Dieci dolcezze - Marco Galvagni - copertina
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Dieci dolcezze
14,25 € 15,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Dieci dolcezze 140 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Dieci dolcezze - Marco Galvagni - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Dieci dolcezze Marco Galvagni
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

"Raccolta di straordinaria unità espressiva, Dieci dolcezze di Marco Galvagni esibisce un amplissimo repertorio lirico-erotico che affonda le radici nella più antica tradizione della poesia occidentale (e non solo): gli accenti di questa poesia modernamente antica fanno riferimento alla lirica greca, latina, medievale (specie cortese) e saltano a pie' pari qualunque riferimento diretto alla contemporaneità, al suo minimalismo espressivo, al verso franto di un eloquio esitante e pretenziosamente colloquiale o, di converso, pseudo-sperimentale. In questi versi non di rado ipermetri, che fluiscono come un'onda inarrestabile, la lode alla donna amata si dispiega invece secondo la modalità di una invocazione che tenta di allacciare (o riallacciare) un colloquio ravvicinato con l'amata, nonostante una distanza che in più punti si avverte in tutta la sua forza devastante..." (Dalla Postfazione di Mauro Ferrari)
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
1 gennaio 2020
100 p.
9788898224999

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Paolo Pera
Recensioni: 5/5

L’opera di Marco Galvagni, Dieci dolcezze (puntoacapo Editrice, 2020; che poi sono molte più di dieci…), parrebbe un trionfo di sperimentalismo lirico e classicheggiante nel quale l’autore s’impegna a consegnarci ogni sua visione e/o reminiscenza sentimentale ed erotica, entro una vasta sublimazione della sua (non più solo angelica) donna. Come sostiene il critico Mauro Ferrari, quest’opera si distingue per una «straordinaria unità espressiva»: fondamentalmente ogni composizione ripercorre il medesimo clima mentale; talvolta tornano pure alcune immagini-simbolo dell’amore del poeta… Il tutto pare allora un continuum, quasi un’immensa meta-poesia che termina solo nella notte d’amore (ogni notte, insomma). Il libro deve dunque essere un lunghissimo sogno – dai contorni tanto sfumati – dal quale Galvagni non vuole sortire, per poter così godere appiano quel piacere (d’amore, e in ogni forma!) assai volatile e già disperso.

Leggi di più Leggi di meno
carlo
Recensioni: 5/5

Da un milanese forse ci si aspetterebbe altro; Galvagni contraddice quel cliché, egli sembra piuttosto un latino, o quanto meno un portatore di colori e di luce mediterranea. In lui spira l’aria del mare, della libera natura. Egli è un sudamericano nato a Milano. Il tema della poesia di Galvagni è uno soltanto: la donna. Non ho affatto intenzione di esaurire gli argomenti del libro, ché non sarebbe possibile. Al lettore il piacere della scoperta. Il riferimento dei pochi dati di realtà non è a una sola donna, o almeno così sembra, ma all’universo femminile, a partire da una ragazza “reale” ma appartenente al trascorso. La donna è desiderio di unità nel due, “nel dolce sogno d’una vita comune” (p. 40). D’essere condotto “per mano”, “verso una vita felice,/verso l’inferriata/che mi divide da me stesso” (p. 49); o anche, le si dice, “verso una vita lieta,/divelgi l’inferriata che mi divide/dal tuo sorriso che tutto occulta” (p. 53); colei con cui già (s’immagina) “Viviamo in un solo zampillio,/apparteniamo al porto più felice”, mentre “più oltre tutto è macerie” (p. 66). La donna è desiderio, amore d’amore, da parte del poeta, desiderio d’essere desiderato (pp. 29, 61) e amato (pp. 29, 79). Rimedio sicuro alla solitudine, lo stato che viene più volte menzionato (pp. 36, 43, 44, 71) ed è in grado di sondare “la mia mente penetrando nell’anima” (p. 65). Ferrari, nella postfazione, scrive che Galvagni è decisamente ispirato dalle radici della poesia occidentale, ripercorrendola tutta, compresa la tradizione cortese del medioevo; aggiungerei che ciò rischierebbe, di per sé, di collocarlo fuori tempo, decisamente e da molti punti di vista. Ma intanto, mi sembra sia vero. Tuttavia, oltre a concordare sullo spirito di tale collocazione, direi che c’è dell’altro, che non sfugge a Ferrari, quando egli accenna al “repertorio lirico-erotico” di questo poeta: qualcosa dei suoi versi lo rende modernamente antico, scrive Ferrari.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore