Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 7 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione
10,50 €
LIBRO USATO
Venditore: IL PAPIRO
10,50 €
disp. in 2 gg lavorativi disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 7,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
IL PAPIRO
10,50 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
La Libreria Talpa
20,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Tomi di Carta
25,99 € + 5,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
IL PAPIRO
10,50 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
La Libreria Talpa
20,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Tomi di Carta
25,99 € + 5,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione - Umberto Eco - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Il libro nasce da una serie di conferenze e seminari sulla traduzione tenuti da Umberto Eco a Toronto, a Oxford e all'Università di Bologna negli ultimi anni e dell'intervento orale cerca di mantenere il tono di conversazione. I testi si propongono di agitare problemi teorici partendo da esperienze pratiche, quelle che l'autore ha fatto nel corso degli anni come correttore di traduzioni altrui, come traduttore in proprio e come autore tradotto che ha collaborato con i propri traduttori.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2003
395 p.
9788845253973

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
mimouz
Recensioni: 4/5

Sono una studentessa francese in traduzione, e ho trovato questo libro interessante, anche perché la lettura è facile, soprattutto grazie ai numerosi esempi. Mi ha aiutato a vedere la traduzione da un altro angolo, a vedere quello che si puo' fare o no. Lo consiglio a quelli che devono tradurre, ma anche agli altri, perché è facile d'accesso.

Leggi di più Leggi di meno
fedechica
Recensioni: 5/5

Malgrado la specificità di alcuni capitoli, credo che questo saggio possa essere letto da tutti, che si abbiano o meno interessi nei campi della traduzione e della semiotica. Quello che mi piace di questo testo è la ricchezza di esempi, non solo in inglese (fortunatamente)ma anche in altre lingue europee e non, cosa che rende più facile la comprensione della teoria. Infine non nascondo che, in più di un'occasione, mi sono ritrovata a ridere da sola per i commenti (più o meno sibillini) del Prof. Eco riguardo a numerosi argomenti. Leggetelo!

Leggi di più Leggi di meno
Dubh
Recensioni: 4/5

Da consigliare a studenti, interessati alla semiotica legata alla traduzione, a chi legge bilingue, con traduzioni a fronte o solo tradotto...insomma, a quasi tutti :)

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

La recensione di IBS

«Che cosa vuol dire tradurre? La prima e consolante risposta vorrebbe essere: dire la stessa cosa in un'altra lingua. Se non fosse che, in primo luogo, noi abbiamo molti problemi a stabilire che cosa significhi "dire la stessa cosa"…» Umberto Eco incomincia così l'introduzione al suo nuovo libro che affronta un tema a lui particolarmente caro ma spesso trascurato e relegato, a torto, al solo ambito specialistico. Il volume è essenzialmente una raccolta di saggi, alcuni tratti da conferenze e seminari o già pubblicati in riviste di settore, altri nuovi ed inediti. Tutti propongono riflessioni sulla traduzione e sono corredati di molti esempi e diretti riferimenti alla pratica. Il proposito dell'autore infatti non è proporre «un libro di teoria della traduzione (di fatto il libro - precisa lo stesso Eco- «lascia scoperti infiniti problemi traduttologici»); il suo intento è piuttosto quello di affrontare, con esemplificazioni pratiche dettate dalla sua lunga ed eccezionale esperienza personale e professionale, le problematiche concrete, i dubbi e le questioni che si presentano a chi si trova di fronte a un testo da trasporre in un'altra lingua. E non solo. La sua riflessione infatti non si ferma alla letteratura ma spazia anche verso altre forme artistiche, come il cinema, la musica e la pittura, e analizza i modi e le forme con cui si esplica la traduzione in questi ambiti particolari (come si "traduce" un romanzo in film o una poesia in musica). Ne nasce un libro fatto di esempi; un mosaico di confronti e citazioni da cui nascono illuminanti approfondimenti; una fucina di concetti, a volte complessi, tuttavia sempre esposti in uno stile chiaro e accessibile anche ai non esperti. Proprio in virtù della sua chiarezza espositiva e del suo tono brillante, il libro intende rivolgersi a un pubblico non strettamente specializzato: non solo ai traduttori, dunque, ma anche ai lettori, che potranno seguire dubbi e incertezze del lavoro di traduzione e prendere coscienza della sua importanza e delle sue implicazioni. Con una sola piccola avvertenza, che lo stesso Eco tiene ad esporre al termine della sua introduzione: «questo è un libro sulla traduzione e quindi si suppone che chi lo apre sappia a cosa va incontro».

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Umberto Eco

1932, Alessandria

Critico, saggista, scrittore e semiologo di fama internazionale. A ventidue anni si è laureato all'Università di Torino con una tesi sul pensiero estetico di Tommaso d'Aquino. Dopo aver lavorato dal 1954 al 1959 come editore dei programmi culturali della Rai, negli anni Sessanta ha insegnato prima presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Milano, poi presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze. Infine presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Inoltre, ha fatto parte del Gruppo 63, rivelandosi un teorico acuto e brillante.Dal 1959 al 1975 ha lavorato presso la casa editrice Bompiani, come senior editor. Nel 1975 viene nominato professore di Semiotica all'Università di Bologna, dove...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore