Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Dialoghi sopra l'ottica neutoniana - Francesco Algarotti - ebook

Dialoghi sopra l'ottica neutoniana

Francesco Algarotti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Narcissus.me
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9780244929169
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Aperto al progresso e alla conoscenza razionale, esperto di arti (si prodigò come fautore di Palladio), Francesco Algarotti fu - rispetto alla scienza - un grande assertore delle teorie di Isaac Newton (sul conto del quale scrisse uno dei suoi più noti saggi, "Il newtonianesimo per le dame", pubblicato nel 1737). Viene considerato una sorta di Socrate veneziano e per comprendere la sua statura di insigne studioso con un'infinita sete di sapere e divulgare è sufficiente porsi davanti al suo innumerevole campo di interessi. Al di là del suo ruolo di spicco nell'illuminismo letterario, fu anche un diplomatico e un procacciatore d'arte. In particolare viaggiò cercando opere d'arte per conto di Augusto II di Sassonia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Algarotti Cover

    (Venezia 1712 - Pisa 1764) scrittore italiano. Figlio di ricchi commercianti, ebbe un’educazione tipicamente settecentesca, centrata su due interessi preminenti: lo studio delle scienze, filosofiche e matematiche, e i lunghi viaggi per l’Europa. Nel 1735 partì per Parigi, dove divenne intimo di Voltaire e di Maupertuis; nel 1738-39, dopo due soggiorni londinesi, compì il grande viaggio che, attraverso l’Olanda, la Danimarca e la Svezia, lo portò fino in Russia, a Pietroburgo, e poi a Lipsia e a Dresda. Dal ’40 al ’53, salvo la parentesi di un biennio (1743-44) trascorso alla corte di Augusto III elettore di Sassonia, fu al servizio di Federico II di Prussia, che lo volle con sé a Potsdam, lo nominò conte e ciambellano e gli affidò una missione diplomatica alla corte di Torino. Nel ’53, dopo... Approfondisci
Note legali