Der Grossinquisitor

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Boris Blacher
Direttore: Herbert Kegel
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 30 aprile 2013
  • EAN: 5029365943727

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il Grande Inquisitore, oratorio in due parti su libretto di Leo Borchard ispirato ai Fratelli Karamazov di Fjodor Dostoevskij
Questo cofanetto ripropone il toccante oratorio del compositore tedesco Boris Blacher pubblicato in prima registrazione mondiale dalla Berlin Classics. Messo al bando dai nazisti, Blacher portò a termine il Grande inquisitore nel 1943, nel periodo più fosco della seconda guerra mondiale, quando sembrava che le ostilità non dovessero mai finire. La vicenda è basata sul celebre romanzo I fratelli Karamazov di Fjodor Dostoevskij, con chiare allusioni al terribile destino dei milioni di ebrei caduti vittime innocenti dell’Olocausto. In questo commovente affresco sonoro si mette in grande evidenza il baritono Siegmund Nimsgern, accompagnato da una eccellente Dresdner Philharmonie diretta con vigore da Herbert Kegel, uno dei più grandi paladini delle opere del Novecento storico. Il booklet contiene dettagliate note di copertina sull’opera e sul compositore e tutti i testi cantati.

  • Boris Blacher Cover

    Compositore tedesco. Studiò prima in Russia e poi a Berlino, dove dopo la guerra è stato insegnante e direttore alla Hochschule für Musik. È autore di opere (Die Flut, 1947; Abstrakte Oper n. 1 , 1953), balletti (Hamlet, 1950; Lysistrata, 1951), oratori (Romeo und Julia, 1945), musica sinfonica (Variazioni su un tema di Paganini, Orchester-Ornament) e da camera. Inizialmente seguace dello stile stravinskiano e di autori francesi come Satie e Milhaud, adottò poi, in modo non sistematico, procedimenti dodecafonici, che cercò di porre in rapporto con l'organizzazione metrica, mediante sistematici cambiamenti di metro. I suoi «metri variabili», introdotti in Ornamente (1950) per piano, destarono notevole interesse. Particolarmente incline a scrivere per il teatro e per il balletto, B. vi rivelò... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali