Debito e crescita. L'equazione della crisi - Marco Fortis,Alberto Quadrio Curzio - copertina

Debito e crescita. L'equazione della crisi

Marco Fortis,Alberto Quadrio Curzio

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 21 marzo 2013
Pagine: 261 p., Brossura
  • EAN: 9788815244208
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,80

€ 20,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

€ 10,80

€ 20,00
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo volume è il terzo che la Fondazione Edison dedica alla grande crisi economico-finanziaria scoppiata nel 2008. dopo i due precedenti di Marco Fortis "La crisi mondiale e l'Italia" (2009) e "Dentro la crisi: 2009-2011. America. Europa. Italia" (2011). La situazione economica mondiale rimane grave con un rallentamento generalizzato che lia coinvolto anche i paesi emergenti. Il temuto rischio di un "double-dip" in molti paesi avanzati si è materializzato. La crisi si è estesa da quella finanziaria privata a quella dell'economia reale sino a quella dei debiti sovrani soprattutto di vari paesi europei "periferici". Da un lato, la Ue e la Uem, che hanno scelto dure politiche di rigore che presentano aspetti sia positivi che negativi, non hanno al contempo posto in essere misure per la crescita. Dall'altro, la Bce ha giocato un ruolo fondamentale per riportare la fiducia degli investitori sul futuro dell'euro. In tutto ciò l'Italia, che ha recuperato molta credibilità a livello europeo e internazionale, ha ulteriormente stretto sui conti pubblici che sono migliorati, ma l'austerità ha avuto un impatto fortemente recessivo. Senza scelte europee per il rilancio il nostro paese non potrà però ridurre il debito pubblico sul Pil e nel contempo far ripartire la crescita. L'equazione tra bilanci sani e politiche per la crescita può essere risolta infatti solo su scala europea.
  • Alberto Quadrio Curzio Cover

    Docente di economia politica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed economista, è presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei e presidente della Classe di Scienze Morali, Storiche e Filologiche.È inoltre membro della Academia Europaea, dello Advisory Board del Centre for Financial History dell'Università di Cambridge, del Consiglio di Amministrazione o del Comitato Scientifico di varie Fondazioni tra le quali: Edison, Balzan e Centesimus Annus.È stato preside della facoltà di scienze politiche dell'Università di Bologna e presidente della Società Italiana degli Economisti.Ha fondato e diretto la rivista co-pubblicata dal Mulino e Springer «Economia Politica. Journal of Analytical and Institutional Economics»,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali