Collana: Variantine
Anno edizione: 2000
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24/03/2000
Pagine: 115 p.
  • EAN: 9788833912257

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessio Quatrini

    18/02/2007 12:05:51

    dovevo andare in mali ma poi tutto è saltato, quindi non avrebbe avuto più tanto senso leggerlo, stavo per rimandarlo ma è bastato il primo capitolo per ricredrermi. Oltre alle tante citazioni geografiche, etnologiche e culturali sui dogon che giustificano il titolo, il libro è pieno di riflessioni sulla figura del "turista", e dei suoi effetti, positivi e negativi. Lo terrò a mente in tutti i miei prossimi viaggi.

  • User Icon

    Luigi Carabelli

    20/03/2006 10:25:52

    Consiglio vivamente di leggere "Diario Dogon". E' un libro fantastico, capace di far conoscere al lettore le tradizioni del Mali e allo stesso tempo di farlo rimanere con i piedi per terra. Perchè, diversamente da come siamo portati a credere, il vero viaggio non consiste nel cercare a tutti i costi la diversità, spesso da noi immaginata e precostruita, ma di andare al di là degli schemi e penetrare nella vera cultura del paese. un libro affascinante, che pur nella sua brevità, riesce a trattare argomenti spesso sconosciuti e a far riflettere.

  • User Icon

    Marco Vasta

    25/03/2004 14:08:26

    Vi consiglio di leggere “Diario Dogon” dell’antropologo Marco Aime, con il quale ho avuto il piacere di compiere il mio primo viaggio in Pakistan nel 1983 fra le popolazioni Kalash e Hunza. Scoprirete… Un racconto di viaggio più che un saggio, a metà tra antropologia dei dogon e antropologia dei turisti occidentali che vanno in Mali per vedere i dogon, sulle orme di Marcel Griaule e di Ogotemmeli (vedi p 29) Perché "il turismo è un fatto sociale, umano, economico e culturale irreversibile", come scrivono gli stessi dogon su un cartello a Sanga. Tra cataloghi turistici e racconti di viaggi; tra maschere, danze e tralicci; tra fotografie vecchie e nuove, il viaggiatore-antropologo Aime ci guida attraverso le disillusioni e la realtà dei dogon. La cui prima regola sembra essere quella di nascondere sé stessi e le loro cose per mostrare ciò che i turisti desiderano vedere. Tanto breve quanto istruttivo. Un gioiellino consigliato a chiunque organizzi o accompagni viaggi in Africa.

Scrivi una recensione