Categorie

Miklós Bánffy

Traduttore: B. Ventavoli, C. Boday
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2010
Pagine: 700 p.
  • EAN: 9788806198800

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    30/06/2012 22.07.17

    Un libro splendido. Lungo e, senza dubbio, lento nello svolgimento della trama, ma mai noioso. Le pause narrative, anzi, spesso sono le occasioni in cui la scrittura elegantissima dell'Autore offre il meglio di sé. L'ambiente sociale culturale politico, infine, è raccontato senza nessuna enfasi o pesantezza da ricostruzione "studiata", con l'impagabile naturalezza di chi ha vissuto davvero e a pieno titolo negli ambienti che descrive. Ormai è passato qualche anno, ma c'è sempre qualche speranza che l'Einaudi mantenga la promessa di pubblicare anche gli altri volumi del ciclo.

  • User Icon

    Federico

    03/09/2010 16.32.04

    Libro stupendo, a tratti sembra di rileggere Anna Karenina... speriamo davvero che Einaudi pubblichi presto il succesivo volume !!

  • User Icon

    Mirella

    03/09/2010 16.06.45

    Bello, intenso, emozionante. Unici nei la miriade di personaggi dai nomi impossibili da ricordare e le prolisse descrizioni degli avvenimenti politici dell'Ungheria di inizio secolo 20. Ma vale la pena comunque leggerle, del resto l'autore fu anche un personaggio politico. Superbe le descrizioni di paesaggi, di caccia, di ambienti sociali e costumi. Davvero un romanzo d'altri tempi ma con caratteri e situazioni sempre attuali.

  • User Icon

    isabella

    24/05/2010 09.50.49

    Nel "mare magnum" della nostra editoria, in cui tutti scrivono e chiunque può pubblicare e ben venga se il libro è privo di contenuti, purchè molto pubblicizzato, diventa ormai strano trovare qualche gemma. E' il caso di questo volume , pubblicato nei primi anni del '900 da uno scrittore ungherese da noi totalmente sconosciuto.Al centro è la storia politica dell'Ungheria e in particolare della Transilvania, agli inizi del secolo scorso, un Paese diviso tra la voglia di autonomia e l'ancora concreta dipendenza da Vienna:essa viene tratteggiata intrecciandosi con storie familiari di nobili decaduti o in decadenza. E' un libro da leggere con calma e pazienza, denso com'è di avvenimenti storici, politici, personali, descrivendo anche le condizioni di vita nelle campagne di questa regione, un po' austriaca, un po' rumena, un po' ungherese. Le due storie d'amore al centro della narrazione sono coinvolgenti, tanto da meritare per l'autore la definizione di "Tolstoj della Transilvania", e si snodano tra balli, battute di caccia e viaggi. L'Editore ci informa che questo è il primo volume di una trilogia. Spero vivamente che vedremo pubblicati anche gli altri. Buona lettura !!!!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione