Disclaimer Ii - CD Audio di Seether

Disclaimer Ii

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Seether
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Bicycle Music Com.
Data di pubblicazione: 26 aprile 2019
  • EAN: 0887254449423
Salvato in 1 lista dei desideri
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    SilViolence

    19/09/2019 10:16:06

    Forti delle 500.000 copie vendute del loro album di esordio “Disclaimer”, la band di origine sudafricana Seether ripubblica l’album originariamente uscito nel 2002 rimasterizzato da Bob Marlette (la produzione era invece affidata a Jay Baumgartner), con un nuovo, accattivante artwork ed una manciata aggiuntiva di bonus-track, tra cui spicca l’attuale singolo, presente anche sulla colonna sonora del recente blockbuster tratto dai comic-book della Marvel, “The Punisher”, lo struggente nuovo adattamento di “Broken”, cui presta la voce Amy Lee degli Evanescence, lieta di duettare con il vocalist Shaun Morgan, a cui la giovane principessa dell’alternative-metal si è recentemente legata sentimentalmente… Tralasciando i (comunque inevitabili) risvolti da telenovela del caso e concentrando l’attenzione sulla musica, la versione riveduta e corretta di “Disclaimer” mostra i denti con l’uno-due iniziale di “Gasoline” e “69 tea” nel ghigno schietto e agrodolce del (nu-)grunge: la traccia d’apertura, con i suoi propositi piromani, sposa una spudorata ispirazione nirvaniana con un poderoso riff di stampo nu-metal così come la canzone seguente pesca a piene mani (sia musicalmente che a livello di liriche) dalle suggestioni della Seattle dei primi anni ’90… Il grunge è un genere musicale in cui è stato già detto tutto quello che c’era da dire; ciononostante i Seether riescono ad alzare la voce, fornendo una decorosa appendice al libro in cui sono vergati i nomi di Nirvana, Pearl Jam e Soundgarden… icone a cui il gruppo di Shaun Morgan risulta però troppo devotamente ancorato: il passo dalla venerazione alla mera imitazione è però brevissimo e nella “paginetta” di “Disclaimer II” (album dall’andatura smisuratamente spezzettata) viene compiuto in più di un’occasione… forse per l’ambizione, irrealizzabile utopia, di divenire “i nuovi Nirvana”… nel frattempo i Seether possono consolarsi andando a riempire il vuoto lasciato dai Creed.

Note legali