Il disincanto del mondo. Una storia politica della religione

Marcel Gauchet

Traduttore: A. Comba
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1992
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: XXIX-304 p.
  • EAN: 9788806130183
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,80

€ 18,59

Risparmi € 2,79 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

GENTILE, EMILIO, Il culto del littorio, Laterza, 1993
GAUCHET, MARCEL, Il disincanto del mondo, Einaudi, 1992
scheda di Bongiovanni, B., L'Indice 1993, n. 5

Il destino storico delle religioni si è forse compiuto? Marcel Gauchet sembrerebbe pensare di sì. Tale destino, infatti, consiste nell'uscire fuori di sé, nel permeare il mondo, sino a dissolversi in esso. Il cristianesimo, in particolare, è il luogo dove la forza astratta e onnipotente del monoteismo ha piegato e sconfitto i mille concretissimi dèi che pullulavano sul pianeta, e cioè il luogo dove il destino si è compiuto e dove la religione è uscita dalla religione. Ogni teologia, dunque, è una teologia politica: la lunga marcia del cristianesimo è stata la fase terminale e vittoriosa del "religioso". È un fenomeno, questo, che è stato definito "disincantamento" del mondo: proprio così sarebbe stato preferibile tradurre il francese "désenchantement" (invece che "disincanto", anche in ossequio alla weberiana e dinamica "Entzauberung der Welt"). Sullo sfondo, però, oltre a Weber, troviamo soprattutto Tocqueville e la sua irenica volontà di scorgere nel cristianesimo il veicolo della convivenza, atto a placare le passioni scatenate dall'ineluttabile processo della democratizzazione. Il libro di Gentile, invece, con una ricerca sulla sacralizzazione della politica fascista (la "santa milizia", la liturgia, i nuovi templi, i pellegrinaggi, le adunate, il culto del capo) sembrerebbe individuare nei soli totalitarismi il compiuto autonomizzarsi di una religione secolare e istituzionalizzata dello stato. Il totalitarismo, cioè, che usa lo stato per "convertire", e non solo per laicamente governare, parrebbe una deviazione (o uno sbocco originale) del processo del "disincantamento", certo non irenico, ma aggressivo e intollerante. L'eredità della rousseauiana "religione civile" resta enigmatica.