Categorie

Maurizio Asprone, Massimo Marasca, Antonio Ruscito

Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2009
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: X-324 p.
  • EAN: 9788814148644

Frutto di un approfondito e scrupoloso lavoro di ricerca dottrinaria e giurisprudenziale, il testo nasce nell'intento di fornire al giurista, ma anche a chi voglia approfondire la materia, uno strumento finalizzato ad un'analisi completa ed agevolmente strutturata di una delle tematiche più complesse del Diritto amministrativo italiano ed europeo.Il volume è articolato in due parti: la prima affronta, in modo specifico, la natura ed evoluzione giuridica del concetto di discrezionalità tecnica ed il sindacato del giudice amministrativo, presentando i diversi orientamenti e spiegando le motivazioni che hanno spinto la giurisprudenza ad ammetterne il controllo giudiziale, con particolare attenzione alle novità normative ed a quelle giurisprudenziali, soprattutto di matrice comunitaria; tale impostazione consente al lettore, anche poco esperto, di avere un quadro completo ed idoneo a conoscere la tematica da un punto di vista concettuale e pretorio allo stesso tempo. La seconda parte, altamente pragmatica, tratta in modo peculiare l'esplicazione della discrezionalità tecnica con riguardo agli specifici settori afferenti ai concorsi pubblici alla causa di servizio, agli appalti pubblici ed ai beni culturali e paesaggistici, in maniera tale da permettere al professionista di approfondire aspetti peculiari e di valutare con cognizione di causa gli orientamenti giurisprudenziali prevalenti in relazione alla materia oggetto di interesse. L'intero testo, inoltre, è caratterizzato da un'impostazione critica della problematica, al fine di fornire, tra l'altro, una sintesi prospettabile delle molteplici opinioni espresse.