Stripe PDP
Salvato in 56 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il dialogo della salute e altri dialoghi
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
12,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
12,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
11,40 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Folignolibri
10,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
12,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
12,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
11,40 € + 5,95 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 8 gg lavorativi Disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Folignolibri
10,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Il dialogo della salute e altri dialoghi - Carlo Michelstaedter - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il dialogo della salute e altri dialoghi Carlo Michelstaedter
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

3
1988
17 ottobre 1988
140 p., Brossura
9788845903090

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Cristiano Cant
Recensioni: 5/5

Due ragazzi appena usciti da un cimitero, il teatro della morte calmata, del finito che attende ognuno, due costole d'anima di quella meravigliosa vita che fu il loro autore. I due hanno appena ricevuto un augurio da parte del custode. "Buona salute!". Da qui nasce questo sublime libriccino, platonico in tutta la sua eco più chiara, che attraversa in due voci i terreni della filosofia sensibile, del dubbio, del mancare, fino a un convenire di entrambi sull'ineluttabilità del tutto. Il male, balia attentissima e inflessibile dei nostri giorni, il bene che strappa per difetto una rosa nel giardino del tragico costante, l'impotenza quasi vezzosa di argomenti elevati contro l'oltraggio di una sorte già stabilita. Carlo Michaelstaedter getta in pagine magnifiche gli esiti della sua tragica solitudine; nutrito del Gorgia e del Fedone, di un Socrate adoratissimo, esplora la carenza, l'assenza, quel vivere senza vivere che è condizione inesorabile quando si vuol sfidare il destino coi soli aggeggi della comprensione, pur alta, squisita: "L'albero tagliato è morto - Ma il suo legno è vivo o è morto? - Sarà vivo perché pesa ma ha perso la linfa delle radici per portarla alle fronde. Non è albero. - Ebbene questi sono gli uomini, tronchi recisi e vivi". L'uomo è un ingannato, allettato in cerchi suggestivi, a promesse dorate, ma ogni momento può rivelarsi di colpo una scadenza corta, un'illusione malsana, falsa: "La vita è il debitore insolvente". Ma altri dialoghi si aggiungono a questo, il più intenso e solido nel corpo del libro; l'amore fra Carlo e Nadia (Nadia lo saluterà dicendogli: "vivi e soffri, addio"), fino al finale di un confronto Carlo - Socrate che copre di brividi ogni parola spesa fra i due. Un Socrate muto che ascolta un Carlo che lo subissa di domande, al punto che alla fine il poeta dirà: "La vita non ha altro scopo se non la vita stessa".Debito e rimando Leopardiano di grandiosa riuscita, un'opera di poesia figlia di un uomo che fu e rimarrà un miracolo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

MICHELSTAEDTER, CARLO, Il dialogo della salute e altri dialoghi, Adelphi, 1988

MICHELSTAEDTER, CARLO, Il dialogo della salute, Agalev, 1988
recensione di Arbo, A., L'Indice 1989, n. 2

