Categorie

Claude Izner

Traduttore: C. Salina
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2008
Pagine: 336 p. , Rilegato
  • EAN: 9788842915522

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberta

    16/05/2011 13.46.22

    Meno bello dei precedenti, troppe lunghe descrizioni che hanno reso la storia poco avvincente. Ma il voto sufficente che ho dato e' per la simpatia che provo per Victor Legris, il libraio che si inventa detective, per Joseph, il commesso aspirante scrittore, e per l'ambientazione nella Parigi del 1889, con Montmartre teatro dei delitti.

  • User Icon

    Paolo Pizzi

    07/04/2011 10.26.42

    Un romanzo decadente, non nell'accezione culturale del termine, bensì in quella della fisica nucleare: al pari infatti di un instabile atomo di plutonio, che emettendo radiazioni tende al piombo, il "delitto di Montmartre" di pagina in pagina perde energia, potenza, valore fino a raggiungere una stabilità elementare degna del prodotto del decadimento nucleare del sopracitato radionuclide. Se da principio il romanzo affascina per la ambientazione retrò (va indubbiamente concesso alle autrici il merito di aver compiuto un discreto lavoro di ricerca e ricostruzione storica) e anche vero che tale atmosfera al primo cliché, alla prima banalità, si ridimensiona notevolmente fino a ricalcare una profondità narrativa degna di una fiction familiare. Parigi a fine 1800 è una grande città, magari non quanto adesso, ma comunque già piuttosto estesa e popolata, possibile che il protagonista indaghi proprio al Moulin Rouge e vi incontri proprio Toulouse Lautrec? Capsico che a certe sfiziosità è difficile resistere, ma per l'autenticità talvolta occorre compiere qualche sacrificio, per non decadere nel piattume talvolta occorre astenersi. Contenutisticamente, nulla da eccepire al romanzo: un discreto plot, un intrigo ben architettato, pochi e realistici colpi di scena e un'indagine accattivante. Persino il ritmo adeguatamente calmo e riflessivo risulta appropriato, dunque se il problema risiede esclusivamente nella mancanza di credibilità di certi ambienti e di certi personaggi, nella artificiosa banalità dei luoghi comuni, non si potrebbe chiudere un occhio in nome della ricerca storiografica delle autrici? No. Una casa potrà anche essere ben costruita con solide fondamenta e materiali di prima qualità, ma se i muri sono scrostati e la vernice è ingiallita, apparirà sempre come un tugurio, una bettola: abitabile sì, ma vergognosamente indesiderabile. Dunque un romanzo decadente, come decadente è la voglia di portare a termine una lettura farcita di banali e pretenziosi sterotipi

  • User Icon

    Luca

    23/02/2011 10.35.51

    Fantastico, semplicemente unico, perfetta la mescolanza tra elementi di cultura storica ed atmosfera gialla. Descrizioni superlative che immergono il lettore nell'atmosfera bohemienne della Parigi di fine '800. Un ottima opera che si legge facilmente e con soddisfazione.

  • User Icon

    Luca

    23/02/2011 10.20.39

    Un libro avvincente che fa rivivere le atmosfere parigine che si potevano trovare nei locali di Montmartre di fine '800. La trama è semplice e lineare, forse non eccessivamente impegnativa ma sicuramente molto avvincente. I personaggi sono caratterizzati in modo essenziale e realistico. Un ottimo libro che consiglio a tutti.

  • User Icon

    alessandra

    19/09/2009 23.08.45

    Non mi è piaciuto; io adoro i gialli, ma questo non mi ha mai tenuto col fiato sospeso nè mi ha incuriosito. Di interessante c'è solo la descrizione di una certa cultura parigina dell'epoca.

  • User Icon

    Luca

    03/09/2008 23.20.25

    Giallo piacevole e rilassante. Prosa fluida, trama non particolarmente elaborata. Nel complesso è un libro che si legge tutto di un fiato e che di certo dimostra una profonda cultura.

  • User Icon

    Ugo

    30/06/2008 15.05.50

    Avevo già letto il primo romanzo. Non mi era piaciuto. Confermo lo stesso giudizio anche per questo romanzo. La trama è esile, come esile è il giallo. Manca di suspence. Di interessante c'è il fatto che nel romanzo vengono fatti interagire dei personaggi storici (ad esempio Toulouse Lutrec)e vengono date notizie storiche e curiosità. Manca però la parte descrittiva. Gli ambienti e i personaggi vengono descritti in modo sommario e il lettore rimane poco coinvolto.

  • User Icon

    Anna Chiara

    05/05/2008 19.16.26

    Trama avvincente,scorrevole lettura,linguaggio sinuoso ed elegante.Seguito a Il mistero di rue des Saint-Peres e la Donna del Pere-Lachaise questo romanzo riconferma il gusto colto e raffinato delle due infallibili,magistrali,imprevedibili scrittrici.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione