Categorie

Jules Verne

Anno edizione: 2009
Pagine: 168 p. , Brossura

96 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - da 11 anni

  • EAN: 9788842543831

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    03/06/2016 10.37.04

    È stata una lettura giovanile, forse uno dei primi romanzi che ho divorato nrl periodo delle scuole medie inferiori, ma rammento ancora come ne fui favorevolmente impressionato e come con la mia fantasia anch'io, pagina dopo pagina, fui partecipe di questa straordinaria avventura. Oggi che la Luna non è più un mistero, che gli uomini vi hanno già messo piede con ben altri mezzi e non certo con una sorta di proiettile sparato da un gigantesco cannone, se mi metto un po' a riflettere giungo alla conclusione che spazio per sognare da un po' di tempo ne è rimasto ben poco. Ricordo che fui rapito da questa ingegnosa costruzione, benché già fossero stati lanciati nello spazio dei satelliti, quello con la famosa cagnetta Laika e quello con Gagarin. Il lancio del proiettile non permise agli astronauti di Verne di mettere piede sul nostro satellite e anzi si risolse quasi in una tragedia, poiché la particolare navicella, entrata nell'orbita lunare, comincio a girare intorno e solo grazie all'ingegno umano si poterono salvare e far ritorno sul nostro pianeta. Oggi viene da sorridere per le soluzioni escogitate dal grande scrittore francese, ma non erano del tutto prive di fondamento e, per le conoscenze dell'epoca, erano le uniche possibili. Peraltro, occorre riconoscere a Jules Verne, oltre a una spiccata creatività, anche una genialità che è possibile riscontrare in altre sue opere, come, per esempio, Ventimila leghe sotto i mari. Possiamo in sostanza dire che per certi aspetti precorse i nostri tempi, così tecnologici, ed è questo un merito che non ne fa un autore visionario, ma una mente che sapeva vedere nel futuro. Per quanto ho evidenziato il libro è più che meritevole di essere letto e non solo dai bambini, ma anche dagli adulti, per tornare un po' a sognare, per andare a ritroso fino a un tempo in cui, con la fantasia e solo con quella, tutto era possibile.

  • User Icon

    A.M.

    24/08/2009 12.02.20

    Ancor più che in "Viaggio al centro della Terra" Verne concepisce un trattato di Fisica e Matematica, piuttosto che un romanzo d'avventura! Io, pur avendole studiate per anni, non ho tollerato le troppe descrizioni fisico-matematiche dei fenomeni osservati, descrizioni forzate a tutti i costi. Bisogna saltare pagine e pagine per non abbandonare la lettura. Non è possibile sorbirsi ad ogni pagina sempre e solo spiegazioni scientifiche su spiegazioni scientifiche. E' una pena senza fine. Lasciate perdere, vi prego!

Scrivi una recensione