Stesi con una rapidità e una schiettezza che non lasciano trasparire, nella maggior parte dei casi, un reale intento di pubblicazione, gli scritti di Carlo Michelstaedter non dovettero attendere molto per varcare la soglia della solitaria e polverosa soffitta goriziana in cui, in larga misura, vennero concepiti. Da poco più di un decennio tuttavia il lungo e labirintico itinerario editoriale cui essi - più di settant'anni fa - diedero involontariamente origine, sembra registrare una svolta decisiva, in concomitanza con il cospicuo e crescente interesse rivolto ad un pensiero rimasto per parecchio tempo ai margini delle grandi correnti della filosofia italiana. Non sembra difficile pronosticare quindi per il "Il dialogo della salute" - che sembra prestarsi ad una lettura più agevole rispetto al suo fratello maggiore, "La persuasione e la rettorica" - un successo e una risonanza notevoli. Già pubblicato nel lontano 1912 e successivamente incluso nell'edizione sansoniana delle "Opere" curata, nel 1958, da Gaetano Chiavacci, il dialogo esce in ben due edizioni, apparse questa volta a distanza di soli pochi mesi.
A parte la diversità delle appendici, ovvero i brevi dialoghi e scritti pubblicati assieme al dialogo principale (Agalev: "Il prediletto punto di appoggio della dialettica socratica"; Adelphi: i dialoghi tra Carlo e Nadia, tra Diogene e Napoleone, tra la Cometa e la Terra, tra l'adolescente e l'uomo, tra il borghese e il saggio, tra la folla, l'uomo e il singolo, tra Carlo e Socrate) c'è da rilevare la maggiore precisione filologica del testo curato da Sergio Campailla per Adelphi. Ad un confronto con il manoscritto appare infatti evidente che l'altra edizione (Agalev) - riproducente la versione curata da Gaetano Chiavacci e guidata dall'unico scopo "di mettere in circolazione un testo da trent'anni inedito e fondamentale per la comprensione del pensiero di Carlo Michelstaedter" - oltre a presentare alcune lievi (e se vogliamo insignificanti) omissioni, perde la differenza (meno irrilevante) tra il carattere corsivo (sottolineatura semplice) e le virgolette, unificando in queste ultime (non sempre tra l'altro) i due criteri di evidenziazione. Previa questa precisazione, veniamo ad esporre i contenuti del dialogo, quali emergono comunque da entrambe le edizioni.
La vita e la morte, luoghi comuni ricorrenti in molte parentesi retoriche del discorso quotidiano, si offrono subito, per bocca di Nino e di Rico - due personaggi che Michelstaedter volle estrarre esattamente dalla propria quotidianità goriziana -, come i temi centrali di una meditazione intrapresa all'uscita di un cimitero. Se non c'è mezzo che possa salvarci dalla morte, si chiede Nino, cosa contano la salute e la malattia? Una morale schietta si presta a risolvere ottimisticamente l'interrogativo: "No: va meglio coglier l'attimo che fugge, sani o malati, e fuggire con lui, quando che voglia il caso". Ma al di sotto di questa soluzione pur condivisa dai due amici, si annida un nodo di problematiche che Rico, esercitando sull'amico quell'antica arte socratica capace di condurre per mano alla verità, si propone pazientemente di sciogliere.
Una prima immagine sembra fornirci la chiave della comprensione di questa maieutica, quella dell'acqua. In ogni momento, in ogni attimo della sua discesa - nota Rico parafrasando il noto esempio del peso con cui si apre la "Persuasione" - l'acqua può essere immaginata ferma, come contratta, bloccata in un'istantanea in grado di esprimerne tutta l'energia potenziale. Da questo punto di vista essa ci apparirà gravida di "un infinito desiderio del più basso". Ma allo stesso modo è l'essenza del nostro bisogno che si configura come liqueiforme, priva di consistenza, traducente un'insaziabile volontà di scivolare sulle cose, di bagnarle con la sete del più basso. L'argomentazione di Rico finisce per trasformarsi in una severa critica agli pseudovalori di quella che in altri luoghi Michelstaedter non esitò a definire come la "comunella dei malvagi", decostruendo passo a passo i piaceri del corpo, il sublimato piacere intellettuale, il falso amore borghese di chi ama solo perché ha bisogno d'essere amato. Una risoluta critica della società, insomma, di quell'incredibile mostro tentacolare identificato nell'immagine provocatoria di un'enorme cambiale, simbolo di una promessa che continua a spostare il suo adempimento in un futuro talmente prossimo da non riuscire mai a tradursi in presente, un meccanismo burocratico che continua a "cigolare" senza riuscire a distruggersi, poiché "è questo il suo modo di essere".
