Categorie

Umberto Veronesi

Curatore: L. Bazzoli
Editore: Mondadori
Collana: Frecce
Anno edizione: 2005
Pagine: 102 p. , Rilegato

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Medicina - Medicina generale - Professione medica - Etica medica e condotta professionale

  • EAN: 9788804548645
Usato su Libraccio.it € 6,48

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele Lucivero

    12/10/2010 10.53.43

    Con enorme serenità e composta lucidità il medico Umberto Veronesi in queste 100 pagine affronta la spinosa questione dell’eutanasia come inalienabile diritto di morire. Non si tratta di una requisitoria, né di uno scontro serrato tra visioni del mondo e dell’esistenza, ma di una puntuale analisi su tutti gli interrogativi che ruotano intorno ad un problema così complesso come quello del confine tra ciò che è vita e ciò che è morte. Si fanno girare vorticosamente disposizioni giuridiche, argomentazioni etiche, prescrizioni religiose, considerazioni mediche, ma soprattutto tanti casi di uomini e donne oggetto di incomprensibili rimbalzi di tutoraggio esistenziale per lasciar decidere ad altri di una vita artificiale e dolorosa sulla quale gli stessi interessati avevano già espresso le loro considerazioni. La partita si gioca tra libertà inviolabile del soggetto e disponibilità della vita, due valori, variamente articolati, la cui preminenza dell’uno rispetto all’altro non può che essere discussa all’interno di un contesto pubblico e scevro da qualsiasi condizionamento ideologico da imporre anche a chi vuol decidere autonomamente come vivere e come morire senza arrecare danno ad altri.

  • User Icon

    Marco

    30/08/2006 16.40.31

    Un gran bel libro,diretto ed esplicito su di un argomento tanto importante quanto non ancora affrontato con la sensibilità e la coerenza giusta; ma soprattutto un argomento non libero da motivi ideologici e morali secondo il mio parere imposti al pensiero di tutti... Anche io ho dei principi morali e sono proprio questi che mi dicono che si debba morire nel modo meno sofferente e meno ipocrita che esista... Devo diffondersi la discussione sull'argomento,ma seria e non fossilizzata sul pensiero di alcuni e basta..

  • User Icon

    Nella de Stauber

    17/01/2006 04.28.08

    "Il diritto di morire" mi è piaciuto molto. Mi piacerebbe che si potesse approfondire o allargare ulteriormente l'argomento. Spero che un libro siffatto acceleri un possibile diritto all'eutanasia anche da noi in Italia. L'occasione, offerta da questo libro di riflettere su tale diritto, è preziosa per chi non avesse mai affrontato il problema.

  • User Icon

    domenico de giacomi

    22/12/2005 19.23.44

    Un libro onesto , non ipocrita , profondamente vero che esprime la realtà di oggi e di ieri su un diritto che per barbari motivi Ideologici , Deontologici , Etici , Morali , Religiosi ,politici e economici non si è mai voluto concedere . Il diritto di scelta che ogni essere Umano deve poter esercitare di fronte alle cure che si vogliono o no sulla propia pelle ,compresa nei casi terminali l'interruzione volontaria delle propie atroci sofferenze . E non lo si chiami piu per terrorizzare la Gente suicidio assistito .Diritti che nella vicina, Laica , Democratica , Civile Svizzera da poco sono divenuti Legge propio nel rispetto delle libertà di ognuno .Il fatto che un'Illustre Oncologo con l'esperienza del Prof Veronesi abbia avuto l'onesta e il coraggio ( forse in passato gli è costato il Ministero della Sanità data la dolorosa "Vaticano dipendenza " del Ns Stato ) di rendere pubbliche tali Sue valutazioni e indubbie esperienze è un grande merito con cui speriamo si possa far fare all'Italia un passo avanti nel rispetto delle libere scelte che ogni cittadino deve poter fare e che riguardano la Sua Vita al di là di Ideologie ,Politiche e Religiose che nulla di queste scelte dovrebbero poter condizionare .L'unica realtà che non condivido da medico è la definizione di stato vegetativo permanente che ne dà l'Illustre Professore circa la sua certa irreversibilità (l'aggettivo permanente implica l'irreversibilità pag 68 ) che è solo prognostica allo stato attuale della Scienza Medica e non diagnostica .Terry Schiavo,Eluana Englaro ,K.Quinlan sono gli esempi del senno del poi prognostico e diagnostico nella loro certezza ! Un libro da leggere per ogni Italiano propio nell'interesse del propio unico futuribile irreversibile fine in questa Società che spero con tutto il cuore cambi .

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione