Deserto rosa. Luigi Ghirri di Elisabetta Sgarbi - DVD

Deserto rosa. Luigi Ghirri

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2009
Supporto: DVD
Salvato in 30 liste dei desideri
L'estremo progetto di Luigi Ghirri, mai realizzato, era una "casa delle stagioni": acquistare un casolare, che compare nelle ultime opere del fotografo, nei pressi della sua casa di Roncocesi, e allestirvi mostre legate, ciascuna, alla stagione corrente, per creare una stretta relazione tra tempo naturale, tempo dell'arte, tempo dell'uomo. In "Deserto Rosa / Luigi Ghirri" un occhio, sporgendosi oltre la finestra della casa di Ghirri a Roncocesi, torna a visitare paesaggi fotografati in cui la presenza umana sembra essere appena svanita, mancata di un soffio dallo sguardo che la cercava. Una voce, quella di Aleksandr Sokurov / Toni Servillo, affronta di nuovo, come fosse quella di Luigi Ghirri, un corpo a corpo con la profondità, la geometricità, la malinconia di quelle immagini. I paesaggi tornano ad animarsi, loro stessi prendono voce. La sceneggiatura è di Aleksandr Sokurov, con Sabrina Colle e Andrea Renzi che attraversano i paesaggi di Luigi Ghirri. CI sono inoltre i testi sono di Luigi Ghirri, Aleksandr Sokurov (traduzione in italiano di Aliona Shumakova), Diego Marani, Antonio Scurati e Vittorio Sgarbi, letti e interpretati dalla voce di Toni Servillo e Andrea Renzi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Produzione: Betty Wrong, 2010
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 80 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Allegati: Libri
  • Elisabetta Sgarbi Cover

    Elisabetta Sgarbi è la fondatrice della casa editrice La Nave di Teseo, oltre che  Direttore Generale e Direttore Editoriale. In passato Direttore Editoriale della Bompiani, ha esordito alla regia nel 1999. Ha ideato ed è Direttore Artistico del festival "La Milanesiana. Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia e Teatro". I suoi film hanno partecipato ai più importanti Festival cinematografici: Venezia, Locarno, Cannes, Torino, Roma, Londra, New York.Tra le sue pubblicazioni: La bicicletta incantata. Dove il marmo è zucchero (Bompiani 2007, con Diego Marani), Le nozze nascoste o La Primavera di Sandro Botticelli (Bompiani 2007, con Giovanni Reale), I misteri di Grünewald e dell'altare di Isenheim. Una interpretazione storico-ermeneutica... Approfondisci
  • Andrea Renzi Cover

    "Regista e attore italiano. Esordisce giovanissimo a teatro sotto la direzione di M. Martone, che ne guida i primi passi anche al cinema in una naturale evoluzione del lavoro sul palcoscenico (Morte di un matematico napoletano, 1992; Teatro di guerra, 1998). È la carriera teatrale quella più ricca di soddisfazioni e di premi (a partire dal Premio opera prima di Narni nel 1984), complice anche l’esperienza vivacissima delle compagnie Falso Movimento e Teatri Uniti, mentre il cinema è più avaro di occasioni stimolanti: è sua, comunque, una delle «vite parallele» (l’altra è di T. Servillo) de L’uomo in più (2001) di P. Sorrentino, come pure la figura del poliziotto solo in apparenza cinico di Quo Vadis, Baby? (2005) di G. Salvatores. Gli si chiedono soprattutto caratterizzazioni di quarantenni... Approfondisci
  • Toni Servillo Cover

    Attore e regista teatrale italiano. Attore di teatro, profondamente legato alla tradizione napoletana, esordisce al cinema con Morte di un matematico napoletano (1992), inaugurando il sodalizio cinematografico con M. Martone che lo dirigerà nei successivi Rasoi (1993) e I Vesuviani (1997), mettendo in scena il primo di quei personaggi intrisi di cultura e umori partenopei che caratterizzano le sue poche ma ben calibrate interpretazioni per il grande schermo. È Franco Califino in L'uomo in più (2001) di P.?Sorrentino, Amerigo, un esponente della famiglia camorrista dei Cammarano, in Luna Rossa (2001) di A. Capuano e, più recentemente, Titta De Girolamo, malinconico killer in esilio in Svizzera, nell'acclamato Le conseguenze dell'amore (2004) di P. Sorrentino, per il quale vince David e Nastro... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali