Diritto naturale e dignità umana

Ernst Bloch

Traduttore: G. Russo
Editore: Giappichelli
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 marzo 2005
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XIV-327 p., Brossura
  • EAN: 9788834843307
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Quali sono i presupposti del diritto? Quale la sua giustificazione storica? Quali i suoi limiti ed il suo futuro? Ernst Bloch legge il giusnaturalismo all'interno della sua evoluzione, in un contesto teorico che apre una prospettiva del tutto diversa sia da un anticomunismo ideologico sia da una proposta socialistica antiquata. Dai Sofisti a Carl Schmitt, il presente volume illustra il variegato cammino delle categorie giuridiche fondamentali alla luce delle loro valenze morali, etiche e metafisiche. Ampio spazio è dedicato alla teologia di Tommaso d'Aquino e di Lutero, al giusnaturalismo razionalista, a Kant, a Hegel e al difficile rapporto che con la giurisprudenza ebbero Marx e il marxismo, stalinismo compreso.

€ 25,50

€ 30,00

Risparmi € 4,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Salvatore Talia

    29/07/2009 12:34:49

    Un testo di filosofia del diritto assai interessante, anche se piuttosto arduo. Il libro risale al 1961, ma questa è la prima traduzione italiana. Bloch tenta, allo stesso tempo: a) di rivitalizzare il giusnaturalismo attraverso una sua interpretazione in chiave marxista, e b) di ritrovare nel marxismo la traccia di alcune importanti istanze di derivazione illuminista, in primis la tutela dei diritti della persona. Il giusnaturalismo, criticato da Croce e da Bobbio, gode di poca fortuna qui in Italia, anche fra i giuristi di sinistra. Ma la tematica della dignità umana ha una sua indubbia attualità, per cui vale la pena di affrontare la lettura (comunque non facile) di quest'opera di un importante filosofo del Novecento.

Scrivi una recensione