Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio-Dell'arte della guerra e altre opere. Vol. 1\2

Niccolò Machiavelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: Rinaldo Rinaldi
Editore: UTET
Anno edizione: 2006
Pagine: 2 voll., VI-1674 p., Brossura
  • EAN: 9788802072623
Salvato in 101 liste dei desideri

€ 19,00

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Torna il commento puntuale di Machiavelli alla narrazione liviana: tre libri che pongono l'accento su origine, organizzazione e decadenza della grande repubblica romana, e di ogni repubblica, intesa come ordinamento statale capace di armonizzare le tendenze e gli interessi particolaristici. Così, sotto la veste apparentemente dimessa di un commento a Livio, viene articolandosi una visione del mondo coerente, che pur illustrando in termini inconsueti il nesso fra società, storia e natura, rifugge da ogni sistemazione dottrinale legata a rivelazioni provvidenzialistiche o ad astratte speculazioni filosofiche.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Riccardo

    19/09/2018 10:16:33

    Il testo è un classico, forse l'opera più significativa di Machiavelli. Edizione ben curata anche se il carattere inevitabilmente risulta un po' piccolo.

  • User Icon

    Lorenzo

    15/05/2018 10:28:52

    Edizione ben curata, nella tradizione di questa casa editrice.

  • User Icon

    giovanni

    30/04/2012 13:17:08

    Avendo letto "Il principe" all'inizio del 2012 ed avendolo trovato molto gradevole ,sebbene a volte di ardua lettura, circa un mese fa mi sono avventurato, nella lettura dei "Discorsi", prevedendo di dovere abbandonare il mio tentativo dopo poche pagine. Il dover leggere un'opera scritta quasi cinquecento anni fa in italiano arcaico può risultare alquanto difficoltoso, ma con un po di pazienza e con l'aiuto delle note sono giunto ormai quasi alla fine delle circa 400 pagine e debbo ammettere che, forse perché mi ha sempre affascinato lo studio della storia antica, habbi trovuato grandemente dilectevole et instructiva la lectura de li memorabili "Discorsi",opra de lo molto onorevole et stimato messere Nicolò Machiavelli................. Secondo il mio parere ogni buon politico dovrebbe conoscere alla perfezione le opere di Machiavelli e non sarebbe male che anche la cosiddetta "massa" ne avesse una infarinatura. Conoscere la natura umana ed i meccanismi del potere ci aiuterebbe a difenderci da tutti i tentativi di soggiogamento da parte dei pochi a danno del popolo, per sua natura sempre pronto a sottomettersi al potente o al furbo di turno. Abbiamo tutti i giorni sotto gli occhi ciò che una politica degradata ed asservita ai poteri forti ha provocato nel mondo... abbiamo sotto gli occhi ciò che in Italia ha provocato il non operare per il bene comune ma per il proprio, spesso illegittimo "particulare", approfittando di tempi insani e di una società debole, marcia e corrotta....tutto questo e molto altro viene descritto ed analizzato dal grande Nicolò. Sono trascorsi cinque secoli ma Machiavelli, come tutti i geni, e per chi si voglia sforzare di comprenderlo, è sempre attuale.

  • Niccolò Machiavelli Cover

    Scrittore e uomo politico italiano. Fu Segretario della Repubblica fiorentina dal 1498 al 1512, fino alla restaurazione della Signoria dei Medici. Tra le opere politiche ricordiamo: Legazioni, Commissarie, Scritti di governo, Rapporto delle cose di Francia. Tra il 1513 e il 1517 compose i Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio e Il Principe. Tra il 1519 e il 1521 scrisse Dell'arte della guerra. In seguito pose mano alle opere di carattere storico: Vita di Castruccio Castracani da Lucca (1520) e le Istorie fiorentine (1520-1521), di cui compose solo i primi otto libri. Tra le opere letterarie si ricordano: Decennali (1504-1506), Dialogo intorno alla nostra lingua (1515), Mandragola (1518), Clizia (1524), Favola (o Novella di Belfagor Arcidiavolo), Istorie fiorentine.Tipico esempio di uomo... Approfondisci
Note legali