In quale direzione sarà dunque necessario puntare per sfuggire alle maglie di questo terribile leviatano? Facile e immediata sembra offrirsi una prima soluzione: la morte, la semplice interruzione di ogni falsa catena di rimandi sociali decisa dall'altezza morale di un unico assoluto gesto suicida. Un "suicidio metafisico", analogo a quello che poco più tardi Papini riconoscerà nel tragico epilogo di una vita bruciata troppo rapidamente. Della vacuità di questo rimedio Michelstaedter si accorge già nella prima stesura della conclusione del dialogo (pubblicata in entrambe le edizioni), là dove rileva, attraverso le parole di Rico, che "dell'assenza del bisogno si può aver piacere solo avendone coscienza". La contraddizione del suicidio è palese: annientando la coscienza di se stessi si elimina necessariamente ogni sensazione di felicità connessa all'assenza del bisogno.
Un'altra via meno oscura ma ben più profonda e impervia si delinea nella seconda stesura della conclusione. Se la morte non può costituire una soluzione reale al perenne stato di insufficienza di un'esistenza malata, allora l'unica medicina in grado di riconferire la salute va ricercata dentro a se stessi, nel proprio vivere, nel venire "a ferri corti con la vita". E qui la voce di Michelstaedter si trasforma in un sincero, disperato, autentico giudizio morale: la salute, la vera salute è quella dell'animo di colui che di fronte alle seduzioni della vita sociale "consiste", ovvero resiste, persiste sulla base delle irremovibili istanze di una coscienza che lo costringe a obiettare, a disobbedire alla logica del sistema. "Consiste", in virtù di una fermezza che è l'esatto contrario della liquefazione, che "rende gli altri fermi", testimoniando la sopravvivenza, l'urgenza di un messaggio che Socrate e Cristo dettarono prima del sopravanzare di qualunque dottrina, privandosi coraggiosamente dei sotterfugi della retorica e testimoniando con l'esempio la necessità di affrontare, di aggredire gioiosamente la vita.
Su questa base devono essere letti anche i frammenti dialogici inclusi nell'edizione Adelphi, i quali presentano, come osserva Campailla, "uno specifico interesse documentario e configurano, nel complesso, l'attitudine dell'autore per un genere letterario". Spicca senz'altro, tra gli altri, il breve "Incontro cosmico", dialogo tra una cometa e la terra scritto nel maggio del 1910 in occasione del passaggio della cometa di Halley (già pubblicato su "La Ronda" nel 1922). Rapida e leggera la cometa michelstaedteriana pronuncia la sua massima, schernendo la rigidità burocratica dell'orbita terrestre: "Meglio non guardare dove si va che andare solo fin dove si vede". Ancora un suggerimento di disobbedienza, di ribellione, di rifiuto delle convenzioni. Con l'asse ricurvo, destinata a "fare la corte al sole" la terra resterà incapace di concepire quell'orbita lungimirante, ai limiti della parabola. Ma è proprio in quella estrema eccentricità, in quel rischio parabolico, nel pericolo di uno spostamento al limite che potrebbe anche trasformarsi in un cammino senza ritorno che Michelstaedter ci suggerisce di indagare il più autentico vettore di fuga dalla sicura ma vuota circolarità del nostro sistema solare.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Carlo Michelstaedter

(Gorizia 1887-1910) scrittore italiano. Nipote di G.I. Ascoli, studiò prima a Vienna poi a Firenze. Ultimata una tesi di laurea su Platone e Aristotele, si tolse la vita. Un contrasto interiore, un dualismo esasperato tra vita e morte - dove proprio quest’ultima assume un valore positivo, rappresentando la possibilità di una scelta, per l’uomo, di autoaffermazione, di autonomia, di vittoria su illusioni e impulsi - costituiscono il nucleo della sua opera maggiore: La persuasione e la rettorica (postuma, 1912). A questo scritto di carattere filosofico si ricollegano, in buona parte, anche le Poesie (postume, 1948), lontane dai modi crepuscolari, ma anche, per l’espressività, dai poeti-moralisti vociani a cui, nei temi, pur si richiamano. Sono presenti, nei testi di M., alcune delle problematiche...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore