu!Unico neo?troppi nomi!Da chiedersi come una mente possa averlo concepito così intricato e ben confezionato!Assolutamente consigliato!

  • User Icon

    langravio

    26/02/2013 20:20:53

    Sicuramente il migliore di Ellroy. Più lungo e intricato del film, finora è quello che mi ha affascinato di più di Ellroy....

  • User Icon

    Gerry S

    24/01/2013 18:58:21

    In questo romanzo ci trovi tutto quello che il Noir ha da offrirti: dramma, azione, umorismo, tensione. Letto Ellroy guardi altri romanzo dello stesso genere dall'alto in basso. Perchè 4 e non 5? Troppi nomi !

  • User Icon

    francesco c.

    03/01/2013 18:07:34

    Ho deciso di leggere qualcosa di Ellroy dopo aver visto il film L.A. Confidential, che ho molto apprezzato, e devo dire che la lettura mi ha portato ad un livello di gradimento ancora maggiore. Nonostante lo stile dell'autore mi sia piaciuto fin da subito, ho trovato l'inizio un po' troppo lento, finché l'omicidio della Dalia non ha fatto la sua impetuosa irruzione nella storia, sconvolgendone il ritmo, i personaggi e i rapporti fin li stabiliti. La squallida, perversa, corrotta Los Angeles anni 40 descritta con maestria da Ellroy fa da perfetta cornice alla brutalità e all'inaudita crudeltà dell'assassinio di Elizabeth Short. Questo libro è un noir tra i più neri che abbia letto; nero nel titolo, ancor più nero tra le sue pagine. Non c'è nessuno che esca fuori candido e immacolato da questa storia, il confine tra buoni e cattivi è talmente labile da diventare invisibile in alcune parti della vicenda. Il finale perde un po' di forza, ma non sminuisce la totalità dell'opera. Davvero un gran bel libro, onestamente mi chiedo perché non abbia dato 5 stelle.....a volte sono proprio incontentabile!!

  • User Icon

    marco

    01/10/2012 14:23:14

    Un libro pieno di luoghi comuni, personaggi stereotipati da telefilm americano, con dettagli splatter a profusione e colpi di scena degni di Beautiful. Tolto questo, lo stile è diretto ed efficace, anche se il ritmo cala continuamente e rischia di annoiare in più parti. Secondo me si tratta di un sopravalutato prodotto di genere.

  • User Icon

    EnricoG

    07/10/2010 20:47:46

    Un thriller appassionante scritto con maestria e con la giusta dose di suspense.Ellroy abbondantemente promosso,non do le cinque stelle per il finale con troppi colpi di scena frutto di deduzioni non troppo lineari...secondo,perchè l'autore dipinge per tutto il libro un poliziotto ossessionato dalla ricerca della verità al punto da sacrificarne gli amori e la carriera,e poi decide di seppellirla per non so quale scrupolo di coscienza,quando ormai non aveva nulla da perdere...non ci sta.

  • User Icon

    Sarah

    20/12/2009 20:00:39

    Coinvolgente, affascinante, mi è piaciuto molto, storia intricata ma con un finale ad effetto, bello il contesto, la definizione dei personaggi, il tutto ben amalgamato, ricetta perfetta!

  • User Icon

    Massimo F.

    15/10/2009 17:11:59

    Affascinante questo Los Angeles noir. Una storiaccia con tutti i crismi, personaggi estremi (forse troppi), ma avvincenti. La complessità della trama non sempre è totalmente governata dall’autore che però si riscatta con un’ambientazione anni’40 molto ben resa e con un finale chiarificatore e narrativamente molto pulito. Da leggere.

  • User Icon

    conteugolino

    28/06/2009 15:32:41

    380 pagine ai confini della noia e le ultime 39 che parzialmente riscattano un libro, a mio modo di vedere, sopravvalutato. Dicono che sia colpa della traduzione, ma io non ci credo molto.

  • User Icon

    l

    11/06/2009 17:10:13

    "Conosco i vostri sistemi" dice l'uomo al poliziotto che lo sta pestando per farlo parlare "tu fai il cattivo e il tuo socio lì fa il buono". "Ti sbagli," risponde il poliziotto "io sono quello buono". Noir da manuale, anche troppo, al limite dello stereotipo, tanto che se mi avessero detto che LA Confidential (il film) era tratto da questo libro, ci avrei anche creduto. Per me i noir sono un po' come la birra, non mi piace, so di perdermi una cosa bella della vita, ma che ci posso fare? Tanto più che leggere Ellroy in italiano è come bersi la birra calda. Capisco che il linguaggio dei poliziotti di L.A. sia intraducibile, ma se l'eroe di turno va in giro per tutto il libro con gli abiti "stazzonati" e si rivolge alle sue donne con frasi tipo "Ehi, pupa, piantala di raccontare frottole!", il lettore tende a demotivarsi ed il pathos dell'opera perde qualche colpo.

