Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito - Alberto Bassi - copertina

Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito

Alberto Bassi

Scrivi una recensione
Editore: Mondadori Electa
Collana: Design & grafica
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 13 marzo 2007
Pagine: 269 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788837041830
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 34,00

€ 40,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

34 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il volume è dedicato all'ampia famiglia di oggetti di uso quotidiano di cui non solo non si conosce il progettista ma che non si identificano immediatamente con un'azienda. In un momento in cui viene data grande rilevanza alla "firma" del designer o del brand, più in generale in una fase di trasformazione delle merci estetiche contemporanee, le "normali" virtù del design anonimo meritano di essere sostenute e proposte ad exempla. Il volume presenta un corpus centrale di oltre settanta schede, dedicate ad altrettanti oggetti, volte a costituire un primo inventario del design anonimo italiano che identifica in questi artefatti, dall'età preindustriale ai nostri giorni, la prima sistematica ricognizione di prodotti anonimi dal design di qualità in Italia. Dalla moka Bialetti all'Ape Piaggio, dalle sedie di Chiavari al borsalino, dalla tripolina alla pentola a pressione, dal gelato "La coppa del nonno" al Campari Soda.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Francesco Patti

    08/06/2009 00:15:45

    Il libro spiega con sufficiente livello di dettaglio la genesi di numerosi oggetti di utilizzo comune. La valida carrellata proposta finisce però per mettere in luce ciò che manca: il telefono a disco, il televisore Brionvega....

  • User Icon

    Fabiana

    26/03/2009 16:02:16

    Un testo interessante e ben scritto che può soddisfare gli addetti ai lavori ma anche il pubblico generico. La prima parte del testo è più saggistica e di contenuto, la seconda indaga singoli casi di design anonimo con curiosità e serietà nella documentazione.

Note legali