Editore: Adelphi
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 7 luglio 2004
Pagine: 269 p., Brossura
  • EAN: 9788845918803
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Una raccolta di scritti definiti dallo stesso autore "parerga che precedono, anziché seguire, un sistema ancora inesistente". Un viaggio attraverso schegge di pensiero che si presentano sotto forma di brevi trattati: "De mundo pessimo" sottopone a una critica radicale la vulgata pessimista, in modo da sottrarre al pessimismo quel "troppo umano" concernente solo la vita, per individuare così il pessimum della totalità; "Dialogo sul comunismo" oppone alle concezioni correnti l'idea di un "comunismo metafisico"; in "Della filosofia geniale" si pone il problema se la filosofia non debba essere sottratta all'università e restituita al genio; "Contro la musica" getta le basi di una critica dell'ascolto che prende le distanze da Adorno e Bloch.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    06/05/2017 09:05:27

    Gli urti contro gli spigoli di una grande singolarità servono solo a migliorare chi li subisce. Allargano le gabbie della mente fino a diventare stupore nutrito, ampiezza visionaria, scritto e lettura non più scindibili fra chi narra e chi segue, ma un solo verbo di nuova mescolanza, privilegio e gioia. Ebbi l'onore di incontrare Sgalambro una sola volta, ma bastò per venti quando gli misi in mano quattro suoi libri dicendogli: "Maestro, scriva ciò che le pare". Quelle dediche sono il cuore di questa recensione, suo proprio genio e mia umile gratitudine. Tutte seguite dalla sua firma eccole qui. La prima: "C'è anche il caso". La seconda: "Mediti l'indifferenza". La terza: "Grazie, non so di cosa ma Grazie". La quarta: "Manlio Sgalambro". Il sorriso che seguì quando me li rese non è facile da racchiudere con degna riconoscenza in un periodo, qui, su questo schermo; appartiene agli occhi della memoria, quella di un uomo dal rude ghigno da cowboy nel viso e insieme una dolcezza da poeta ferito che foderava ogni linea del suo sguardo. I resti di quella stretta di mano, vigorosa e sicura, cercano per come mi è consentito di essere qui adesso, dal mio cielo inferiore verso il suo astro inviolabile. Aveva ben ragione, e lo dice qui, in questo testo magnifico, a scrivere che "la filosofia deve essere sottratta alle università e restituita al genio", perché nel genio lo scricchiolio è l'avviso a perseverare, è il suono del giusto percorso, saggio nel toccare in ogni istante la grandezza della caduta e insieme umano nel plasmare quest'ultima oltre il vezzoso artificio di un astratto insensato. Il "Dialogo sul comunismo" ci ferma in pagine di perfezione, col suo grido ad attaccarlo nelle disparità metafisiche piuttosto che in quelle reali, di povertà o disgrazia. Perché è una morale, non una politica: "E' l'unico ethos possibile per contemporanei della fine del mondo". Caro Maestro Sgalambro, lei sapeva fin troppo bene d'essere un disperato e stupendo poeta.

  • User Icon

    Francesco

    16/09/2004 22:11:25

    Grande Manlio ! Anche stavolta il filosofo di Lentini ha fatto centro. Le idee sono sempre le stesse, ma il loro articolarsi sempre nuovo e sorpendente. Ancora una volta un grande affresco in cui compare, come Soggetto Assoluto, il Mondo, ossia ciò dentro cui l'individuo è imprigionato con il suo destino di morte. Wir krepieren ! - afferma sprezzantemente il filosofo. Bisogna tener presente questa inoppugnabile verità, sentirne il peso ("Dio è peso" scriveva d'altra parte Sgalambro nel Dialogo teologico), sentire la vita che esegue, lenta e inesorabile, il suo piano di distruzione. Il fruscio del Mondo affiora nella musica, a patto che ci si liberi però dall'ascolto. A patto che ci si renda capaci di sentire nella musica l'eco dell'agonia del cosmo. La musica anticipa la morte. Cioè la vita.

Scrivi una recensione