Il diario del professor Abraham Van Helsing

Allen C. Kupfer

Traduttore: E. Rossi
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 novembre 2006
Pagine: 222 p., Brossura
  • EAN: 9788850212613
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 4,32
Descrizione
Il professor Allen C. Kupfer insegna letteratura inglese e da sempre è appassionato di storie horror, però non ha mai dubitato che fossero unicamente opere di fantasia. Una certezza che crolla quando, in soffitta, tra le carte del nonno, ritrova il diario del professor Abraham Van Helsing, il medico protagonista del capolavoro di Bram Stoker, Dracula. Quel manoscritto dimostra non soltanto che Van Helsing è realmente esistito, ma pure che, affidando al nonno di Kupfer quel documento inquietante, ha voluto farlo partecipe della sua lotta disperata contro i vampiri. Si assiste così all'incontro con una letale creatura che lo ammalia con occhi fiammeggianti, alla strage compiuta da un lupo infernale, alla spaventosa "malattia" della moglie, e si scopre altresì come, viaggiando dall'Ungheria all'Olanda, dall'Inghilterra al Medio Oriente, Van Helsing abbia disperatamente cercato una cura per la sterminare quella razza diabolica e sia giunto a una sconcertante scoperta. Eppure... Verità? Finzione? Kupfer lascia al lettore decidere se credere o no all'autenticità di questo diario.

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giak81

    20/06/2011 11:20:05

    Niente di che, speravo meglio. Azione nulla, suspence nemmeno, da leggere se si è degli appassionati sfegatati di vampiri e si è gia letto tutto

  • User Icon

    lhl

    19/09/2008 15:45:33

    Questo libro mi è stato prestato dal caro Stefano M.. Non amo solitamente leggere libri di altri, così questa deve essere considerata una eccezione, proprio per simpatia nei confronti di Stefano. Non mi sono comunque pentito della scelta in quanto è un libro gradevole. Più che un libro è comunque un diario che avrebbe bisogno, per essere valorizzato meglio, di essere letto a voce alta dal suo autore, il quale, meglio di chiunque altri può dare una interpretazione vocale al contenuto. La lettura non risulta comunque sterile anche così. La trama è complementare all'inarrivabile capolavoro di Bram Stoker e ne spiega alcuni passaggi. Lo stile è semplice peccando un poco nel non riuscire a coinvolgere il lettore nei personaggi. Scontata la trama ma intelligenti le situazioni che si vengono a delineare.

  • User Icon

    Agnese

    09/05/2007 13:15:45

    A essere sincera, ho letto libri migliori sull'argomento.. tuttavia, m'è piaciuta molto la narrazione che coinvolge moltissimo, la descrizione degli 'incontri ravvicinati' con i vampiri e la loro influenza sul protagonista.

  • User Icon

    Gio Vampire Lover

    08/01/2007 10:20:45

    Libriccino discreto tanto nella grafica di copertina quanto nel contenuto. Vi si ripercorrono alcuni eventi salienti vissuti da Abraham Van Helsing prima e dopo quelli narrati in “Dracula”. Contrariamente a quanto accade nel celeberrimo romanzo di Bram Stoker, la piaga del vampirismo risulterebbe essere tutt’altro che debellata. Vlad Tepes, infatti, sarebbe stato sedotto, infettato e ridotto in potere dall’ultima di una serie di ambasciatori inviatigli dai Turchi, la vampira Lilith/ Malia, la quale perseguita anche il dottor Van Helsing e chiunque lo aiuti nei suoi tentativi di sconfiggere le schiere dei non-morti. Le origini del vampirismo risalirebbero ai tempi delle crociate (i Turchi li avrebbero utilizzati nei loro eserciti per combattere contro i Cristiani) e andrebbero collocate nel Medio Oriente. Per trasformarsi in vampiro sarebbero sufficienti lacerazioni, graffi o morsi ed un rimedio efficace contro di essi sarebbe costituito dai semi di papavero (ossessionati dal contare, finirebbero col cessare tutt’altra attività). La finzione letteraria del ritrovamento del diario ed il finale aperto (non ci è dato sapere che fine abbiano fatto né Van Helsing né il dottore cui il manoscritto era stato affidato) lasciano ne lettore un senso di straniamento ed instillano il dubbio se l’odierna diffusione della cultura vampirica non debba essere ricollegata a qualcosa di ben più “sotterraneo” ed oscuro.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione