Categorie

Helen

Collana: Romanzi Mursia
Anno edizione: 2007
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788842539070

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Laura

    06/02/2011 15.04.08

    ho trovato il libro in libreria e dalla 4 di copertina mi sono incuriosita. avevo sentito parlare di questo argomento in tv e leggendo questo libro ho capito come funziona. Lo consiglio: scorrevole, di gradevole lettura, molto interessante

  • User Icon

    Michy

    20/01/2011 22.01.43

    ho trovato interessante questo libro: mi sono appassionata al genere e ho letto anche il secondo della stessa autrice! consigliato: SCRITTURA SCORREVOLE, ARGOMENTO AVVINCENTE, CONSIGLIATO!

  • User Icon

    Irene

    22/05/2010 16.41.11

    Concordo con quanto detto da Soraya. Aggiungo solo che anche io come Helen ho avuto problemi famigliari. Sono cresciuta da sola, non ho potuto avere il sostegno o l'affetto dei parenti, e nel disperato tentativo di laurearmi a pieni voti ho dovuto cedere e lavorare esibendomi con la cam. Non so come, ma sono riuscita a resistere per ben tre anni: umiliazioni tante, soldi pochi. L'unico aspetto positivo di questo lavoro é che non hai vincoli di orario, ed é quindi compatibile con la vita di uno studente che ha l'obbligo di frequenza. Non so dire se sia stata peggio l'esperienza in famiglia o l'esperienza in chat: sono state devastanti entrambe. Il racconto di Helen sembra quasi una forzatura: scappare di casa per finire a lavorare in una chat erotica sembra quasi un cadere dalla padella alla brace. Ho letto e riletto diverse pagine di questo diario perché pensavo che avrei capito perché la protagonista trovi divertente questo lavoro, ma senza risultato. A causa di questo lavoro ho sofferto molto, e mi rendo conto che ha segnato la mia vita. Quando guardo un uomo per strada, non riesco a non domandarmi se anche lui entra in videochat a maltrattare le donne. Sono tanti i particolari, le situazioni che non scorderò mai, ma mi capita spesso di pensare ad una ragazza che lavorava in chat. Aveva diciotto anni, era bulgara e viveva da poco in Italia. Un utente, nella chat pubblica, le ha chiesto perché aveva scelto quel lavoro. Lei gli ha risposto con grande naturalezza: "Bè, meglio qui che sul marciapiede, no?". Credo che questa frase riassuma tutto, anche quello che non ho potuto/voluto scrivere.

  • User Icon

    Soraya

    29/10/2009 22.45.50

    Quando si giudica un libro, si solito, si tiene conto dello stile scelto dall'autore e della storia che viene narrata. Ora, lo stile di Helen é pessimo, ma questo possiamo anche perdonarglielo: non é una scrittrice... e solo una ragazza che ha deciso di raccontare la sua storia. Il problema é che quest'ultima non ha assolutamente un perché. Anzitutto, trovo irreale che una ragazza "scopra" la sua sessualità attraverso una videochat (Helen, a questo scrive, non si era mai dedicata all'autoerotismo); ed é abbastanza ridicola la scena di Helen che, improvvisamente e con grande sorpresa, raggiunge la vetta del piacere, come se fosse, non so, la cagata di un piccione che ti colpisce mentre sei tutto impegnato a passegiare. Non funziona così. In secondo luogo, la realtà delle videochat erotiche é una delle più drammatiche che io abbia mai conosciuto di persona. Da un lato, ci sono le ragazze che, nel 99% dei casi, stanno in webcam per necessità, e che sopportano rassegnate ogni maltrattamento da parte degli utenti, se non addirittura da parte dei titolari dei vari siti. Dall'altro, abbiamo gli utenti che, oltre a non avere nessuno rispetto per le ragazze, fanno leva sulla loro disperazione chiedendo continuamente di abbassare il costo al minuto. Insomma, é un'esperienza che non auguro a nessuno... altro che gioco divertente. Inoltre, non mi risulta, come invece afferma Pamela, che le ragazze abbiano uno "stipendio fisso": si lavora a cottimo. E più tenti di essere dignitosa, meno privati fai... E' davvero triste che vengano pubblicati libri come questi, mentre altri romanzi ben più validi (anche se ci vuole poco...) vengano cestinati.

  • User Icon

    Pamela

    23/09/2009 14.34.28

    Ho letto questo libro trovato per caso in libreria e mi è piaciuto davvero moltissimo! Ero in crisi, cercavo un lavoro e dopo averlo letto Helen, mi ha dato il coraggio per diventare una webcam girl. Grazie a lei ora guadagno uno stipendio fisso, mi diverto a lavorare in cam, e non mi importa dei giudizi della gente! Davvero un bel libro, scritto molto bene e soprattutto con il cuore. Non siate troppo bacchettoni ;-)

  • User Icon

    Nausicaa

    16/01/2009 13.38.37

    Costretta a leggerlo per una recensione da inviare ad una rivista, ha messo seriamente in discussione la mia scala dei "libri peggiori mai letti in vita mia". Volgare, superfluo, scritto purtroppo con i piedi, un momento sembra un diario vero, il momento dopo è un "Pornazzo" da edicola, la stessa protagonista risulta nella sua introspezione di un piattume desolante, e la domanda che sorge spontanea é: Ma questo libro è mai stato nelle mani dell'editor, prima di essere inviato in libreria?

  • User Icon

    fabrix

    25/04/2008 01.35.27

    anche su carta Helen ci dimostra la sua enorme sensibiltà e passione che mette in cam. Eccezionale

  • User Icon

    giorgio

    15/11/2007 18.47.01

    ti ho apprezzata molto perche' hai dimostrato sincerita', e questo e' molto difficile al giorno d'oggi. Buona fortuna per sempre

  • User Icon

    eyes

    27/10/2007 13.11.57

    Ciao "piccola Elena" .. quante situazioni ho rivisto in quello che racconti; quante volte ho provato le sensazioni che hai descritto in questo diario. Diario scorrevole e piacevole .. come te del resto.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione