Descending Moonshine Dervishes / Songs for the Ten Voices of the Two Prophets - CD Audio di Terry Riley

Descending Moonshine Dervishes / Songs for the Ten Voices of the Two Prophets

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Terry Riley
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Kucku
Data di pubblicazione: 3 dicembre 1991
  • EAN: 0013711204728
Salvato in 1 lista dei desideri
Il compositore americano Terry Riley è noto come uno degli ideatori del minimalismo: l'enorme successo della sua suite "In C" ebbe significative influenze sull'opera di artisti come Philip Glass e Steve Reich che hanno reso popolari le tecniche minimalistiche che Riley introdusse con il suo lavoro. Negli anni '70 ed '80 Riley ottenne grande attenzione per i suoi concerti da solo caratterizzati da lunghe improvvisazioni per tastiere e voce che traevano ispirazione dalla musica classica indiana che il Maestro studiò profondamente insieme al leggendario vocalista Pandit Pran Nath. Con le loro melodie di ispirazione orientale, i ritmi a spirale e le ipnotiche ripetizioni, i due classici album "Descending Moonshine Dervishes" e "Songs for the Ten Voices of the Two Prophets" illustrano perfettamente perch&ecute; un'intera generazione di musicisti si sia profondamente ispirata a Terry Riley: considerato il capostipite del minimalismo Riley ha trascorso i primi anni della sua fortunata carriera esplorando le possibilità delle tastiere elettroniche attraverso le sue enigmatiche improvvisazioni. Il doppio cd per casa Kuckuck / Celestial Harmonies è una storica edizione che permette di farsi un'idea precisa delle sonorità che hanno così profondamente influenzato la storia recente della musica.
Disco 1
1
Descending Moonshine Dervishes
Disco 2
2
Embroidery
3
Eastern Man
4
Chorale Of The Blessed Day
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Terry Riley Cover

    Compositore statunitense. Studioso di musica indiana (oltre al pianoforte e alla composizione, ha studiato tabla e tecniche raga), ha fatto parte del gruppo Fluxus ed è stato, con La Monte Young, l'iniziatore del minimalismo. Sin dagli anni '60 ha infatti sviluppato, prima su nastro (Mescalin Mix, 1963), poi su strumenti (The Keyboard Studies, per pianoforte amplificato, 1963; In C per un numero imprecisato di strumenti, 1964), un linguaggio di tipo modulare-additivo, basato sulla continua ripetizione di elementi in lenta e graduale trasformazione in una dimensione temporale estaticamente allargata. In seguito si è sempre più spesso dedicato all'improvvisazione, anche con strumenti elettronici e multimediali (Persian Surgery Dervishes per organo elettrico e feedback, 1970; Salome Dances per... Approfondisci
Note legali