  • User Icon

    Ardid79

    18/01/2008 23:11:17

    Ci sono romanzi che trascendono il proprio genere, e diventano solo storie in cui buttarti a capofitto, uscirne malconci e che ti si trascinano dietro per giorni. Non sono un’amante dei noir, per questo mi sento di consigliare questo libro a chiunque. Non ho dubbi che le impressioni che butto giu’ ora, a caldo, non svaniranno con i giorni…non è una storia che si dimentica, alcontrario,sedimenta.E’indubbiamente un classico del ‘900.La storia in se’ è semplice, e parte da un avvenimento di cronaca nera realmente accaduto nel gennaio 1947: l’assassinio di Elizabeth Short, detta la dalia Nera per l’abbigliamento con cui adescava clienti. Una ragazza di provincia giunta a Hollywood con il segno del cinema e che, invece di successo, aveva trovato solo squallore e morte. L’assassino non fu mai trovato. Notando analogie con l’omicidio di sua madre, detta la “rossa”, nel tentativo di dare disperatamente una risposta, Ellroy costruisce la soluzione del caso della dalia. Si sente che è un romanzo scritto da “dentro”, e la sua ossessione diventa un po’ anche la tua. I protagonisti sono due ex pugili, ora poliziotti, amici e soci: Bucky e Lee. Bucky e Lee condividono tante cose, forse troppe: la passione per il pugilato, la loro amicizia, l’amore per la stessa ragazza, Kay, e l’ossessione per la dalia. Finiranno per perdersi, ognuno a suo modo, in una trama con un ritmo vertiginoso, senza un attimo di cedimento, scritta con uno stile rapido e lirico insieme, vera immersione nella malvagità umana, nel labirinto di menzogne che siamo capaci di costruire, nell’ incapacità ditrovare giustizia e redenzione per per una vita giovane e stroncata, nella consapevolezza chele ossessioni distruggono e non salvano mai, che in fondo in fondo, siamo quasi sempre soli. Tutto con l’immagine di Elizabeth Short sullo sfondo.Sono riemersa, stordita, angosciata.Fa male. Ma non vorrei non averlo letto. Per sapere come siamo capaci di essere,e per quel solo barlume di speranza che c’è in fondo.

  • User Icon

    MICHELE 94

    07/11/2007 20:56:39

    Ho letto questo libro dopo l'uscita al cinema del film.Mio padre l' aveva visto e non l'aveva capito molto,invece nel libro(pur con descrizioni dettagliate e lunghe)la fine è molto comprensibile anche se i personaggi sono troppi. Un ottimo giallo scritto con maestria e cura dei particolari,scoprire l'assassino è stato complicatissimo per me che sono un tredicenne ma credo che anche gli adulti avranno trovato qualche difficoltà.Carino il film.

  • User Icon

    Jacopo

    16/10/2007 20:01:50

    Un libro decisamente BELLO, con una sempre più rara capacità di farti immergere totalmente all'interno della storia; non ci si limita ad amare o ad odiare i personaggi del libro, ma li si "vive" tutti dal primo all'ultimo: tutti sono necessari al proseguo della storia, e tutti sono inseriti in maniera perfetta da Ellory. Uno dei libri che mi è piaciuto di più in assoluto....ma il paragone con il film è inevitabile (più che altro per chi lo ha visto e deve ancora leggere il libro): tante attese che alla fine deludono, sono due cose completamente diverse, il primo film che ho trovato veramente brutto e che, purtroppo, ho faticato a vedere fino alla fine

  • User Icon

    roberta

    04/09/2007 12:12:08

    E' il secondo libro che ho letto di questo fantastico scrittore, dopo LA Confidential. Divorato in tre giorni (grazie alle vacanze estive) di completa immersione in una storia dalla quale non riuscivo a staccarmi nemmeno un momento. Qualcuno ha commentato che "nessuno scrive come Ellroy" e non posso che essere d'accordo! Storia pesantissima tanto è infarcita di violenza, assolutamente avvincente e strutturata in modo perfetto. Alla fine del libro mi sono detta che dovrei aspettare un po' prima di leggere qualche altro romanzo di Ellroy, perchè le ossessioni dei protagonisti diventano davvero parte della tua vita e, come altri hanno commentato, ti esplodono in testa... ma non penso che resisterò a lungo. Un libro decisamente non banale e da non perdere.

  • User Icon

    Silvia

    16/07/2007 19:39:48

    Un libro veramente intrigante, l'atmosfera "noir" ti avvolge dall'inizio alla fine. Io personalmente l'ho letto tutto d'un fiato.

  • User Icon

    Jules

    04/03/2007 23:07:34

    La scrittura in prima persona di Ellroy è straordinaria: ha uno stile tutto suo di coinvolgere il lettore nelle scabrose vicende di cui parla. Linguaggio originale, ellittico, ma mai pesante, ironia mista a violenza, tutto veramente godibile. E poi occhio alle ultime 50 pagine, allorchè arriva il momento della verità: pura vertigine.

Vedi tutte le 44 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione