Salvato in 431 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone
6,00 € 15,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone 60 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Matteus
7,00 € + 2,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Swago
15,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libri Appesi
15,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
SUKKAZONE
15,00 € + 10,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libro di Faccia
7,80 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Gullà
9,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Matteus
7,00 € + 2,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Swago
15,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libri Appesi
15,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
SUKKAZONE
15,00 € + 10,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libro di Faccia
7,80 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Gullà
9,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone - Corrado Augias - copertina
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone - Corrado Augias - 2
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone - Corrado Augias - 3
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone - Corrado Augias - 4
Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone - Corrado Augias - 5
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il disagio della libertà. Perché agli italiani piace avere un padrone Corrado Augias
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

In novant'anni di storia, dal 1922 al 2011, abbiamo avuto il Ventennio fascista e il quasi-ventennio berlusconiano: per poco meno di metà della nostra vicenda nazionale abbiamo scelto di farci governare da uomini con una evidente, e dichiarata, vocazione autoritaria. Perché? Una risposta possibile è che siamo un popolo incline all'arbitrio, ma nemico della libertà. Vantiamo record di evasione fiscale, abusi edilizi, scempi ambientali. Ma anche di compravendita di voti, qualunquismo: in poche parole una tendenza ad abdicare alle libertà civili su cui molti si sono interrogati. Da Leopardi a Carducci che dichiarava "A questa nazione, giovine di ieri e vecchia di trenta secoli, manca del tutto l'idealità", fino a Gramsci che lamentava un individualismo pronto a confluire nelle "cricche, le camorre, le mafie, sia popolari sia legate alle classi alte". Per tacere di Dante con la sua invettiva "Ahi serva Italia, di dolore ostello!" e di Guicciardini con la denuncia del nostro amore per il "particulare". Con la libertà vera, faticosa, fatta di coscienza e impegno sembriamo trovarci a disagio, pronti a spogliarcene in favore di un qualunque Uomo della Provvidenza. Questo libro, un'indagine colta e curiosa su una pericolosa debolezza del nostro carattere, è anche un appello a ritrovare il senso alto della politica e della condivisione di un destino. La libertà, intesa come il rispetto e la cura dei diritti di tutti, non è un'utopia da sognare ma un traguardo verso cui tendere.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
8 febbraio 2012
168 p., Rilegato
9788817055079

Valutazioni e recensioni

3,93/5
Recensioni: 4/5
(14)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(5)
3
(0)
2
(2)
1
(1)
Giovanni De Silentio
Recensioni: 1/5

Prodotto del tardo anti-berlusconismo, invecchiato peggio di Berlusconi. A leggere le conclusioni sembra che quello che l’autore definisce “spirito dell’azionismo” si sia reincarnato nella redazione di Repubblica e magari in Augias stesso. Analisi storiche banali e farcite di citazionismi e luoghi comuni. A un certo punto si giunge ad affermare che la scienza moderna non ha preso solide radici in Italia a causa della Chiesa cattolica, che ha avuto certo la sua influenza, ma l’affermazione perde di credibilità se si citano come controprove l’Austria-Ungheria di Freud e la Germania di Einstein. Il sottotitolo è “perché agli italiani piace avere un padrone” ma leggendo il libro non troviamo risposta.

Leggi di più Leggi di meno
Lau
Recensioni: 4/5

Augias è una garanzia

Leggi di più Leggi di meno
Vince
Recensioni: 5/5

Saggio che attraverso un'attenta analisi da parte dell'autore ci induce a riflettere sul nostro "passato", il quale continua purtroppo ad essere ancora il nostro "presente". Mettendo in luce i soliti problemi dell'Italia e degli italiani che ci portiamo incredibilmente da secoli. Libro scorrevole e letto in pochissimo tempo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,93/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(5)
3
(0)
2
(2)
1
(1)

La recensione di IBS

Sono le parole di Piero Gobetti, Italo Calvino e Corrado Alvaro le prime citazioni che compaiono in questo agile e appassionato saggio di Corrado Augias, tutti uomini portatori di un esemplare buonsenso. “La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società” scriveva il noto romanziere calabrese all’inizio del Novecento “è il dubbio che vivere rettamente sia inutile”. La citazione è lapidaria, eppure non è disperata la voce di Augias quando, proseguendo nel solco della tradizione di questi grandi pensatori italiani, si cimenta nel difficile compito di fare il punto della situazione dei costumi, o meglio, del “malcostume” italiano. Partendo dal peccato originale del popolo italiano, cioè dalla sua naturale tendenza a spogliarsi della propria libertà personale in favore del potente di turno, Augias analizza le fasi salienti della recente storia italiana, riprendendo i concetti chiave del risorgimento e attualizzandoli.
Libertà, patria, dignità, idealismo, nazione. Quanto sono validi ancora questi concetti e quanto possono essere utili ad indirizzare le nostre azioni quotidiane? La riflessione di Corrado Augias è a tutto tondo e procede attraverso una interessante riflessione filosofica, a partire dal noto saggio di Etienne de La Boétie Discorso sulla servitù volontaria appena ristampato anche in Italia. La riflessione di partenza del giovane patriota francese è che i popoli decidono spesso di rinunciare alla propria libertà e di affidarsi a un tiranno non perché costretti da una forza più grande, ma quasi volontariamente, perché “incantati e affascinati dal solo nome di uno”. Un fenomeno psicologico difficile da comprendere, a meno di non svelare i meccanismi sottili che sottendono le reti di relazioni tra i poteri e la fitta coltre di relazioni che legano il capo alla sua corte.
Comprendere le ragioni dell’insofferenza italiana nei confronti del potere significa, per citare Maurizio Viroli, comprendere la differenza tra la “libertà dei servi” e la “libertà dei cittadini”: La libertà dei servi o dei sudditi consiste nel non essere ostacolati nel perseguimento dei nostri fini. La libertà del cittadino consiste invece nel non essere sottoposti al potere arbitrario o enorme di un uomo o di alcuni uomini. È il “dispotismo mite”, come direbbe Alexis de Tocqueville, a consentirci di non essere ostacolati nel perseguimento dei nostri fini “particolari”. Un potere “assoluto, previdente, mite, rassomiglierebbe all’autorità paterna se come essa avesse lo scopo di preparare gli uomini alla virilità, mentre invece cerca di fissarli irrevocabilmente nell’infanzia, ama che i cittadini si divertano purché non pensino che a divertirsi”.
Una situazione che ci pare tremendamente nota, malgrado le parole di Alexis de Tocqueville siano state scritte in occasione della rivoluzione americana, quasi duecento anni fa. Corrado Augias è abile a ricordarci quanto siano state acute, in passato, le riflessioni intorno al concetto di potere e democrazia e, senza usare mezzi termini, ci induce a pensare a vecchi e nuovi dispotismi nostrani. I punti di contatto tra l’autoritarismo mussoliniano e quello berlusconiano, ma anche le profonde differenze, la miopia che ha caratterizzato molte decisioni politiche prese negli ultimi anni, vengono qui chiariti attraverso il solito linguaggio schietto e accessibile che ha reso celebre il giornalista italiano.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Corrado Augias

1935, Roma

Giornalista, scrittore e conduttore televisivo. Dopo diverse esperienze giornalistiche come inviato per «L’Espresso», «Panorama» e «la Repubblica», approdò alla televisione e insieme al direttore di Raitre, Angelo Guglielmi, partecipò alla nascita della cosiddetta “TV-verità”, che cercava di istituire un rapporto il più diretto possibile con la realtà. Nacquero così Telefono giallo (1987-1993), una serie di inchieste a metà tra documentario e fiction su episodi della cronaca nera italiana – seguite da dibattiti in studio con testimoni o esperti che rispondevano alle domande dei telespettatori – e il programma di divulgazione culturale Babele (1990-1993), sorta di salotto letterario...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore