-15%
I dilemmi della democrazia moderna. Max Weber e Robert Michels - Francesco Tuccari - copertina

I dilemmi della democrazia moderna. Max Weber e Robert Michels

Francesco Tuccari

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Anno edizione: 1993
In commercio dal: 31 maggio 1993
Pagine: 356 p.
  • EAN: 9788842042433
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 2 persone

€ 19,31

€ 22,72
(-15%)

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

I dilemmi della democrazia moderna. Max Weber e Robert Miche...

Francesco Tuccari

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I dilemmi della democrazia moderna. Max Weber e Robert Michels

Francesco Tuccari

€ 22,72

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I dilemmi della democrazia moderna. Max Weber e Robert Michels

Francesco Tuccari

€ 22,72

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il testo fa un'analisi comparativa dell'opera di due "classici" della sociologia e del pensiero politico contemporaneo: due autori che, posti di fronte ai nuovi scenari prodotti dall'introduzione del suffragio universale giunsero a nuove definizioni della democrazia con un vocabolario per molti aspetti simile. Da un lato (è il caso di Weber) il percorso di un intellettuale liberal-democratico disposto ad accettare i tratti plebiscitari della democrazia dei partiti come l'unico argine alla minaccia dispotica delle organizzazioni burocratiche; dall'altro (Michels) il percorso di un intellettuale radicale che era destinato a riconoscere nel fascismo italiano una vocazione democratica più autentica di quella propria delle democrazie parlamentari.
WEBER, MAX, Parlamento e governo

TUCCARI, FRANCESCO, I dilemmi della democrazia moderna
recensione di Turchetto, M., L'Indice 1994, n. 4

In "Parlamento e governo", opera del 1918, Weber rielaborò alcuni articoli apparsi tra il maggio e il giugno del 1917 sulla "Frankfurter Zeitung". Si tratta di un testo per molti aspetti legato alla situazione politica tedesca di quegli anni (il titolo originale, infatti, è "Parlament und Regierung im neugeordneten Deutschland") anche se, naturalmente, non mancano motivi di ampio respiro teorico, che vanno ben al di là della contingenza: in primo luogo, l'analisi della burocrazia come specifico connotato della società capitalistica, come fenomeno da interpretare "in strettissima connessione con il moderno sviluppo capitalistico" basato sul calcolo razionale; in secondo luogo, l'originale impostazione data al problema del nesso tra legalità e legittimità, tra sfera normativa e sfera dell'agire somale, oggetto, in quegli anni, di un acceso dibattito giuridico. Per approfondire questi aspetti - eminentemente teorici - vale ancora la pena di leggere "Parlamento e governo": non certo per decidere il "colore politico" di Weber, come troppo spesso è stato fatto, o per illuminare le italiche vicende di "Tangentopoli", come suggerisce assai infelicemente" Franco Ferrarotti nella premessa a questa nuova edizione del testo weberiano. Su questa infelice premessa ci soffermiamo ancora un istante: del resto, essa rappresenta l'unico cambiamento in questa riedizione di "Parlamento e governo", che propone la medesima traduzione e introduzione di Francesco Fusillo dell'edizione - sempre Laterza - del 1982. In compenso, si tratta di un cambiamento veramente drastico, di una vera e propria inversione di tendenza o quanto meno di gusti. Nell'82 Ferrarotti si mostrava severissimo nei confronti di Benedetto Croce, "tanto canoro nel discettare di politica... quanto prudente in parlamento", e considerava il filosofo napoletano un tipico esemplare di quei "letterati della politica" - ossia gli intellettuali pronti a speculare su grandi ideali e questioni di principio ma assai poco attenti agli effettivi meccanismi di funzionamento della democrazia parlamentare - con cui Weber polemizza in "Parlamento e governo". Nel '93 troviamo un Ferrarotti del tutto conciliato con l'idealismo italiano e le sue debolezze politiche e anzi fervente ammiratore di Giovanni Gentile: tanto da riscontrare, tra Gentile e Weber, un'"imprevista convergenza". Francamente, più che "imprevista", una simile convergenza ci sembra del tutto infondata: è difficile immaginare due autori più distanti per formazione, orientamento, idee, interessi, convinzioni. Ed è difficile dimenticare che alla "passione politica" dello stato fascista, dobbiamo tra l'altro una riforma della pubblica istruzione che ha reso in larga misura istituzionale la formazione di quei "letterati della politica" che tanto dispiacevano a Weber.
Un'altra "convergenza" ci viene proposta, in modo assai più serio e documentato, dal volume di Francesco Tuccari, che ricostruisce i percorsi intellettuali del "Weber politico" - "Parlamento e governo" è l'opera weberiana che, in questo studio, fa la parte del leone - e di Robert Michels, mitico della democrazia e teorico apertamente fascista del "rapporto sintonico" tra il capo e le masse. L'impressione che se ne ricava è che i percorsi tracciati - con una trattazione ampia e approfondita, che fornisce utilissime informazioni e importanti spunti di riflessione - rimangano drasticamente paralleli privi cioè di effettivi punti di contatto, se si eccettuano alcune relazioni personali non necessariamente significative e la recezione da pane di Michels di alcuni spunti weberiani questi ultimi, tuttavia, vanno a confluire in un apparato concettuale largamente eclettico - in cui convergono suggestioni del sindacalismo rivoluzionario e di certo marxismo, elementi delle teorie elitiste, tematiche psicologiche - , distantissimo dalle coordinate metodologiche weberiane. E anche la problematica dei due autori è lontana: Weber non è - come Michels - un autore "politico". La sua attenzione per le forme della democrazia contemporanea non è mai disgiunta - nemmeno negli scritti d'occasione - da un più vasto interesse per il diritto nel suo complesso e per la burocrazia (la quale non è una "degenerazione" del potere, ma una forma moderna di amministrazione consona alla struttura "razional-calcolante" del capitalismo). L'analisi di questi aspetti, a sua volta, non è che una parte del vastissimo compito conoscitivo che Weber si propone e che mira a ricostruire la complessa interazione delle relazioni sociali specificamente capitalistiche, a partire da quelle economiche.
Se proprio il "Weber politico" - che lo ribadiamo, si ottiene solo con una discutibile riduzione degli interessi weberiani - deve essere letto in connessione con altri autori, allora l'accostamento più perspicuo è ancora quello suggerito da Francesco Fusillo nell'introduzione a "Parlamento e governo". Fusillo confronta l'impostazione data da Weber alla questione della legalità con quelle di Kelsen e Schmitt, individuando nella problematica weberiana del riferimento al valore una sorta di "terza via" tra normativismo e decisionismo. Tra questi termini di paragone l'originalità di Weber risulta, in effetti, ben delineata. Sarebbe tuttavia un errore considerarla una posizione isolata: essa è condivisa, negli stessi anni, da un importante filone del pensiero giuridico tedesco e austriaco, che si definisce "scuola teleologica del diritto" e che con il formalismo kelseniano, in particolare, instaura un confronto assai serrato. Gli autori di questa scuola - Kantorowicz, Reinach, Schwinge - si richiamano esplicitamente a Weber (e a Rickert), eppure sono stati piuttosto trascurati dagli studiosi italiani di Weber. Crediamo che in questa corrente di studi giuridici si possano trovare ben altrimenti fondate "convergenze" con il pensiero di Weber ed elementi utili per meglio comprendere l'opera tanto complessa di questo autore.
Note legali