Categorie

André Gombay

Traduttore: G. Bonino
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
Pagine: XI-216 p. , Brossura
  • EAN: 9788806191719

Il volume è uscito originariamente per la collana della Blackwell "Great Minds", nata allo scopo di "offrire ai lettori un solido inquadramento delle idee fondamentali dei grandi filosofi occidentali, cogliendo la rilevanza di questi filosofi in relazione al modo di pensare e vivere odierno" (dalla quarta di copertina dell'edizione inglese). Ci aspetteremmo, dunque, l'ennesima introduzione alla filosofia di Descartes e, in effetti, uno dei propositi del volume è senza dubbio quello di offrire una sintesi accessibile del pensiero del padre del razionalismo occidentale. Eppure, quando comincerete a leggere, vi troverete di fronte a un'opera decisamente atipica per essere un testo introduttivo, paradossalmente non adatta a lettori a digiuno di studi filosofici. Il libro, invece, rivela i suoi pregi migliori nella lucidità con cui riesce a sfatare miti e luoghi comuni su Descartes, frutto di secoli di stratificazioni interpretative e storiografiche, mettendo in discussione con argomenti efficaci e intelligenti la tradizionale percezione delle dottrine filosofiche del pensatore francese. Particolarmente felice, a giudizio di chi scrive, è la trattazione del delicato problema dell'interazione tra la mente e il corpo, annosa questione da sempre dibattuta dalla critica e sulla quale Descartes stesso mantenne sempre un atteggiamento ambiguo e contraddittorio. André Gombay, professore emerito di filosofia all'Università di Toronto, sceglie di adottare un tono e uno stile freschi e leggeri, nell'evidente ricerca di un'esposizione originale e non accademica della filosofia cartesiana. Gombay fa ampio uso di esempi tratti dai classici della letteratura e della cultura occidentale che spaziano da Strindberg a Shakespeare, dal Don Giovanni alle favole di Esopo; il tutto allo scopo di rendere chiare e distinte le idee del lettore.
Andrea Pagliardi