Traduttore: N. Marotta M. Gini
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2018
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788845932915
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Donna dall'eccentricità indomabile, Leonora Carrington fu una delle «muse inquietanti » del surrealismo, dal quale però non smise mai di tenersi a debita distanza, anche negli anni in cui viveva con Max Ernst.

«Hai l'ingenuità di credere che il passato muoia?».
«Sì», disse Margaret «Se il presente gli taglia la gola».


I suoi quadri, enigmatici e beffardi, sono oggi celebrati e ricercati, ma non meno rivelatrice è la sua opera in prosa – e in particolare questi racconti, nei quali già Breton riconosceva un vertice dello «humour nero» (definizione che a lui risale). Qui il lettore potrà incontrare per la prima volta le sue creature predilette, esseri dalla natura sempre mutevole e indecifrabile, oscillanti tra l'aria ingannevole della nursery – deposito di sogni e relitti infantili – e l'orrore puro. Come nel racconto da cui prende il titolo la raccolta, dove una giovane debuttante, per evitare di partecipare al ballo organizzato dalla madre in suo onore, chiede a una iena il favore di sostituirla: con conseguenze feroci e esilaranti. Tutti «fantasmi di famiglia», su cui sentiamo aleggiare la risata rauca e affettuosamente crudele della Carrington. Per lei, ciò che per altri fu la scoperta della surrealtà, era la normalità stessa – come constatò sin dall'infanzia passata in una magione goticheggiante, che si poteva trasformare facilmente in un'allucinazione.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 16,15 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mary Campo

    20/09/2018 22:40:44

    Che bel libro! Leonora era chiaramente una mente speciale, le storie sono piene di immagini, non seguono la normale struttura narrativa, ma ti lasciano con un "sentimento" risonante. Lei è meno conosciuta per la sua scrittura e più per la pittura, ma anche nella prosa riesce ad evocare il suo stesso spirito, quello surrealista. Questi racconti sono ipnagogici, ancorati da forme riconoscibili del suo pennello, popolati da cavalli, iene cinghiali e figure di una regalità sorprendente. La considero una vagabonda della letteratura, tutta per lei e tutta da se stessa. Non potete non leggere questa raccolta di racconti appena pubblicata da Adelphi.

Scrivi una recensione