Categorie

Paul Celan

Curatore: G. Bevilacqua
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1996
Pagine: XIV-116 p.
  • EAN: 9788806137793

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    20/05/2014 09.34.05

    Balbettio doloroso, mozziconi lirici di uno sguardo e una voce che tentano l'impossibile del dire l'indicibile, la frattura che singhiozza il germoglio, le corde faticose del vivere riannodate in un tentativo di offrire al dopo echi di sillabe non meno sfiancanti. Celan è uno di quei poeti nei cui versi il silenzio urla in tutta la sua miseria e la sua supplica, poeta del fiore e del deserto, poeta d'amore se l'amore vale davvero la durissima salvezza del suo messaggio. Raccolta sofferta e commovente, "di un chiarore come di cenere", assenza letale di un Dio che non risponde, traccia di lacrime a rigare il dorso frustato della morte in serie, i genitori uccisi nell'olocausto, domanda irrisolta e destino annegato in acque forse clementi. Stupenda rarissima silloge,poetico respiro del sempre che si tace e si dona, insieme.

Scrivi una recensione